Keystone
Un F-35 Lightning
BERNA
30.06.21 - 07:120

Il Consiglio federale farà shopping di aerei da combattimento in America?

L'esecutivo si china sulla valutazione costi-benefici. Anche la geopolitica ha però il suo peso. In testa sarebbe l'F-35

BERNA - Nella sua ultima seduta prima delle vacanze estive il Consiglio federale discute oggi l'acquisto dei nuovi aerei da combattimento. L'attenzione si concentrerà probabilmente non solo sulla valutazione tecnica e sui costi, ma anche e soprattutto su considerazioni politiche.

La scorsa settimana, diversi media svizzero tedeschi hanno riferito che il caccia F-35 Lightning, della statunitense Lockheed Martin, sarebbe arrivato in testa al processo di valutazione effettuato da Armasuisse. Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) non ha rilasciato commenti.

I requisiti per i nuovi aerei da combattimento sono noti. In futuro, quattro velivoli dovranno essere costantemente a disposizione per un periodo di quattro settimane per la protezione dello spazio aereo. In caso di attacco armato, le forze aeree dovranno essere contemporaneamente in grado di effettuare ricognizioni aeree e combattere obiettivi a terra.

Oltre all'F-35, in corsa ci sono anche l'F/A-18 Super Hornet della Boeing (USA), il Rafale della Dassault (Francia) e l'Eurofighter, di un consorzio europeo con sede in Germania. Il Gripen E del produttore svedese Saab si è invece ritirato dalla corsa nel giugno 2019.

Voto risicato per i nuovi caccia - L'acquisto di aerei da combattimento è da sempre una questione politicamente molto discussa in Svizzera. Particolarmente controversa nel recente passato è stata l'acquisizione degli F/A-18 Hornet. Dopo il "no" uscito dalle urne nel 2014 per l'acquisto del Gripen, il Consiglio federale ha lanciato il progetto "Air2030".

Nel marzo 2018, il Consiglio federale ha deciso di lasciare al popolo solo la decisione di principio sull'acquisto, ma non sul tipo di aereo. Un anno e mezzo più tardi il Parlamento ha approvato un Decreto federale che permette l'acquisto di nuovi aerei da combattimento per un importo massimo di 6 miliardi di franchi e stipula che il 60 per cento del prezzo di acquisto sia realizzato come contropartita in Svizzera.

Il referendum lanciato dal Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE), il PS e i Verdi è fallito di misura nel settembre 2020, raccogliendo il 49,9% di "no": a fare la differenza sono state meno di 9'000 schede.

La valutazione tecnica è solo un aspetto - In un'intervista alla Neue Zürcher Zeitung dello scorso maggio, la consigliera federale Viola Amherd, a capo del DDPS, ha fatto sapere che i risultati delle valutazioni degli aerei da parte degli esperti saranno resi pubblici. Amherd ha inoltre precisato che il rapporto tra costi e benefici è l'elemento principale alla base della decisione.

Gli articoli di stampa della scorsa settimana danno per scontato che l'F-35 sia risultato di gran lunga il migliore nella valutazione. Il Consiglio federale dovrebbe fornire oggi le precisazioni del caso.

Sul piano interno, la scelta di un aereo americano rischia di scontrarsi con l'opposizione del GSsE, del PS e dei Verdi, che hanno minacciato di lanciare un'iniziativa popolare. Resta tuttavia ancora da vedere quali saranno le conseguenze sul processo per l'acquisto dei nuovi caccia.

È inoltre probabile che il Consiglio federale tenga conto anche di altri aspetti nella sua decisione. La scelta di un aereo europeo potrebbe ad esempio migliorare le relazioni tese con l'UE dopo il fallimento dell'accordo quadro. La scelta di un produttore americano potrebbe d'altra parte aprire la strada a un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
20 min
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
32 min
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
58 min
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
9 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
10 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
15 ore
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
19 ore
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
SVIZZERA
20 ore
Unia: «Si riduca l'orario di lavoro per tutti, referendum se aumenta l'età pensionabile»
Ecco cosa è emerso dall'assemblea dei delegati del sindacato, oggi a Berna
SVIZZERA
22 ore
«Misure tardive, andiamo verso una catastrofe»
L'infettivologo Andreas Widmer, presidente di Swissnoso: «Servono più restrizioni per i non vaccinati»
SVIZZERA
1 gior
«Senza una proposta della Svizzera, non ci sarà mai un piano B»
Un pacchetto bilaterale con l'Ue? Parla l'esperto Nicolas Levrat: «Berna sa che esistono alternative all'accordo quadro»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile