keystone
SVIZZERA
10.06.21 - 14:380
Aggiornamento : 15:30

In fuga dalla task force: lascia anche Ackermann

Dopo Koch e Egger, è il terzo capo del comitato scientifico a partire. Il numero di tecnici sarà ridimensionato

Subentra Tanja Stadler. Ma il numero dei membri sarà ridotto con la fase di normalizzazione

BERNA - Dopo Matthias Egger e Daniel Koch, ora Martin Ackermann. È una poltrona che scotta quella di capo della task force Covid-19: il professore dell'Eth di Zurigo è il terzo direttore del comitato scientifico a lasciare il posto. Verrà sostituito dalla professoressa Tanja Stadler. 

Ad annunciarlo con un comunicato e un tweet è la stessa Task Force. La partenza di Ackermann, si legge, è da ricondurre a una riorganizzazione e al ridimensionamento del comitato, a seguito dei progressi nel programma di vaccinazione. Negli scorsi mesi anche l'epidemiologo Marcel Salathé aveva lasciato il comitato (a febbraio) preceduto dal collega Christian Althaus (a gennaio) polemizzando con il governo.

Il passaggio di consegne tra Ackermann e Stadler - precisa la nota - avverrà non appena il Consiglio federale annuncerà ufficialmente la «fase di normalizzazione». In base alle direttive del modello federale in tre fasi, ciò inizierà quando tutti gli adulti disposti a essere vaccinati avranno ricevuto tutte le dosi previste per il completamento della vaccinazione. 

Tanja Stadler è professoressa presso il Dipartimento di biosistemi e biotecnologie all’ETH di Zurigo a Basilea. In qualità di membro prima, e poi a capo del gruppo di esperti per i dati e la modellazione, è stata membro della Task Force sin dalla sua fondazione e, insieme al suo gruppo, ha fornito intuizioni innovative per fronteggiare il virus. Nella prossima fase della pandemia, il suo stretto contatto con gruppi di ricerca in Svizzera e all’estero, con la politica del paese e l’amministrazione federale costituiranno un grande vantaggio. Assumerà la direzione della Task Force scientifica fino alla fine dell’anno.

Il professor Martin Ackermann, precedentemente a capo della Task Force, continuerà a sostenere il comitato, anche se in misura minore. In tal modo, dopo un anno intenso, potrà dedicarsi completamente al suo lavoro presso l’ETH di Zurigo e l’Eawag, nonché al suo gruppo di ricerca.

Con l’inizio della nuova fase il numero di membri sarà ridotto. Sono attualmente in corso discussioni sulla strutturazione della Task Force scientifica a partire dall’estate 2021. La Task Force avrà ancora un assetto interdisciplinare e continuerà a fornire dati scientifici e consulenza alle autorità anche nella sua nuova veste.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
56 min
Ci sono più certificati che vaccinati e guariti messi assieme
Secondo l'Ufsp non si tratta di falsi. Ciò è possibile per quattro ragioni differenti.
ZURIGO
59 min
Proprietario di agenzia di modelli condannato per molestie
La condanna è di tre anni, di cui uno da scontare. L'imputato sostiene che molte dichiarazioni siano false
SVIZZERA
2 ore
Lo Stato raccomanda il telelavoro, i capi impongono il ritorno in ufficio
Sono diversi i dipendenti che si interrogano sui vincoli dettati dai loro datori di lavoro.
TURGOVIA
3 ore
Mezzo pesante e bicicletta si scontrano: morto un 72enne
L'incidente è avvenuto nel pomeriggio a Kreuzlingen, la polizia cerca testimoni
ZURIGO
4 ore
Filmava bambini nudi, condannato
Ha effettuato le riprese in una struttura balneare per naturisti: un 57enne dovrà scontare 26 mesi di prigione
SVIZZERA
6 ore
A Berna nessuna manifestazione contro le misure anti-Covid
Era prevista per domani ma i promotori delle proteste e la città di Berna non hanno trovato un accordo.
BASILEA
8 ore
Fiocco rosa allo Zoo di Basilea: è nata Safiya
La piccola Safiya pesa poco più di cinque chili
SVIZZERA
8 ore
In Svizzera netto calo dei pazienti Covid in cure intense
In decisa diminuzione i pazienti affetti dal virus in terapia intensiva, che ora occupano il 26,9% dei posti letto.
SVIZZERA
11 ore
«300 franchi a chi fa il vaccino, multa di 100 a chi non lo fa»
L'ex presidente del PS Peter Bodenmann è convinto che i no-vax "duri e puri" siano solo il 10-15% della popolazione.
GINEVRA
12 ore
«Il problema, in Svizzera, è il lassismo»
Stéphane Koch, esperto di sicurezza online, giudica «drammatico» il fatto di poter trovare dati personali sul darkweb
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile