Depositphotos (foto d'archivio)
SVIZZERA
28.06.21 - 12:020
Aggiornamento : 13:21

Spese da (quasi) un milione con la carta di credito aziendale

Il caso dovrà essere riesaminato dalla giustizia zurighese. Lo ha stabilito il Tribunale federale.

Il tribunale distrettuale di Zurigo, nel 2018, aveva assolto l'ex segretaria di una nota banca svizzera per non aver commesso la frode. Il verdetto era stato poi confermato anche dal Tribunale cantonale.

LOSANNA - La giustizia zurighese dovrà riesaminare il caso di una segretaria di direzione che ha sottratto quasi un milione di franchi al suo datore di lavoro. L'imputata ha usato la carta di credito dell'azienda per spese private.

Impiegata da una nota banca elvetica tra il 1997 e il 2010, la segretaria ha ricevuto una carta di credito a suo nome che doveva utilizzare solo per le spese aziendali. Tutte le spese personali dovevano essere segnalate per essere detratte dal suo stipendio.

Spese per oltre 955'000 franchi
Tra il 2003 e la sua partenza nell'ottobre 2010, ha usato la carta per acquisti, parrucchieri, ristoranti, viaggi e interventi chirurgici e ne ha fatto approfittare anche il marito. La banca ha stimato la perdita di oltre 955.000 franchi e ha presentato denuncia nel gennaio 2011.

Dopo numerosi colpi di scena legali, il tribunale distrettuale di Zurigo ha assolto completamente l'ex segretaria alla fine di ottobre 2018. Un verdetto confermato dal Tribunale cantonale.

Ricorso accolto dai giudici di Losanna
Con la sentenza pubblicata oggi, il Tribunale federale ha accolto il ricorso della banca e ha rinviato il caso al tribunale cantonale. I giudici di Mon Repos riconoscono che l'imputata non ha commesso frode poiché non ha tentato di aggirare il sistema di controllo della banca. Infatti, sembra che i suoi superiori abbiano approvato le sue spese senza battere ciglio.

Tuttavia, i giudici zurighesi avrebbero dovuto esaminare i fatti dal punto di vista dell'appropriazione indebita. Pagando le sue spese personali con la carta di credito aziendale, l'ex segretaria utilizzava i beni della banca. Il sistema di controllo delle fatture, anche se fosse stato applicato correttamente, sarebbe intervenuto solo a posteriori, quando il danno ormai era fatto e il reato commesso.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
35 min
Anziani, vaccinatevi!
È l'appello del Consiglio svizzero degli anziani
SVIZZERA
3 ore
Lunga vita alla radio FM
Una mozione chiede la disattivazione solo quando DAB e radio web avranno raggiunto una quota di mercato del 90%
SVIZZERA
6 ore
Il "certificato" sulla bocca di tutti
Si tratta del termine più significativo dell'anno elvetico. Al secondo posto "urgenza", seguita da "exploit"
Berna
17 ore
Test gratuiti: sì, ma non tutti
Il Consiglio degli Stati vuole escludere antigenici rapidi per uso personale e sierologici non ordinati dal cantone
SVIZZERA
18 ore
Due bambini rimpatriati dalla Siria
L'operazione è effettuata con il consenso della madre e in collaborazione con le varie autorità.
VALLESE
19 ore
Meteorite si schianta su un ghiacciaio vallesano
Grande quanto un mandarino, è precipitato sul ghiacciaio di Corbassère ma non è ancora stato trovato.
SVIZZERA
21 ore
Triage? «I vaccinati abbiano la precedenza in terapia intensiva»
Precedenza a chi ha ricevuto il vaccino? L'Accademia svizzera delle scienze mediche non ne vuole sentir parlare.
SVIZZERA
21 ore
Solo vaccinati e guariti al posto della mascherina? «I casi aumenteranno»
Discoteche e palestre puntano su vaccinati e guariti e schivano la mascherina obbligatoria.
LUCERNA
22 ore
Traffico di esseri umani, sotto accusa la ex gestrice di un bordello
La 54enne avrebbe costretto alla prostituzione almeno 29 donne thailandesi, sfruttando le loro difficoltà finanziarie.
BERNA
23 ore
Covid: pochissime morti fra i vaccinati
In quasi 9 decessi su 10 le vittime non erano state completamente vaccinate.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile