Immobili
Veicoli
Depositphotos (AllaSerebrina)
I redditi illegali sulle pigioni devono essere controllati periodicamente: lo chiede l'Associazione Svizzera Inquilini.
SVIZZERA
19.06.21 - 13:500

«I redditi illegali sulle pigioni devono essere controllati periodicamente»

La proposta di un obbligo di revisione periodico è stata accolta positivamente dall'ASI

BERNA - L'Associazione Svizzera Inquilini (ASI) accoglie con favore la presentazione in Parlamento di una proposta che vuole introdurre un obbligo periodico di revisione del reddito locativo per i coloro che locano tre o più abitazioni.

La proposta è stata depositata contemporaneamente al Consiglio nazionale e al Consiglio degli Stati da Jacqueline Badran, membro di comitato, e Carlo Sommaruga, presidente dell’ASI. Essa dovrebbe garantire per il futuro che siano evitati rendimenti eccessivi attraverso pigioni abusive. «Per i locatori che locano tre o più abitazioni, va introdotto un obbligo di verifica periodica al fine di controllare i redditi realizzati», afferma Sommaruga. «Il concetto di obbligo di verifica periodica è noto nella verifica periodica dell’AVS e nella verifica dell’IVA e corrisponde a una procedura universalmente riconosciuta e non burocratica. I controlli possono essere effettuati dall'Ufficio federale degli alloggi (analogamente alla revisione dell'IVA effettuata dall'Amministrazione federale delle contribuzioni)».

Il diritto di locazione consente ai proprietari di ottenere un reddito limitato sulla pigione. Però, afferma l'ASI, i redditi di molti locatori sono spesso notevolmente superiori a quelli consentiti. «Questo è illegale, ma finora è stato difficilmente controllato e questo ogni anno priva le economie domestiche degli inquilini di miliardi di franchi». Sommaruga prosegue: «Ogni anno in Svizzera alle economie domestiche degli inquilini vengono sottratti miliardi di franchi. Ciò riduce enormemente il budget familiare e il potere d'acquisto degli inquilini. Non siamo più disposti a guardare come molti padroni di casa si arricchiscono illecitamente senza subire conseguenze».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Critiche al Governo, Cassis e Keller-Sutter con "l'estintore"
I due consiglieri federali, intervenuti all'assemblea dei delegati PLR, hanno smorzato le polemiche
SVIZZERA
3 ore
«Più cooperazione, anche con la NATO, per proteggere la Svizzera»
Il presidente del PLR Thierry Burkart favorevole anche all'acquisto di nuovi aerei da combattimento
GINEVRA
4 ore
Con l'auto tra le bancarelle del mercato, un ferito a Ginevra
Il conducente non era in condizioni tali da poter guidare. Si indaga per capire se aveva consumato alcol o droghe.
SVIZZERA
7 ore
Benzina ancora a peso d'oro. Ecco perché
Senza piombo e Diesel restano ancora oltre i due franchi. A dispetto del prezzo del greggio in discesa. Perché?
SVIZZERA
15 ore
Sorveglianza dei cellulari, privacy a rischio
Le forze dell'ordine hanno aumentato l'utilizzo delle intercettazioni per svolgere le indagini. Qualcuno si preoccupa.
SCIAFFUSA
16 ore
Esce di strada e piomba sulla scalinata del centro commerciale
Il conducente, un 35enne, ha avuto un malore.
SVIZZERA
17 ore
Graziati dopo una truffa milionaria alle FFS
Tre dipendenti, con un loro complice esterno, hanno ottenuto una riduzione della pena grazie all’ammissione di colpa.
FOTO
BERNA
22 ore
La Torre del Moron perde pezzi: «Fa male al cuore»
Inaugurata 18 anni fa, l'opera di Mario Botta ha subito gravi danni tra martedì e mercoledì: «Diversi scalini divelti».
SVIZZERA
23 ore
Il mitico coltellino svizzero spegne 125 candeline
Era il 12 giugno 1897 quando lo svittese Carl Elsener decise di proteggere il modello che diventerà un'icona del paese.
ZURIGO
1 gior
Studenti alla guida dei tram? Il sindacato non ci sta
L'azienda dei trasporti di Zurigo intende in questo modo sgravare i propri dipendenti.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile