Keystone
ZURIGO
08.06.21 - 15:300

Addio al premio Nobel per la chimica Richard Ernst

Considerato il padre della spettroscopia di risonanza magnetica nucleare, l'87enne si è spento venerdì a Winterthur.

Ex docente del Politecnico di Zurigo, lascia una moglie e tre figli.

ZURIGO - Il premio Nobel per la chimica del 1991, lo svizzero Richard Ernst, è morto venerdì scorso all'età di 87 anni a Winterthur (ZH). Lo ha reso noto oggi la sua famiglia. Era considerato il padre della spettroscopia di risonanza magnetica nucleare.

Ex professore del Politecnico federale di Zurigo (ETHZ) viveva dall'inizio dell'anno scorso in una casa per anziani della sua città natale. Lascia una moglie e tre figli.

Nato il 14 agosto 1933 a Winterthur, Ernst ha studiato chimica e trascorso tutta la sua carriera all'ETHZ. Il Politecnico federale di Losanna (EPFL) e l'Università di Monaco gli hanno conferito un dottorato honoris causa. È stato inoltre insignito dei premi Ampère, Benoist, Wolf e Horwitz.

Ha ricevuto il premio Nobel per la chimica nel 1991 per i suoi contributi allo sviluppo della spettroscopia di risonanza magnetica nucleare, detta anche spettroscopia NMR, che ha aperto la strada alla tomografia a risonanza magnetica. Ha contribuito in particolare a migliorare la sensibilità di questa tecnica, testata per la prima volta negli anni Quaranta.

Alla fine degli anni Cinquanta in ambito scientifico si riteneva che la risonanza magnetica nucleare (NMR) fosse in un vicolo cieco, data la sua applicazione limitata. Richard Ernst fu uno dei primi a raccogliere questa sfida, lavorando su un tomografo NMR di Fourier durante un soggiorno negli Stati Uniti fra il 1963 e il 1968.

Al suo ritorno in Svizzera, ha continuato le ricerche in questa direzione in qualità di professore all'ETHZ. Il lavoro di Ernst ha gettato le basi per la moderna risonanza magnetica, che oggi viene usata in ogni ospedale e permette la visualizzazione non invasiva e senza radiazioni dei tessuti e degli organi del corpo.

Uno degli otto svizzeri a vincere il Nobel - Ernst è uno degli otto svizzeri ad aver vinto il premio Nobel per la chimica. L'ultimo è stato il vodese Jacques Dubochet nel 2017. Ha investito gran parte del denaro del prestigioso riconoscimento - 1,4 milioni di franchi all'epoca - nella sua collezione d'arte tibetana.

Appassionato d'arte, Ernst ha anche tenuto conferenze sulla pittura in Asia centrale o sull'analisi dei pigmenti con la spettroscopia Raman. Nel 2020 ha pubblicato la sua autobiografia, nella quale è molto critico nei confronti della ricerca accademica e invita gli scienziati a esprimersi pubblicamente sulle questioni sociali.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
56 min
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
1 ora
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
2 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
3 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A centinaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
4 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
5 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
5 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
FOTO
SOLETTA
6 ore
Con l'autoarticolato nella colonna delle auto, sei i feriti
È accaduto ieri pomeriggio sull'autostrada A5, vicino Luterbach.
BERNA
8 ore
"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze
«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota
TURGOVIA
9 ore
Caos in sala parto per test e mascherina, interviene la polizia
La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile