keystone
ZURIGO
01.07.21 - 17:330
Aggiornamento : 22:30

«Mi conoscete come Carlos, ma sono Brian»

Il noto criminale approda su Instagram con una lettera.

Ma come può averlo fatto se si trova in isolamento e non ha accesso a telefoni o internet? Ecco la spiegazione

ZURIGO - I più lo conoscono come Carlos. In realtà il nome del giovane delinquente è Brian K. Da tempo il 25enne sta scontando la detenzione per vari reati e attualmente si trova in isolamento nel carcere di Pöschwies.

Ultimamente il plurirecidivo, che per sua volontà ha deciso di non sottoporsi alla terapia psichiatrica che gli avrebbe evitato il carcere, ha iniziato a pubblicare lettere postandole su un account Instagram.

«Ehi, sono Brian. Questo è il mio canale Instagram. Benvenuto. Mi fa piacere sentirti». Con queste parole il giovane criminale noto a livello nazionale si è presentato al suo "pubblico" social lunedì.

Un gruppo di artisti supporta Brian - Assieme al post compare una foto che ritrae un foglietto scritto a mano. «Sono seduto qui in isolamento e non ho quasi nessun contatto con l'esterno. Niente cellulare, niente internet, niente di niente». Il 25enne si trova nel carcere di Pöschwies da quasi due anni e mezzo. Trascorre 23 ore al giorno da solo nella sua cella.

Come può quindi controllare il canale Instagram? In realtà è un gruppo di artisti e sostenitori del 25enne a farlo. L'account è gestito dal collettivo chiamato «#BigDreams». Partendo dal caso di Brian, vogliono affrontare «discorsi sociali più ampi per valutarne i diversi aspetti».

Accedendo al profilo Instagram si può leggere un altro messaggio: «Mi hai conosciuto come Carlos, ma mi chiamo Brian». Per qualche ora il profilo era stato sospeso temporaneamente, ma poi è riapparso.

Brian è stato recentemente condannato per tentata aggressione dal Tribunale cantonale di Zurigo. Questo è il più grave tra i 29 crimini che il delinquente ha commesso in carcere. La pena detentiva è stata aumentata a sei anni e quattro mesi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
La chiusura delle palestre «ha danneggiato la salute dei clienti»
Non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, secondo la federazione svizzera del settore
BASILEA
3 ore
Lite, spunta un coltello: grave un 48enne
L'aggressore è riuscito a far perdere le sue tracce
ZURIGO
5 ore
Ci sono più certificati che vaccinati e guariti messi assieme
Secondo l'Ufsp non si tratta di falsi. Ciò è possibile per quattro ragioni differenti.
ZURIGO
5 ore
Proprietario di agenzia di modelli condannato per molestie
La condanna è di tre anni, di cui uno da scontare. L'imputato sostiene che molte dichiarazioni siano false
SVIZZERA
7 ore
Lo Stato raccomanda il telelavoro, i capi impongono il ritorno in ufficio
Sono diversi i dipendenti che si interrogano sui vincoli dettati dai loro datori di lavoro.
TURGOVIA
7 ore
Mezzo pesante e bicicletta si scontrano: morto un 72enne
L'incidente è avvenuto nel pomeriggio a Kreuzlingen, la polizia cerca testimoni
ZURIGO
9 ore
Filmava bambini nudi, condannato
Ha effettuato le riprese in una struttura balneare per naturisti: un 57enne dovrà scontare 26 mesi di prigione
SVIZZERA
10 ore
A Berna nessuna manifestazione contro le misure anti-Covid
Era prevista per domani ma i promotori delle proteste e la città di Berna non hanno trovato un accordo.
BASILEA
12 ore
Fiocco rosa allo Zoo di Basilea: è nata Safiya
La piccola Safiya pesa poco più di cinque chili
SVIZZERA
13 ore
In Svizzera netto calo dei pazienti Covid in cure intense
In decisa diminuzione i pazienti affetti dal virus in terapia intensiva, che ora occupano il 26,9% dei posti letto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile