Università di Zurigo
SVIZZERA
14.06.21 - 17:500
Aggiornamento : 18:23

Operato d'urgenza a causa di una pila a bottone

Durante i periodi di lockdown è stato osservato un aumento dei casi. Il pericolo è alto

Ora i pediatri elvetici uniscono le forze per sensibilizzare i genitori sulla questione

Fonte 20 Minuten / Alexia Mohanadas
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BASILEA - Si trovano soprattutto in diversi giocattoli e negli orologi. E diventano estremamente pericolose nel caso che siano ingoiate da un bambino. Stiamo parlando delle pile a bottone, che in pochi secondi possono causare ustioni all'interno dell'esofago.

È quanto ha rischiato il piccolo Elias*, un bimbo di dieci mesi che aveva improvvisamente smesso di mangiare. I genitori lo hanno portato al pronto soccorso dell'ospedale pediatrico, dove una radiografia ha permesso d'identificare un corpo estraneo all'interno dell'esofago. Un intervento d'urgenza sotto anestesia totale ha permesso di rimuoverlo: si trattava di una pila a bottone. Sembra che il bambino l'abbia tolta da un telecomando.

Nell'esofago del piccolo Elias ha avuto inizio una reazione chimica, che ha causato un'ustione.  Ma il bambino ha avuto fortuna: la rapida decisione di portarlo in ospedale e l'immediato intervento hanno permesso di limitare le conseguenze.

L'episodio lo racconta l'ospedale pediatrico universitario di Basilea (UKBB) sul suo blog in occasione della giornata mondiale dedicata alle pile a bottone, che cadeva lo scorso 12 giugno. E quello di Elias non è un caso raro. Anzi, durante il periodo di lockdown è «aumentato in maniera drammatica» il numero di bambini che hanno ingoiato una pila, come mostra uno studio condotto in Italia. E lo confermano anche i medici di altri paesi. In Svizzera i pediatri hanno pertanto unito le forze per sensibilizzare i cittadini su questo pericolo.

Bastano pochi minuti - Quando un bambino ingoia una pila a bottone, la sua vita potrebbe cambiare radicalmente. I genitori non sono pienamente consapevoli del pericolo, spiega l'UKBB. Il dispositivo potrebbe causare conseguenze gravi già pochi minuti dopo essere stato ingoiato. Si tratta in particolare di ustioni all'esofago o alla trachea. Ustioni per le quali molti bambini in tutto il mondo ora vivono con gravi disabilità. In determinati casi, un incidente del genere potrebbe persino essere letale.

Di solito, il pericolo riguarda in particolare bambini molto piccoli e neonati, che non sono in grado di dire ai genitori cosa hanno ingoiato. Una situazione, questa, che potrebbe ritardare la rimozione della pila.

*Nome modificato

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ZURIGO
1 ora
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
2 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
3 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
4 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
4 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
5 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
5 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
6 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
SVIZZERA
7 ore
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
SVIZZERA
8 ore
Alimentari online? Mancano informazioni su allergeni e ingredienti
L'allarme dei chimici cantonali: trecento controlli e nel 78% dei casi è stata riscontrata una carenza d'informazioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile