Immobili
Veicoli
Tamedia
SVIZZERA
06.06.21 - 14:190
Aggiornamento : 16:34

Tutti (o quasi) in carrozza entro il 2050

La Confederazione intende raddoppiare la distanza percorsa con il trasporto pubblico

Anche con lo scenario “Ferrovia 2050” si intende raggiungere la neutralità climatica

BERNA - Il trasporto pubblico nel 2050? La Confederazione ha obiettivi ambiziosi. Anzi, molto ambiziosi: il 40% degli spostamenti dovrà avvenire in treno o bus. Attualmente siamo a quota 21%. È quanto si legge nella odierna edizione della Nzz am Sonntag, che fa il punto sull scenario “Ferrovia 2050”.

È anche in questo modo che si intende mantenere fede alla decisione di rendere la Svizzera climaticamente neutrale entro, appunto, il 2050. Con la diminuzione del traffico privato, sarà infatti possibile ridurre notevolmente l'emissione di gas serra, sottolinea l'Ufficio federale dei trasporti nel dossier citato dal domenicale.

Ma cosa significa concretamente? Lo sviluppo osservato negli ultimi decenni mostra, infatti, che per far salire più cittadini a bordo dei mezzi pubblici non basta aumentare l'offerta. La Confederazione ha pertanto commissionato degli studi per capire come raggiungere l'obiettivo. Da una parte il settore ritiene che si debba tra l'altro puntare su più collegamenti per il tempo libero. Si pensa, per esempio, a un orario per il weekend, con treni che dai centri urbani portano direttamente nelle regioni turistiche, come spiega Ueli Stückelberger, direttore dell'Unione dei trasporti pubblici. 

Dall'altra parte, si vuole anche rendere meno attrattivo il trasporto privato. Per esempio con il cosiddetto Mobility Pricing, che chiamerebbe gli utenti della strada alla cassa in funzione della distanza percorsa o della fascia oraria in cui avviene lo spostamento. E anche il numero dei parcheggi dovrebbe essere ridotto nelle aree ben servite dal trasporto pubblico.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
10 ore
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
FOTO
ZURIGO
10 ore
Manifestazione non autorizzata, chiusi i ponti della città
Secondo quanto indicato dalla polizia, il corteo si è formato in relazione al Wef di Davos. Una donna in ospedale
SVIZZERA
15 ore
Verso un "calmiere" per i premi
Il Ps chiede un tetto del 10% del reddito familiare. La Commissione sanità del Nazionale propone un controprogetto
ZURIGO
17 ore
Una ciclista si scontra con un tram
La donna è stata trasportata in ospedale in condizioni critiche
SVIZZERA
18 ore
In arrivo il farmaco Paxlovid
La Confederazione ha trovato un accordo con Pfizer per 12'000 confezioni
BERNA
20 ore
Cinesi schiavizzate sessualmente, cinque arresti nel canton Berna
La polizia bernese ha arrestato tre uomini e due donne per tratta di esseri umani e istigazione alla prostituzione.
GRIGIONI
21 ore
«La Svizzera non è un'isola di sicurezza»
Droni dell’esercito per monitorare l'intera zona del WEF. L’edizione di quest'anno costerà quattro milioni in più.
SVIZZERA
22 ore
Elettricità sempre più cara: aumenti fino al 20%
La guerra in Ucraina ha accentuato una tendenza già presente in Svizzera.
GRIGIONI
22 ore
Scontro fra treni: colpa di una disattenzione
L'incidente nel 2019 nel tunnel del Vereina. Dagli accertamenti è emerso che il macchinista non aveva visto l'halt
SVIZZERA
1 gior
Un futuro alternativo per la Patrouille Suisse
Con l'acquisto degli F-35A, non saranno mantenuti gli F-5 Tiger della pattuglia acrobatica. Amherd cerca una soluzione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile