Reuters
SVIZZERA
15.06.21 - 19:360
Aggiornamento : 21:47

«L'incontro di domani? Un segno di speranza»

Svizzera e Stati Uniti si tendono la mano per le sfide future che il mondo dovrà affrontare dopo la pandemia.

Questioni economiche e di formazione e ricerca, libero scambio e diplomazia sul tavolo dell'incontro tenutosi tra Guy Parmelin e Joe Biden.

GINEVRA - Dopo essere atterrato nel primo pomeriggio in una Ginevra blindatissima, il presidente americano Joe Biden ha raggiunto l'Intercontinental Hotel per un incontro a porte chiuse - durato una trentina di minuti - con il suo omologo Guy Parmelin e il Ministro degli Esteri Ignazio Cassis.

I temi sul tavolo - Nel colloquio le due delegazioni - presenti anche il Segretario di Stato a stelle e strisce Anthony Blinken e le segretarie di Stato elvetiche Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch e Livia Leu - hanno parlato di libero scambio, questioni economiche, di formazione e ricerca e ovviamente di diplomazia, visto che la Svizzera rappresenta gli interessi americani in Iran. 

«Clima costruttivo» - «Abbiamo discusso delle relazioni bilaterali tra Svizzera e Stati Uniti in un clima costruttivo», ha esordito il presidente della Confederazione alla fine del colloquio. I due Paesi, ha poi precisato Parmelin, intendono continuare le loro discussioni per sancire un accordo bilaterale di libero scambio. L'intesa, ha spiegato, permetterebbe infatti a Berna e Washington di ampliare ulteriormente le loro «fruttuose relazioni economiche».

Formazione e ricerca - Anche un accordo sulla formazione e sulla ricerca è stato tema di discussione: «Speriamo di concluderlo entro la fine dell'anno», ha precisato Parmelin, sottolineando il «grande interesse» mostrato da Biden per «l'espansione della cooperazione» a livello universitario. 

I jet - Biden ha da parte sua pubblicizzato i due jet da combattimento a stelle e strisce - l'F-35 Lightning fabbricato dalla Lockheed Martin e dell'F/A-18 Super Hornet della Boeing - in corsa per diventare i nuovi caccia della Confederazione. «Ma nessuna scelta è stata ancora presa», ha spiegato Parmelin precisando «di non aver fatto promesse» ma che la Svizzera «seguirà una procedura chiara» prima di compiere la propria decisione.

Situazione «complicata» con l'Iran - Durante la mezz'ora di discussioni, si è naturalmente trattato anche di diplomazia. Ignazio Cassis ha precisato che la situazione con l'Iran permane complicata. Gli Stati Uniti, secondo quanto detto dal responsabile del DFAE, vorrebbero fare «dei passi in avanti» per l'accordo nucleare, ma che non sussistano «grandi speranze» per una soluzione in tempi brevi. La Svizzera continuerà comunque nel suo lavoro per permettere il dialogo tra Stati Uniti e Iran.

Un incontro di «speranza» Il discorso si è poi inevitabilmente spostato sull'incontro di domani tra Joe Biden e Vladimir Putin che si terrà a Villa La Grange, magnifica magione risalente al diciottesimo secolo. «Speriamo che Stati Uniti e Russia possano trovare insieme soluzioni concrete che facciano del bene all'intera comunità mondiale così toccata dalla crisi pandemica», sottolinea il presidente della Confederazione che ha definito l'incontro come «un segno di speranza». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Wunder-Baum 3 mesi fa su tio
speranza ? con quello che ci costa, spero che finalmente sara la volta buona ! mi consenta per l'osservazione schietta, ma gli investimenti devono dare frutti !
seo56 3 mesi fa su tio
😂😂 sceneggiata napoletana in salsa russa-americana con il benestare della grande CH!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
5 ore
La chiusura delle palestre «ha danneggiato la salute dei clienti»
Non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, secondo la federazione svizzera del settore
BASILEA
5 ore
Lite, spunta un coltello: grave un 48enne
L'aggressore è riuscito a far perdere le sue tracce
ZURIGO
7 ore
Ci sono più certificati che vaccinati e guariti messi assieme
Secondo l'Ufsp non si tratta di falsi. Ciò è possibile per quattro ragioni differenti.
ZURIGO
7 ore
Proprietario di agenzia di modelli condannato per molestie
La condanna è di tre anni, di cui uno da scontare. L'imputato sostiene che molte dichiarazioni siano false
SVIZZERA
9 ore
Lo Stato raccomanda il telelavoro, i capi impongono il ritorno in ufficio
Sono diversi i dipendenti che si interrogano sui vincoli dettati dai loro datori di lavoro.
TURGOVIA
9 ore
Mezzo pesante e bicicletta si scontrano: morto un 72enne
L'incidente è avvenuto nel pomeriggio a Kreuzlingen, la polizia cerca testimoni
ZURIGO
11 ore
Filmava bambini nudi, condannato
Ha effettuato le riprese in una struttura balneare per naturisti: un 57enne dovrà scontare 26 mesi di prigione
SVIZZERA
12 ore
A Berna nessuna manifestazione contro le misure anti-Covid
Era prevista per domani ma i promotori delle proteste e la città di Berna non hanno trovato un accordo.
BASILEA
14 ore
Fiocco rosa allo Zoo di Basilea: è nata Safiya
La piccola Safiya pesa poco più di cinque chili
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera netto calo dei pazienti Covid in cure intense
In decisa diminuzione i pazienti affetti dal virus in terapia intensiva, che ora occupano il 26,9% dei posti letto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile