Immobili
Veicoli
keystone
BERNA
07.06.21 - 20:060
Aggiornamento : 08.06.21 - 09:18

«Ho certamente bisogno d'amore»

Peter Hans Kneubühl (il "forsennato di Bienne"), lascia cadere la maschera e si racconta per la prima volta.

Nel 2010 si trincerò nella sua casa per sfuggire allo sfratto. Armato fino ai denti arrivò a ferire gravemente un poliziotto. Oggi vive in internamento, diviso tra il desiderio di libertà e la cruda disillusione.

BERNA - Nel 2010 si oppose allo sfratto trincerandosi in casa e sparando all'impazzata (arrivando a ferire un poliziotto alla testa). Il suo nome è Peter Hans Kneubühl, ma molti lo ricorderanno come il "forsennato di Bienne". Così, d'altra parte, l'aveva soprannominato la stampa all'epoca dei fatti.

Nel 2013 il Tribunale regionale di Bienne ha stabilito che l'uomo non era responsabile dei suoi atti e ha disposto un trattamento terapeutico stazionario in un istituto chiuso. Oggi vive in internamento. Eccezionalmente, il Blick è riuscito a strapparli un'intervista in cui parla della sua vita, delle prospettive per il futuro, degli amici e persino dell'amore.

Kneubühl, lei è volontariamente sotto il regime di detenzione più severo in Svizzera. Perché?

«Qui sono solo e ho molto tempo per scrivere in mia difesa. Ho già buttato giù oltre 5000 pagine. Essere assolti e uscire sarebbe diverso, ovviamente, ma finora ho perso tutti i processi. Nonostante questo continuo a lottare».

Potrebbe collaborare con le autorità ed essere ricompensato con un sistema carcerario aperto.

«Non voglio scendere a compromessi. In ogni caso, invecchiare è una catastrofe per tutti. Che tu sia in una casa di riposo, in un ospedale o da solo in un appartamento. Non so quanto tempo mi resta. Cerco solo di vivere nel qui e ora».

Può davvero chiamarla vita?

«Sì, è decisamente una vita. E buona. Ho ciò che serve: un letto e qualcosa da mangiare. Anche qui ci sono molte persone interessanti».

Le manca uscire a prendere un caffè con gli amici?

«Ho dovuto abbandonare i miei amici molto tempo fa. Non c'era altro modo. La persecuzione politica è iniziata nel 1992. Quando mi sono reso conto di essere monitorato, ho interrotto i contatti. Non volevo che fossero coinvolti».

Allora cosa le manca della vita in libertà?

«In realtà niente. Sento che la libertà è comunque finita, con tutti questi satelliti, droni e telecamere di sorveglianza. Se avessi un giorno libero, mi unirei a un'organizzazione ambientalista che si batte contro il cambiamento climatico. E forse cucinerei qualcosa di buono per me e aprirei una bottiglia di vino per accompagnarlo».

È davvero una persona fredda come finge di essere, o ha bisogno dell'amore e anche di altre persone?

«Ho certamente bisogno d'amore, ma quando invecchi è meno importante. Quando avevo tra i 20 ei 40 anni aveva un peso maggiore. L'amore, l'amicizia e la sessualità giocavano un ruolo significativo a quei tempi. Poi qualcosa si è rotto e oggi è diverso».

Quando è stata l'ultima volta che qualcuno l'ha abbracciata?

«Certe cose si perdono, quindi devi reimpostare le tue priorità. Ricordo il mio ultimo abbraccio, ma ora è iniziata una nuova vita. Cosa mi manca? Vorrei essere più giovane. Avere di nuovo 30 o al massimo 40 anni. È stato un buon periodo».

Farebbe qualcosa di diverso se avesse di nuovo 30 anni?

«Rifarei tutto esattamente allo stesso modo. Non mi pento davvero di niente».

Una donna le ha mai spezzato il cuore?

«Sì (ride). Naturalmente. Una volta ero follemente innamorato. Poi qualcosa è andato storto ed è stato un disastro. A volte penso ancora a lei. Ma non abbiamo più alcun contatto. Ora ho 78 anni e a volte mi chiedo cosa ne sia stato di lei. Ha la mia stessa età e probabilmente è una nonna in una casa di riposo, forse non più attraente. È meglio non saperlo. Mi restano i ricordi della mia giovinezza, di quando ero profondamente innamorato. La vita oggi è diversa. Ma non tutti la pensano così, alcuni rimangono amici fino alla fine della loro vita. L'importante è aver sperimentato l'amore almeno una volta. È qualcosa che ti dà forza e coraggio».

Prova ancora quel sentimento?

«Sì».

Pensa spesso alla morte?

«Sì, ci penso molto. Non ho gioia nella morte e non ho alcun desiderio di morire».

Ha rinnegato i suoi amici. Verranno comunque al suo funerale?

«È piuttosto improbabile. Ma quando sarò nella bara, non importerà più».

Questo la rende triste?

«Penso che tutto il nostro mondo sia triste».

Quando di notte è da solo nella sua cella buia, non piange mai?

«A volte piango quando emergono brevi ricordi. Ma succede a tutti. Ho colleghi di prigione che piangono e si disperano tutto il tempo. Ma non ha senso».

Tuttavia, sembra piuttosto freddo...

«Devi spegnere le emozioni quando le persone raccontano bugie su di te. Devi cercare di prenderti cura di te in un ospedale psichiatrico. Altrimenti diventerai pazzo».

Secondo una perizia psichiatrica, Kneubühl soffriva di gravi turbe deliranti al momento dei fatti e non poteva dunque rendersi conto del carattere illecito del suo agire.

Ha sempre sostenuto di essere un prigioniero politico, vittima di uno Stato poliziesco che lo perseguitava da anni.

Kneubühl ha sempre rifiutato la terapia e in carcere ha intrapreso uno sciopero della fame in segno di protesta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
12 ore
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
SVIZZERA
13 ore
«Quasi nessun Omicron-contagiato in cure intense»
È ancora Delta, secondo quanto riportato da alcuni ospedali svizzeri, a causare i decorsi più gravi.
FOTO
BERNA
15 ore
"Libertà!" e bandiere svizzere nella capitale
La manifestazione, non autorizzata, è stata sorvegliata da vicino delle forze dell'ordine.
ZURIGO
17 ore
18enne gravemente ferito da un 17enne
L'aggressore è stato arrestato a casa sua dagli agenti della polizia cantonale
SVIZZERA
17 ore
Long Covid: pendenti 1'800 richieste all'AI
Al momento non sono però noti casi in cui la rendita di invalidità è stata effettivamente concessa.
FOTO
GINEVRA
18 ore
Rogo in una palazzina, due persone in pericolo di vita
L'incendio è scoppiato nel loro appartamento.
SVIZZERA
19 ore
La malattia di Newcastle è stata rilevata in Svizzera
Diverse galline ovaiole di un'azienda avicola zurighese sono state infettate da questa sindrome, altamente contagiosa
VALLESE
20 ore
Travolto da una valanga: la vita di un 72enne è in pericolo
L'incidente è avvenuto ieri pomeriggio nella regione del Col du Sanetsch
NIDVALDO
21 ore
In contromano per 12 chilometri sulla A2, seguendo il navigatore
La polizia ha fermato la conducente di un veicolo con targa italiana
SVIZZERA
21 ore
«Il periodo del certificato Covid sembra arrivare alla fine»
Le decisioni prese mercoledì potrebbero essere modificate, in caso di un'evoluzione positiva della situazione pandemica
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile