Keystone
SVIZZERA
28.06.21 - 08:080
Aggiornamento : 10:55

Quarta ondata in autunno? «Panico inutile»

È questa la posizione di alcuni esperti, che trovano l'attuale contesto imparagonabile a quello dello scorso anno.

Secondo Josef Widler, presidente dell’Associazione dei medici di Zurigo, «chi non si vaccina sceglie il rischio, chi invece lo fa non deve più sottostare a restrizioni».

BERNA - Contagi, ospedalizzazioni e decessi in calo vertiginoso nel nostro Paese. E l’ottimismo è ormai la sensazione preponderante. C’è però anche chi, esperti compresi, prevede già una quarta ondata all’orizzonte, ricordando quanto vissuto lo scorso autunno dopo un’estate di tranquillità quasi assoluta. Josef Widler, presidente dell’Associazione dei medici di Zurigo, mette però in guardia contro questo eccessivo allarmismo. 

No panic - «Nonostante le mutazioni del virus, non c’è alcun bisogno di farsi prendere dal panico», afferma Widler, spiegando che la situazione attuale è completamente diversa da quella precedente alla seconda ondata, quando molti avevano partecipato a grandi eventi e nessuno era vaccinato. La variante Delta è più contagiosa, riconosce il medico, ma «concentrarsi solo sul numero crescente di casi in Gran Bretagna o Portogallo oscura l'aspetto più importante: i tassi di mortalità e le infezioni gravi, che in Svizzera sono ora ai minimi». «L’età mediana dei decessi per Coronavirus nel nostro Paese è di 85 anni, praticamente la stessa dell’aspettativa di vita», aggiunge. 

Liberi tutti i vaccinati - Per Widler, finché non si concretizza la minaccia di sovraccaricare il sistema sanitario, «e non lo si prevede neanche con la variante Delta», nuove restrizioni non sono giustificate. «Tra un mese, quando tutti avranno avuto la possibilità di vaccinarsi, dobbiamo invertire il meccanismo. Chi non si vaccina sceglie il rischio, chi invece lo fa non deve più sottostare a limitazioni». 

Rischio minimo - Anche secondo Jürg Utzinger, direttore dello Swiss Tropical and Public Health Institute, «la situazione di partenza attuale è molto migliore rispetto a quella in cui eravamo prima della seconda ondata». Questo grazie ai test, al rispetto delle norme igieniche, e, soprattutto, all’avanzamento della campagna vaccinale. «Le ulteriori fasi di apertura comportano un rischio residuo, ma non bisogna sopravvalutarlo», afferma l’epidemiologo, evidenziando come gli studi abbiano dimostrato che i due vaccini utilizzati in Svizzera, Pfizer e Moderna, forniscano una buona protezione contro la variante Delta. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
La chiusura delle palestre «ha danneggiato la salute dei clienti»
Non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, secondo la federazione svizzera del settore
BASILEA
3 ore
Lite, spunta un coltello: grave un 48enne
L'aggressore è riuscito a far perdere le sue tracce
ZURIGO
4 ore
Ci sono più certificati che vaccinati e guariti messi assieme
Secondo l'Ufsp non si tratta di falsi. Ciò è possibile per quattro ragioni differenti.
ZURIGO
4 ore
Proprietario di agenzia di modelli condannato per molestie
La condanna è di tre anni, di cui uno da scontare. L'imputato sostiene che molte dichiarazioni siano false
SVIZZERA
6 ore
Lo Stato raccomanda il telelavoro, i capi impongono il ritorno in ufficio
Sono diversi i dipendenti che si interrogano sui vincoli dettati dai loro datori di lavoro.
TURGOVIA
6 ore
Mezzo pesante e bicicletta si scontrano: morto un 72enne
L'incidente è avvenuto nel pomeriggio a Kreuzlingen, la polizia cerca testimoni
ZURIGO
8 ore
Filmava bambini nudi, condannato
Ha effettuato le riprese in una struttura balneare per naturisti: un 57enne dovrà scontare 26 mesi di prigione
SVIZZERA
10 ore
A Berna nessuna manifestazione contro le misure anti-Covid
Era prevista per domani ma i promotori delle proteste e la città di Berna non hanno trovato un accordo.
BASILEA
11 ore
Fiocco rosa allo Zoo di Basilea: è nata Safiya
La piccola Safiya pesa poco più di cinque chili
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera netto calo dei pazienti Covid in cure intense
In decisa diminuzione i pazienti affetti dal virus in terapia intensiva, che ora occupano il 26,9% dei posti letto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile