20min/Simon Glauser
SVIZZERA
22.06.21 - 12:130
Aggiornamento : 13:45

Vaccini, «perché la Svizzera non ha un obiettivo?»

La campagna vaccinale prosegue, ma quale sarà la soglia da raggiungere? L'UFSP non si è espressa in merito.

Secondo il medico Thomas Steffen, con «più di due terzi» della popolazione vaccinata, saremmo in una buona posizione

BERNA - La strategia di vaccinazione anti-Covid dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) prevede che il 75% delle persone «particolarmente a rischio» sia vaccinato. In generale, però, il Governo non ha fissato un obiettivo chiaro: non si conosce la percentuale della popolazione totale che deve essere vaccinata per raggiungere la cosiddetta «immunità di gregge», un tasso che insomma fermi la circolazione del virus sul nascere. Ad oggi, il 28,8% degli svizzeri è stato vaccinato con entrambe le dosi volte.

Ciò sta innalzando qualche critica, anche confrontandosi con le scelte di altri Paesi: il Regno Unito ha definito il suo obiettivo: immunizzare il 60% della popolazione adulta. Il Presidente statunitense Joe Biden vuole vaccinare il 70% della popolazione con almeno una dose entro il 4 luglio. Il governo cinese ha detto che vuole vaccinare l'80% degli oltre 1,3 miliardi di persone in Cina entro la fine dell'anno.

«L'UFSP ha paura di fallire»
Avere, e raggiungere una quota di vaccinazione su tutta la popolazione è centrale, secondo il Consigliere nazionale del PBD, Lorenz Hess: «L'UFSP deve urgentemente fissare degli obiettivi più chiari. Molte persone sembrano già demotivate, una quota di vaccinazione da raggiungere aumenterebbe certamente la disponibilità della popolazione a farsi vaccinare».

A (non) far agire l'UFSP, secondo Hess, la paura del fallimento. «Se non si dovesse raggiungere tale quota, ci si troverebbe in un dilemma. Probabilmente, si dovrebbero prendere di nuovo misure e restrizioni più severe. Questa è la situazione che l'UFSP vuole evitare, semplicemente non introducendo quote di vaccinazione mirate».

Anche il Consigliere nazionale del PLR Philippe Nantermod auspica che l'UFSP punti a un certo tasso di vaccinazione. «Dobbiamo raggiungere un alto tasso di vaccinazione per proteggerci da ulteriori ondate. Per le persone vulnerabili, dovremmo idealmente raggiungere livelli ancora più alti». 

«Poco margine di manovra»
Il Consigliere nazionale PLR Christian Wasserfallen è meno convinto della quota di vaccinazione.

Secondo lui, si tratterebbe di una cifra troppo arbitraria, con poco margine di manovra. «Vedo la via del ritorno alla normalità molto di più con il certificato Covid. Non appena tutti quelli che lo desiderano saranno vaccinati, bisogna allora abbandonare le misure».

Con una quota di vaccinazione rigida, Wasserfallen teme che la gente debba vivere troppo a lungo con delle restrizioni. Anche perché «non c'è mai una strategia a rischio zero».

Due terzi della popolazione
Alla domanda su una «cifra realistica» su cui dovrebbe puntare l'UFSP, il Medico Cantonale di Basilea Città, Thomas Steffen, ha ammesso che non è facile da stabilire. «Può essere difficile fissarsi troppo su una cifra specifica. Al momento, non è possibile dire scientificamente quando esattamente e in che misura l'immunità di gregge si verificherà».

Però, un fatto è chiaro: «Più persone vengono vaccinate, più facile ed efficiente sarà la lotta contro il coronavirus. Di conseguenza, il maggior numero possibile di persone dovrebbe vaccinarsi». Secondo l'esperto, «Con un tasso di vaccinazione di più di due terzi della popolazione di età superiore ai 16 anni, saremmo in una buona posizione per combattere qualsiasi piccola epidemia locale in modo rapido ed efficiente per mezzo di test e ricerca di contatti».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
T-34 1 mese fa su tio
La Svizzera non ha un obiettivo perchè gli obiettivi della Svizzera li stabiliscono i lobbysti ad inizio mattinata, in base all'andamento delle loro azioni e dei loro investimenti speculativi.
M70 1 mese fa su tio
se la gente ha libertà di movimento anche gli obbiettivi di tutte le nazioni devono essere le stesse..e x fare accettare il vaccino a tutti devono esserci delle risposte chiare sui pro e i contro!
lancelot_1967 1 mese fa su tio
Obiettivo!!! Con una "b" sola per favore!!! Professionisti della comunicazione??? Mamma mia...
tartux 1 mese fa su tio
@lancelot_1967 Lo si può scrivere in entrambi i modi....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FRIBURGO
3 ore
Test PCR davanti a una telecamera
Friburgo sta valutando la possibilità di effettuare la procedura tramite videosorveglianza.
BERNA
4 ore
Quest'uomo fa entrare in casa sua solo persone non vaccinate
Solo inquilini "no vax" nell'appartamento di un bernese
NEUCHÂTEL
8 ore
Porta i soldi trovati in Polizia e in cambio non chiede (quasi) nulla
La Polizia neocastellana ha reso noto su Facebook il gesto «da sottolineare» di un cittadino.
SVIZZERA
9 ore
Il costo dei non vaccinati? Venti milioni di franchi al mese
Soltanto durante il mese di luglio, in tutta la Svizzera sono stati effettuati 420'000 test
BERNA
10 ore
Un neonato lasciato all'apposito sportello
Oggi esistono otto installazioni di questo genere, una di queste in Ticino.
SVIZZERA
11 ore
I dipendenti della Confederazione? Sempre di più e meglio pagati
I salari sono ormai in linea con quelli del settore bancario, secondo un'inchiesta della NZZ
SVIZZERA / BELLINZONA
13 ore
Chiesti 4 anni per l'ex quadro della SECO
L'uomo è accusato di corruzione passiva.
SVIZZERA
13 ore
Si rimane sopra i mille contagi
L'UFSP ha registrato due nuovi decessi dovuti al coronavirus (le infezioni sono 1'033). I nuovi ricoveri sono 35.
GINEVRA
16 ore
Infermieri non vaccinati: presto i test saranno obbligatori
La misura è stata annunciata dal responsabile della sanità cantonale ginevrina Mauro Poggia.
BASILEA CITTÀ
16 ore
Città europea dell'ambiente: Basilea si candida
La città renana prevede d'investire almeno 300mila franchi. La spesa supererà invece i 5 milioni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile