Deposit
SVIZZERA
11.06.21 - 12:450

Berna va a "caccia" di mercenari

Il bilancio dei controlli sulle imprese di sicurezza private elvetiche che vogliono operare all'estero

La metà delle richieste riguardavano aree quali Nord Africa, Medio Oriente, Europa e Asia centrale

BERNA - Nel 2020 la Confederazione ha ricevuto 495 notificazioni di imprese intenzionate a fornire prestazioni di sicurezza private all'estero dalla Svizzera. È quanto rivela il quinto rapporto di attività sull'attuazione della legge federale in materia, di cui il Consiglio federale ha preso atto oggi e che traccia un bilancio giudicato positivo.

Se un'impresa vuole offrire prestazioni di sicurezza private dalla Svizzera, secondo la legge deve avvisare in anticipo l'autorità federale competente, sottolinea il governo in un comunicato. L'unità responsabile dell'attuazione è la Sezione Controlli all'esportazione e servizi di sicurezza privati (CESP) della Segreteria di Stato del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE).

L'anno scorso, alla CESP sono pervenute 495 notificazioni, che riguardavano principalmente quattro gruppi di attività: protezione di persone e guardia di beni e immobili in un ambiente complesso, servizio d'ordine, attività di informazione private e sostegno a forze armate o di sicurezza. Circa la metà riguardavano aree quali Nord Africa, Medio Oriente, Europa e Asia centrale.

La CESP ha avviato tre procedure di esame: in un primo caso, l'attività pianificata è stata vietata, in un secondo la notifica è stata ritirata dalla società interessata e un terzo rimane ancora in sospeso.

Sono inoltre stati pronunciati due divieti per attività comunicate nel 2019, mentre non sono state rilevate prestazioni di sicurezza private che avrebbero potuto portare a una partecipazione diretta a ostilità o a gravi violazioni dei diritti umani.

Dal 2015 la Svizzera ha introdotto regole più severe per le società che propongono servizi di sicurezza all'estero con la Legge federale sulle prestazioni di sicurezza private fornite all'estero (LPSP). La necessità di regolamentare questo genere di imprese era apparsa evidente dopo le rivelazioni di stampa dell'agosto 2010 in merito alla costituzione di una holding a Basilea da parte della Aegis Defense Services. La società con sede centrale a Londra, fondata nel 2002, è uno dei maggiori gruppi di mercenari al mondo.

La nuova regolamentazione si applica alle società che forniscono prestazioni di sicurezza all'estero, anche su incarico delle autorità federali. A queste imprese sarà vietato partecipare direttamente a un conflitto armato.

La legge vieta il mercenarismo; ciò include il reclutamento, la formazione e la messa a disposizione di personale in Svizzera e all'estero, nonché le attività che favoriscono gravi violazioni dei diritti umani. Vietata, ad esempio, la gestione di un carcere in uno Stato in cui si ricorre notoriamente alla tortura.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
16 min
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
1 ora
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
2 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
2 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
3 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
3 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
4 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
SVIZZERA
5 ore
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
SVIZZERA
6 ore
Alimentari online? Mancano informazioni su allergeni e ingredienti
L'allarme dei chimici cantonali: trecento controlli e nel 78% dei casi è stata riscontrata una carenza d'informazioni
SVIZZERA
7 ore
La multa per chi dissimula il proprio volto
Scatta la procedura per l'attuazione nel Codice penale della misura approvata in votazione lo scorso 7 marzo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile