Immobili
Veicoli
Pixabay
SVIZZERA
02.07.21 - 22:060
Aggiornamento : 03.07.21 - 11:32

Ora le chiamate pubblicitarie non ti possono più infastidire

Dal 1. luglio gli operatori telefonici devono mettere a disposizione un filtro contro le telefonate indesiderate

La fondazione per la protezione dei consumatori: «Siamo convinti che la situazione migliorerà»

Fonte 20 Minuten / Dominique Zeier
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - Il telefono suona. Ma è un numero che non conosciamo. Rispondere o non rispondere? Troppo spesso, infatti, si tratta di chiamate pubblicitarie. Da subito la situazione è però destinata a cambiare (in meglio): con la revisione dell'ordinanza sulle telecomunicazioni, da giovedì 1. luglio gli operatori telefonici sono infatti obbligati a offrire ai clienti «un adeguato strumento contro le chiamate pubblicitarie».

Si tratta di un filtro che funziona in maniera analoga a quelli già impiegati per la posta elettronica: in sostanza le telefonate che potrebbero rivelarsi chiamate pubblicitarie illegali vengono automaticamente bloccate. Tale strumento era già disponibile per clienti Swisscom e Sunrise, ma da giovedì devono provvedere anche tutti gli altri operatori.

Come si attiva? - I clienti Swisscom devono attivare il filtro autonomamente. Per farlo è sufficiente cliccare qui e poi selezionare “Attivate il callfilter”. In alternativa, si può contattare il servizio clienti Swisscom allo 0800.800.800.

Per quanto riguarda invece Sunrise, il blocco delle chiamate pubblicitarie è automaticamente attivo per tutti i clienti. Un modello di questo genere viene ora proposto anche da UPC e Salt. Sinora presso questi due operatori non era prevista nessuna protezione dalle chiamate pubblicitarie indesiderate.

Cos'è cambiato? - I filtri che devono essere disponibili da giovedì riguardano esplicitamente le «chiamate pubblicitarie sleali». Sinora i call center erano punibili soltanto se chiamavano i numeri di telefono che sull'elenco sono contrassegnati con una stella. Ma dallo scorso primo gennaio la protezione si applica anche a tutti i numeri che non sono registrati nell'elenco. Un cambiamento, questo, che interessa principalmente le chiamate pubblicitarie verso telefoni cellulari.

Inoltre sarà possibile perseguire non soltanto i call center, ma anche tutte le aziende che beneficiano di tali chiamate, come fa sapere la Fondazione per la protezione dei consumatori (SKS). «Soprattutto assicurazioni e casse malati, che sono responsabili della maggior parte delle telefonate pubblicitarie, devono ora scegliere con più attenzione i call center o i broker con cui collaborare» afferma Sara Stalder della SKS. «Siamo convinti che la combinazione tra filtri per le chiamate e un miglioramento nella segnalazione dei numeri contrassegnati con la stella porterà a una significativa diminuzione delle telefonate pubblicitarie».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SOLETTA
53 min
Minacce con pistola su Tiktok, 23enne in arresto
In un live streaming il giovane ha minacciato di sparare a se stesso o ad altri.
SVIZZERA/FRANCIA
5 ore
Svizzero muore di ipotermia nell'indifferenza dei passanti
Il fotografo René Robert è caduto a terra nel cuore di Parigi, ma nessuno, per nove ore, l'ha aiutato.
ZURIGO
7 ore
Processo Vincenz: chiesti 6 anni
Secondo la procura l'ex direttore di Raffeisen ha causato danni finanziari anche fatali per la società Aduno
SVIZZERA
8 ore
Condanna in appello per Illi e Blancho
Al primo sono stati inflitti 16 mesi per dei video di propaganda islamica. Il secondo dovrà pagare una multa.
BERNA
8 ore
Aumento dei premi in vista secondo Santésuisse
Ciò a causa della crescita delle spese, specie nel settore ambulatoriale medico e ospedaliero
SVIZZERA
8 ore
Demolito il record di ieri: oggi quasi 45mila casi in Svizzera
Si tratta di un nuovo picco assoluto dall'inizio della crisi sanitaria.
SAN GALLO
11 ore
Vendevano migliaia di Covid Pass illegali, arrestati
I certificati sarebbero stati creati attraverso gli account di alcuni dipendenti di vari centri test.
VALLESE
12 ore
Il Vallese toglie l'obbligo di mascherina a scuola
Si parte dalle elementari, seguiranno gli studenti delle medie. Altri annunci sono attesi «nelle prossime ore o giorni»
SVIZZERA
14 ore
Simboli nazisti: «La leggerezza si è diffusa»
I consiglieri nazionali del PS e del centro chiedono il divieto di simboli come la svastica e il saluto nazista.
FOTO
SCIAFFUSA
15 ore
Finisce nell'altra corsia, il frontale gli è fatale
Un 77enne è deceduto ieri tra Sciaffusa e Bargen
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile