Immobili
Veicoli
tipress
BERNA 
04.06.21 - 10:080

Caritas: «Abolire le liste nere disumane»

I cantoni di Argovia, Lucerna, Ticino, Turgovia e Zugo tengono nota degli assicurati morosi.

Chi finisce su questa lista riceve cure soltanto in caso di emergenza. L'organizzazione umanitaria chiede al Consiglio degli Stati di intervenire

BERNA  - Cinque cantoni tengono una lista nera di persone che non pagano i premi delle casse malati e che ricevono soltanto cure in caso di emergenza. Secondo Caritas Svizzera, tali liste non hanno l'effetto auspicato, anzi hanno conseguenze fatali per gli individui interessati. L'organizzazione umanitaria chiede quindi al Consiglio degli Stati, che si occupa lunedì della legge federale sull'assicurazione malattie, di reinserire l'abolizione delle liste nere nella revisione legislativa e consentire nuovamente a tutti l'accesso alle prestazioni medico-sanitarie.

Chi non paga i premi della cassa malati rischia solleciti di pagamento, procedure esecutive e persino il pignoramento dello stipendio, scrive Caritas in una nota odierna. I cantoni di Argovia, Lucerna, Ticino, Turgovia e Zugo tengono inoltre una lista nera degli assicurati morosi.

Chi finisce su questa lista riceve cure soltanto in caso di emergenza. In questo modo s'intende aumentare la pressione sulle persone per pagare puntualmente i premi. A circa dieci anni dall'introduzione, l'idea delle liste nere è evidentemente da considerarsi fallita, precisa l'organizzazione.

Da varie analisi, aggiunge Caritas, è emerso che nei cantoni con una lista nera il numero di persone con premi scoperti non è inferiore a quello nei cantoni che non ce l'hanno. Lo conferma anche il rapporto esplicativo della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati (CSSS).

I cantoni dei Grigioni, di Soletta, San Gallo e Sciaffusa l'hanno capito e hanno abolito nuovamente le liste poiché generavano soltanto costi senza produrre alcun vantaggio, ricorda Caritas, rilevando come cinque cantoni ne sono invece tuttora convinti e sono noncuranti delle sofferenze umane causate.

Gravi ripercussioni sulla salute

Nelle liste nere figurano principalmente persone con un reddito basso. I premi scoperti non sono da ricondurre a una scarsa morale di pagamento, bensì al mancato potenziamento politico-sociale della riduzione dei premi, precisa l'organizzazione umanitaria.

Le liste nere sono una politica simbolica, distolgono - a suo dire - infatti lo sguardo dal vero problema, ossia dai premi troppo elevati. Anche l'associazione di settore degli assicuratori malattia Santésuisse ne approva l'abolizione. Tali liste sono fonte di grandi sofferenze e costituiscono un rischio per la salute delle persone con un reddito basso. La limitazione delle cure alle situazioni di emergenza ha gravi ripercussioni, deplora Caritas.

La revisione dell'articolo 64a della legge federale sull'assicurazione malattia sarà discussa lunedì dal Consiglio degli Stati. La Commissione della sicurezza sociale e della sanità, che aveva originariamente previsto l'abolizione delle liste nere, ha tuttavia cancellato questo punto dopo la procedura di consultazione. Caritas Svizzera deplora questa scelta ed esorta il Consiglio degli Stati a ridiscutere l'abolizione di queste liste. L'accesso alle prestazioni medico-sanitarie in Svizzera deve essere garantito per tutti, indipendentemente dalla situazione finanziaria e dal Cantone di domicilio, conclude la nota.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 7 mesi fa su tio
Io abolirei la Caritas per esperienza vissuta. Alla morte di mia madre regalavo la camera matrimoniale e "quelli" sono venuti a vederla ma l’hanno considerata "troppo datata" anche per un centro asilanti ;-(( Hanno avuto la faccia di bronzo di dirmi che si riforniscono da Lipo e Ikea. Volete abolire le liste nere ? Fatelo ma lasciate quelli che potrebbero pagare i premi della CM ma sono contrari per principio ma nel bisogno ............. Fate pena !!!
Marta 7 mesi fa su tio
...ma a quando una nuova legge sull'assicurazione malattia? i partiti di sinistra dove sono?
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA CITTÀ
1 ora
Il mistero dei “cubi” arancioni
Si tratta di geofoni per la localizzazione di fonti di acqua termale per la realizzazione di un impianto geotermico
ZURIGO
11 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
SVIZZERA
14 ore
La variante Omicron... e i test Covid
Non mancano i dubbi attorno ai test Covid. Ecco le principali risposte
SVIZZERA
17 ore
«Le visite agli strip club erano per motivi di lavoro»
L’ex amministratore delegato di Raiffeisen Pierin Vincenz giustifica le spese pazze addebitate alla banca.
SVIZZERA
18 ore
Le “firme” nel sistema immunitario di chi rischia il Long Covid
Uno studio zurighese ha identificato i fattori di rischio immunologici
SVIZZERA
18 ore
Il processo Vincenz non si ferma
La Corte ha respinto le richieste di sospensione. Inizia l'interrogatorio dell'ex Ceo
SVIZZERA
19 ore
In Svizzera 36'658 contagi e dodici decessi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono state ricoverate altre 121 persone col Covid
SVIZZERA
21 ore
«Un allentamento delle misure porterebbe a un'ulteriore ondata»
Gli esperti della Confederazione fanno il punto della situazione. E frenano gli entusiasmi su una fine delle restrizioni
SVIZZERA
23 ore
«Ci siamo comportati come bravi soldatini, adesso basta»
Politici e associazioni economiche fremono: Le attuali restrizioni sono «sproporzionate» e «vanno revocate».
ARGOVIA
1 gior
Cadavere nella grotta, il 22enne a processo per assassinio
Il Ministero pubblico argoviese ha richiesto sedici anni e quattro mesi di carcere per il giovane omicida.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile