AFP
SVIZZERA
16.06.21 - 09:090

Tensioni USA-Russia: i riflettori sono ora puntati su Ginevra

Il rapporto tra le due superpotenze ha raggiunto «il punto più basso da anni». Dal vertice si aspetta «un miracolo»

Dopo l'arrivo in Svizzera di Biden, oggi è previsto quello di Putin. Alle 13 avranno inizio i colloqui negli spazi della Villa La Grange

Fonte 20 Minuten / Pascal Michel
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

GINEVRA - Tutti i riflettori sono puntati su Ginevra per l'odierno incontro (previsto alle 13) tra il presidente statunitense Joe Biden e il suo omologo russo Vladimir Putin. L'aereo presidenziale americano è atterrato a Cointrin ieri pomeriggio, mentre l'arrivo del capo del Cremlino è atteso per oggi.

Dopo Donald Trump, che aveva portato avanti una politica a favore della Russia, con l'elezione di Biden i rapporti tra le due superpotenze sono affondati, raggiungendo - secondo le stesse dichiarazioni di Putin - «il punto più basso da anni».

 «Assassino», sanzioni e Navalny - Lo scorso marzo, in un'intervista Biden aveva definito Putin come «un assassino». A quel punto il Cremlino aveva richiamato in patria i suoi ambasciatori negli Stati Uniti. Il portavoce di Putin aveva detto che nessun presidente americano aveva mai fatto un'affermazione del genere. Apparentemente, Biden non aveva nessuna intenzione di dare una svolta (in meglio) ai rapporti con la Russia.

Di recente hanno fatto notizia anche diversi attacchi hacker russi su infrastrutture, autorità e ONG statunitensi. Putin ha inoltre reagito alle sanzioni americane vietando l'ingresso a rappresentanti del Governo statunitense e provvedendo all'espulsione di dieci diplomatici USA. Lo scorso maggio Mosca ha inoltre riconosciuto gli Stati Uniti come «Stato ostile alla Russia».

La tensione tra i due paesi è anche dovuta alla presunta interferenza russa nelle elezioni presidenziali statunitensi. E quando parla della questione dei diritti umani, è verosimile che Biden si riferisca in particolare al caso Navalny. Lo scorso agosto il critico della Russia Alexei Navalny è stato vittima di un avvelenamento. E dopo le cure in Germania, è tornato in Russia dove è stato condannato alla prigionia. Il Cremlino ha definito la sua rete di associazioni politiche come «estremista» e l'ha bandita.

Il DFAE spera nel dialogo - Le tensioni tra i due paesi sono dovuti anche a conflitti geopolitici, come la guerra in Siria o nell'Ucrainia orientale. E poi Stati Uniti e Russia si accusano a vicenda di violare accordi internazionali. L'ex presidente USA Donald Trump aveva per esempio annunciato il ritiro del paese dallo storico trattato sui missili nucleari con la Russia.

Da parte sua, di recente il Cremlino è uscito dal trattato sui Cieli Aperti, che serve a garantire trasparenza sui voli di osservazione di intelligence. L'anno scorso gli Stati Uniti si erano ritirati, accusando la Russia di ripetute violazioni.

Alla luce di tutto questo, l'odierno incontro sarà in grado di riavvicinare le due superpotenze così come avvenne con quello del 1985, sempre a Ginevra, tra Reagan e Gorbaciov? Il quotidiano russo “Nezavisimaya Gazeta”, vicino al Cremlino, ha definito il vertice come «un evento centrale nella politica mondiale».

E il Dipartimento federale degli affari esteri, di cui è capo il ministro Ignazio Cassis, spera «in un dialogo costruttivo».

Si giungerà al disarmo? - L'attenzione è puntata in particolare sugli armamenti delle due superpotenze, con l'obiettivo che le tensioni non degenerino in una guerra. Si stima che attualmente la Russia possieda 1'570 testate nucleari utilizzabili, gli Stati Uniti 1'750. La “Nezavisimaya Gazeta” auspica, infatti, che si riesca a definire una tabella di marcia per relazioni bilaterali che pongano l'accento sul controllo degli armamenti.

Un'aspettativa, questa, che viene comunque smorzata da entrambe le parti. Il periodico moscovita “Russia in Global Affairs” ha riassunto così la questione: «Tutti stanno aspettando un miracolo». Putin e Biden sembrano comprendere che non ci può essere un'ulteriore escalation delle tensioni. Il portavoce per la politica estera di Putin ha definito la situazione come «quasi critica». Qualcosa deve quindi essere fatto e il vertice sarebbe un primo passo in questa direzione. Anche secondo il ministro degli esteri Antony Blinken il dialogo è importante.

L'ex diplomatico elvetico Max Schweizer osserva che da parte degli Stati Uniti c'è la volontà di migliorare i difficili rapporti con la Russia. E ritiene che sia già un successo il fatto che questo incontro tra Biden e Putin abbia luogo. Per il presidente americano, un accordo dipenderà comunque da diversi fattori. Per esempio, «la pressione della Russia sull'Ucraina».

Se il vertice andrà bene, ci si potrà aspettare un ritorno degli ambasciatori russo e statunitense, ha detto il portavoce di Putin. «Sarebbe un grande successo se potessero tornare al loro lavoro».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Ginevra
9 ore
Covid, dopo i vaccini si punta ai rimedi da banco
Alcuni sono già raccomandati, altri in fase avanzata, mentre altri ancora sono già stati scartati
SVIZZERA
10 ore
Tonnellate di CO2 in meno... solo allungando la vita dei prodotti
Ha luogo oggi la seconda edizione del Secondhand Day, per sensibilizzare gli svizzeri sui propri consumi
ZURIGO
10 ore
«Non siamo no-vax, siamo contro le restrizioni»
Ha avuto luogo oggi pomeriggio una manifestazione autorizzata contro le misure anti Covid
SVIZZERA
14 ore
Gratis o no: altre due settimane di litigi
Il governo ha rimandato al 10 ottobre la decisione. I partiti e la popolazione sono spaccati
SVIZZERA
17 ore
È esplosa la corsa ai test
La richiesta è raddoppiata con l'obbligo del certificato Covid. E il governo teme che non si arresterà
Lucerna
17 ore
Schianto frontale in moto, grave una 17enne
La collisione ha coinvolto altri due motociclisti che si trovavano sulla strada
SVIZZERA
18 ore
Oggi gratis, domani a 75 franchi?
Il test antigenico potrebbe diventare a pagamento dall'11 ottobre. Gli addetti ai lavori speculano sui possibili prezzi
ZURIGO
19 ore
Al rettore non piace il certificato
All'università di Zurigo l'accesso è vietato agli studenti senza pass. «Una scelta dolorosa» per Michael Schaepman
SVIZZERA
20 ore
Test in regalo da Maurer
Antigenici gratuiti fino alla revoca del certificato Covid: questa sarebbe la posizione del ministro UDC
SVIZZERA
1 gior
«Se la consegna avviene in ritardo, ci tagliano lo stipendio»
Il delivery va forte, soprattutto con la pandemia. Ma un corriere Smood vuota il sacco: «Pessime condizioni di lavoro»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile