Keystone
SVITTO
16.06.21 - 13:050
Aggiornamento : 15:28

Incidente mortale in seggiovia, era una corsa senza permesso

La corda di traino si era spezzata e la cabina, che ospitava quattro persone, era precipitata per una decina di metri.

Per un 40enne zurighese non c'era stato nulla da fare.

STOOS - L'incidente avvenuto la sera del 6 febbraio del 2020 alla seggiovia di Stoos (SZ), costato la vita a una persona, è stato causato della mancanza di pianificazione e di coordinamento del trasporto notturno dei passeggeri. Lo rileva il Servizio d'inchiesta svizzero sulla Sicurezza (SISI) nel rapporto finale pubblicato oggi.

Nessun via libera - Il SISI ha confermato la causa concreta dell'incidente: a far cadere la seggiovia è stato un cavo fissato a un gatto delle nevi per evitare di scivolare durante la preparazione delle piste. Nel rapporto finale, il SISI sottolinea però che, per la suddetta corda notturna, prima di mettere in funzione l'impianto non era stata ottenuta l'approvazione del servizio delle piste e di salvataggio. La mancanza di conoscenza del concetto di funzionamento della seggiovia da parte della direzione tecnica è stata criticata come fattore di rischio. Inoltre, i regolamenti operativi dell'impianto non erano stati aggiornati quando sono state emesse nuove prescrizioni ufficiali. Il SISI non ha però dato alcuna raccomandazione di sicurezza.

La dinamica - L'incidente si è verificato verso le 22 del 6 febbraio del 2020, mentre la seggiovia era in fase di discesa per riportare a valle un gruppo di dieci dipendenti del produttore di cioccolato Lindt & Sprüngli, che rientravano da una gita aziendale. Una delle tre panchine sui cui c'erano i passeggeri, quella di mezzo, è precipitata per una decina di metri. Uno dei quattro occupanti ha riportato ferite mortali e altri tre sono rimasti gravemente feriti. Le altre sei persone sono rimaste illese.

Un incastro rovinoso - Concretamente, spiega il rapporto del SISI, durante la preparazione delle piste, il cavo legato all'argano del gatto delle nevi è entrato in contatto con un sedile della seggiovia del Fronalpstock, si è incastrato tra il tubo di sospensione e l'attacco della panchina e l'ha strappata dalla corda di traino.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
3 min
Gli scettici sui vaccini pubblicano file non censurati dei pazienti
In particolare, su Telegram, è comparsa la cartella clinica di una donna finita in ospedale dopo il vaccino.
FOTO
GINEVRA
1 ora
Manifestazione in semi lockdown: assoluzione quasi generale
La corte ha stabilito che la polizia avrebbe dovuto agire con più moderazione
BERNA
2 ore
Barricate e proiettili di gomma nel cuore di Berna
Transenne e molti agenti oggi su Piazza federale per scongiurare lo svolgimento di nuove proteste anti-covid
FRIBORGO
3 ore
Prende a pugni due donne nel centro di Friborgo, arrestato un 32enne
L'aggressione, senza motivo, risale allo scorso sabato. L'uomo è stato posto in detenzione preventiva.
SVIZZERA
4 ore
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
ZURIGO
6 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
SVIZZERA
7 ore
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
8 ore
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
8 ore
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
SVIZZERA
9 ore
In Svizzera la pandemia sta rallentando
Contagi e ricoveri sono in calo, secondo il rapporto settimanale dell'UFSP. L'incidenza più bassa in Ticino
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile