Tamedia
SVIZZERA
09.06.21 - 09:120

I ragazzi non hanno una gran voglia di vaccino

La campagna vaccinale procede spedita in Svizzera, ma con delle eccezioni.

Le prenotazioni dei giovani tra i 16 e i 18 anni sono infatti molto poche. E alcuni cantoni hanno già deciso di correre ai ripari.

Fonte Christian Holzer - Carla Pfister/ 20 Minuten
elaborata da Adriano De Neri
Giornalista

BERNA - Il Canton Berna è il primo a lanciare l'allarme: «Tra i sedici e i diciotto anni, il numero delle persone registrate per effettuare il vaccino Covid-19 è molto basso». Un problema non di poco conto se si pensa che sono ben 20'000 i giovani bernesi che fanno parte di questa fascia d'età. «Solo 6'000 di loro - precisa un portavoce del Cantone a 20 Minuten - hanno effettuato una prenotazione online e solo 2'700 hanno fissato un appuntamento. Penso che molti di loro preferiscano aspettare».

Solo il 20% a Soletta - Ma il Canton Berna non è l'unico confrontato con questa problematica. L'80% dei ragazzi di Soletta non si è ancora iscritto per ottenere un appuntamento. Il Cantone - sottolinea il responsabile della comunicazione che si occupa della campagna vaccinale solettese - non è però rimasto con le mani in mano. «Si vuole dimostrare che la vaccinazione è il rimedio più sicuro per combattere la pandemia e per ridurre i focolai nelle scuole. Essa permetterebbe, tra le altre cose, una maggior vita sociale».

Puntare sui social - Le cose vanno un pochettino meglio nel Canton Zurigo, dove il 45% dei giovani in quella fascia d'età si è registrato e un quarto di loro - circa 3'500 ragazzi - ha già ricevuto la prima dose di vaccino. Una maggiore adesione alle vaccinazioni, quella zurighese, che potrebbe essere dovuta alla massiccia campagna di sensibilizzazione «Jetzt Impfen» (vaccinati adesso) lanciata già a maggio sui social.

Percezione diversa - Ma perché i giovani hanno un atteggiamento così critico nei confronti del vaccino contro il Covid-19? Secondo l'infettivologo ticinese Andreas Cerny il motivo è da ricercare in una diversa percezione del pericolo. «Posso ipotizzare che i ragazzi non percepiscano così fortemente il pericolo del virus». Affinché più giovani possano essere vaccinati - sottolinea l'esperto - dovrebbero essere fornite informazioni trasparenti sui vantaggi, i benefici e gli effetti collaterali.

L'imput dell'estate - Il portavoce del Dipartimento della Salute del Canton Berna è comunque fiducioso che i giovani prenoteranno la loro vaccinazione nei prossimi mesi. E questo anche per potersi godere l'estate e le vacanze. «Ma con le quattro settimane che devono passare tra un'iniezione e l'altra, il tempo per decidere non è più molto». Infine arriva l'appello del presidente della Commissione federale per le questioni relative alla vaccinazione Christoph Berger: «Mi aspetto che sempre più giovani decidano di vaccinarsi. Avete ancora per pensarci e registrarvi».

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Don Quijote 3 mesi fa su tio
Problemi grassi! E forse qualcuno perde pure il sonno.
SteveC 3 mesi fa su tio
Ma chi è veramente motivato a farsi vaccinare? Se lo facciamo è per toglierci al più presto da una situazione insostenibile
gmogi 3 mesi fa su tio
Ci vuole un influencer 😂😂
Güglielmo 3 mesi fa su tio
@gmogi troppo bella.....-))))))
lollo68 3 mesi fa su tio
Qui si vaccina con il ricatto! Vuoi andare a un concerto? Vuoi andare in discoteca? Vuoi viaggiare? Allora fai il vaccino! Chi lo fa è perché vuole una certa libertà (ma non ha più la libertà di scelta per il vaccino) e non si può permettere ogni volta il tampone.
LHOST 3 mesi fa su tio
@lollo68 Non si è obbligati ad essere vaccinati per poter fare tali attività, più che altro è una questione dell evitare di mandare un anno di rinunce e sforzi per debellare una malattia nel secchio. Se la massa non si vaccina e poi prendono il virus a chi sa quanti poi lo passano. Poi ovvio, nessuno è obbligato a vaccinarsi ma poi tali persone devono stare alle regole e nel caso di divieti accettarli
pillola rossa 3 mesi fa su tio
@LHOST Debellare? Non accadrà nemmeno fermando tutto il mondo. È ciclico come lo sono molti altri virus ai quali siamo in grado di reagire
mastermi 3 mesi fa su tio
@LHOST non sei obbligato, ma se non lo fai sei emarginato .....ergo, mi ricatti.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
La chiusura delle palestre «ha danneggiato la salute dei clienti»
Non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, secondo la federazione svizzera del settore
BASILEA
3 ore
Lite, spunta un coltello: grave un 48enne
L'aggressore è riuscito a far perdere le sue tracce
ZURIGO
5 ore
Ci sono più certificati che vaccinati e guariti messi assieme
Secondo l'Ufsp non si tratta di falsi. Ciò è possibile per quattro ragioni differenti.
ZURIGO
5 ore
Proprietario di agenzia di modelli condannato per molestie
La condanna è di tre anni, di cui uno da scontare. L'imputato sostiene che molte dichiarazioni siano false
SVIZZERA
7 ore
Lo Stato raccomanda il telelavoro, i capi impongono il ritorno in ufficio
Sono diversi i dipendenti che si interrogano sui vincoli dettati dai loro datori di lavoro.
TURGOVIA
7 ore
Mezzo pesante e bicicletta si scontrano: morto un 72enne
L'incidente è avvenuto nel pomeriggio a Kreuzlingen, la polizia cerca testimoni
ZURIGO
9 ore
Filmava bambini nudi, condannato
Ha effettuato le riprese in una struttura balneare per naturisti: un 57enne dovrà scontare 26 mesi di prigione
SVIZZERA
10 ore
A Berna nessuna manifestazione contro le misure anti-Covid
Era prevista per domani ma i promotori delle proteste e la città di Berna non hanno trovato un accordo.
BASILEA
12 ore
Fiocco rosa allo Zoo di Basilea: è nata Safiya
La piccola Safiya pesa poco più di cinque chili
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera netto calo dei pazienti Covid in cure intense
In decisa diminuzione i pazienti affetti dal virus in terapia intensiva, che ora occupano il 26,9% dei posti letto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile