Keystone
SVIZZERA
04.07.21 - 11:010
Aggiornamento : 12:45

Gli Europei e quella inquietante «euforia incontrollata»

Per Urs Karrer, l'evento di massa e le emozioni che comporta sono in netto contrasto con una pandemia.

Il vicepresidente della task force Covid-19 della Confederazione è preoccupato: «Mi stupisce davvero con quale nonchalance in Europa ci confrontiamo ancora con questo virus».

BERNA - Per il vicepresidente della task force Covid-19 della Confederazione, Urs Karrer, «l'incontrollata euforia per gli Europei di calcio» richiederà un tributo di morti. Dal comportamento attuale dipenderà come la Svizzera supererà l'inverno.

«Mi stupisce davvero con quale nonchalance in Europa ci confrontiamo ancora con questo virus, non appena i numeri di casi sono in calo», dichiara Urs Karrer in un'intervista al "SonntagsBlick".

La situazione epidemiologica in Europa non è attualmente tale da permettere lo svolgimento incontrollato di eventi di massa. Le emozioni, che fanno inevitabilmente parte di un campionato europeo di calcio, sono l'esatto contrario di una situazione sotto controllo. «Gli europei di calcio sono un terreno ideale per il virus», afferma il primario di medicina interna e malattie infettive presso l'ospedale cantonale di Winterthur.

Sono già state segnalate diverse infezioni di massa: quasi 2000 tifosi scozzesi erano stati contagiati a Londra, così come centinaia di finlandesi nel corso di due partite a San Pietroburgo. Secondo l'infettivologo, in Paesi come l'Inghilterra o la Russia sono necessarie misure di protezione molto più consistenti.

Karrer si dice convinto che gli europei di calcio richiederanno un tributo di morti legato al coronavirus. È come una «Ischgl al quadrato»: dal nome della località di sport invernali austriaca, in Tirolo, che nel marzo del 2020 ha contribuito in modo significativo alla diffusione del virus in alcune parti d'Europa.

Soltanto nelle prossime settimane sarà chiaro fino a che punto Euro 2020 ha contribuito alla diffusione del virus e all'intensificazione della pandemia. È concepibile che un'inversione di tendenza sia in atto anche in Svizzera, dopo un lungo periodo di numeri di casi in calo.

Nuove ondate possibili tra non vaccinati - In Inghilterra e in Portogallo la variante Delta del virus ha mostrato una trasmissibilità così alta da rendere possibili nuove ondate tra in non vaccinati anche in estate. «Dobbiamo stare attenti a non finire con una quarta ondata in Svizzera», afferma Karrer, il quale si aspetta che da metà luglio la variante Delta, che è due volte più contagiosa, dominerà gli eventi epidemiologici in Svizzera.

Dipende dal comportamento attuale se la Svizzera riuscirà a superare l'inverno senza grandi restrizioni. «Abbiamo a disposizione i vaccini più efficaci in quantità sufficiente. Il motto ora è: "Vaccinare, vaccinare, vaccinare". Ogni persona che si vaccina aiuta la Svizzera ad andare avanti».

Karrer spera che si potrà raggiungere in un tasso di vaccinazione dell'80%. «Con la variante Delta, sarebbe bene che fosse ancora più alto. Soprattutto tra gli over 50», sottolinea il vicepresidente della task force Covid-19.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
54 min
Vaccinazione: 10 milioni di dosi, 7'571 casi con effetti collaterali
Swissmedic ribadisce che le notifiche sinora analizzate non incidono sul profilo rischi-benefici positivo dei preparati
SVIZZERA
55 min
Test Covid: esito negativo per molti
Chi chiedeva tamponi gratuiti per tutti è rimasto deluso, ma anche chi li voleva a pagamento non è soddisfatto.
SVIZZERA
2 ore
Paesi a rischio, anche Albania e Serbia sulla lista nera
Dentro anche Armenia, Azerbaigian, Brunei e Giappone. Fuori invece l'Uruguay.
SVIZZERA
2 ore
Test gratuiti solo per chi attende la seconda dose
Questa è la proposta emersa dall'odierna seduta di Consiglio federale che verrà ora messa in consultazione.
SVIZZERA
3 ore
Coronavirus in Svizzera: altri 1'502 contagi e quindici decessi in ventiquattro ore
Per 59 persone si è reso necessario un ricovero. Nelle cure intense il 23,9% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
3 ore
Lotteria pro vaccino, 33enne premiata con diecimila franchi
Olivia, una 33enne zurighese, si è portata a casa una vincita di 10mila franchi.
SVIZZERA / CANTONE
4 ore
Donne incinte assalite dai dubbi: «Vaccino sì o no?»
Berna consiglia il vaccino a tutte le donne in dolce attesa a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza.
ZURIGO
6 ore
Violento frontale, in gravi condizioni entrambi i conducenti
Per motivi ancora da chiarire, il giovane ha invaso la corsia opposta.
FOTO
BERNA
6 ore
Ad Aegerten è spuntata un'anfora di duemila anni
La scoperta risale alla scorsa primavera. Il contenitore era impiegato per il trasporto di olio d'oliva
ZURIGO
6 ore
Certificato Covid, qui anche per tagliarsi i capelli
«Lavoriamo talmente vicino al cliente che un'eccezione non ha senso», così il gerente del salone, Pedro Sanchez.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile