Immobili
Veicoli
20min/Noah Knüsel
SVIZZERA
03.07.21 - 23:300
Aggiornamento : 04.07.21 - 11:03

Covid pass obbligatorio, il mondo della notte si arma di soluzioni

Diversi locali hanno deciso di offrire la possibilità di effettuare un test gratuito direttamente all'ingresso

Interessante anche un'iniziativa a Losanna: una stazione di test gratuiti, in centro, fino a notte inoltrata

BERNA - Il Consiglio federale ha permesso alle discoteche, ai club, e ai locali notturni di riaprire, a condizione che il Certificato Covid sia un requisito obbligatorio per ritornare a ballare e a fare festa.

Una soluzione che, arrivata all'improvviso, ha sorpreso da un lato i gestori dei locali, che si sono trovati a dover affrontare una situazione nuova, dall'altro i centri per effettuare i tamponi, già molto sollecitati a causa delle vacanze estive. 

Inoltre, è una soluzione che la Commissione elvetica di Bar e Club (SBCK) ha definito un'ingiustizia, in quanto «i club sono gli unici luoghi in Svizzera dove l'accesso è possibile solo con un certificato». Dopo qualche giorno di analisi e valutazione, intanto, alcuni locali hanno iniziato a trovare delle vie alternative, prendendo in mano la situazione.

Test all'ingresso dei locali
Diverse discoteche in Svizzera interna hanno deciso di offrire la possibilità ai clienti che non sono ancora vaccinati, o che non sono stati in grado di ottenere un appuntamento per un test, di effettuare un tampone all'entrata del locale.

Tra loro, ad esempio, il Bar Rouge di Basilea, che ha istituito una collaborazione con una farmacia locale, adibita allo svolgimento di test rapidi antigenici (quelli fai da te e quelli sierologici non valgono, per il pass). Così, nonostante la capacità di test della città di Basilea sia già al limite, il locale non deve tener chiuso per la mancanza di gente.

Il test, con la tessera della Cassa Malati, è gratuito. Per chi non è assicurato in Svizzera, costa invece 47 franchi. La stessa opzione la offrono già anche altri locali, come il Jukebox Club di Sion, in Vallese, e il Le Ciel di Berna, il cui proprietario ha dichiarato «abbiamo preso il nostro destino nelle nostre mani».

Test notturni
A Losanna, vista la domanda inaspettatamente alta di test e l'apertura dei locali, la società privata Hemostaz si è offerta di correre in soccorso dei festaioli, allestendo un centro di test last-minute nel cuore della città.

La "stazione" dei test è stata letteralmente presa d'assalto lo scorso fine settimana, con lunghe code che si sono formate per effettuare i tamponi. «Capiamo che c'è tanta richiesta, ma insistiamo sul fatto che la nostra è una soluzione dell'ultimo minuto, potete fare un test durante il giorno in un centro, in un ospedale, da un medico o in farmacia», ha dovuto scrivere la società su Facebook.

Un'esperienza che si ripete anche questa sera. È infatti possibile fare il test - senza appuntamento - tra le 20.30 e le 2 del mattino in Place de l'Europe. Anche in questo caso, presentando la tessera della Cassa Malati svizzera, il test - e quindi il certificato - sono gratuiti.

Così, adeguando le possibilità - mentre un numero sempre maggiore di persone potrà aver fatto anche la seconda dose del vaccino - i locali notturni stanno tentando il possibile per ripartire dopo diversi difficili mesi di chiusura totale.

20min/Noah Knüsel
Guarda le 2 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 6 mesi fa su tio
Ma basta, vivi e lascia vivere
pillola rossa 6 mesi fa su tio
"mentre un numero sempre maggiore di persone potrà aver fatto anche la seconda dose del vaccino", che favorisce le varianti. Salute!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO / QATAR
5 ore
Il boss della FIFA ora vive in Qatar
In attesa dei Mondiali, in novembre, Gianni Infantino si è trasferito nell'emirato da ottobre.
SVIZZERA
6 ore
Quando al rifiuto dell'imbarco segue la violenza
Nel 2021 si sono moltiplicati gli episodi di passeggeri in escandescenza, anche all'aeroporto di Zurigo
SONDAGGIO
SVIZZERA
7 ore
Lavorare quattro giorni alla settimana con lo stesso stipendio
È così in alcune grandi aziende internazionali. Ma alcune piccole imprese elvetiche stanno sperimentando il modello
VAUD
10 ore
Grave incidente sulla A9: un morto e tre feriti
È successo oggi all'altezza di Chardonne, nel Canton Vaud. In un secondo incidente si registra un ulteriore ferito
SVIZZERA
12 ore
Piloti vaccinati a terra, anche se servirebbero in cabina
Swiss resta ferma sull'obbligo di vaccinazione. E cancella i voli in assenza di personale
SVIZZERA
14 ore
«Influenza per i vaccinati? È un affronto»
L'infettivologo ticinese Andreas Cerny mette in guardia sui rischi della nuova strategia federale su Omicron
BERNA / SVEZIA
15 ore
Schianto mortale in Svezia: il camion circolava illegalmente
Il mezzo scontratosi con il minibus che trasportava sette giovani svizzeri appartiene a una ditta che estrae minerali.
SVIZZERA
18 ore
Un registro svizzero degli strascichi
Diversi scienziati invocano uno studio sistematico dei casi di long-Covid. Per capire cosa ci aspetta
SVIZZERA
1 gior
«Meglio pensare che siamo tutti già contagiati»
Il governo rinuncia alla strategia dei test? Per l'organizzazione dei laboratori medici, avrebbe senso
SVIZZERA
1 gior
«Dose booster? I più giovani preferiscono ammalarsi»
La popolazione non a rischio mostra reticenza rispetto alla vaccinazione di richiamo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile