Immobili
Veicoli
20min/Marco Zangger
SVIZZERA
01.06.21 - 06:000
Aggiornamento : 06:38

Le riaperture portano a un boom dei consumi

Lo prevedono i ricercatori del Politecnico di Zurigo, che parlano di un aumento del 3% per il 2021

L'esperto: «Le riaperture e i consumi interni creano posti di lavoro»

ZURIGO - Una birretta rinfrescante dopo il lavoro. Oppure un'elegante cena al ristorante. Con la riapertura anche degli spazi interni, da ieri nei ristoranti elvetici è tornata la “normalità”. «Il bisogno di consumare è molto alto» constata Alois Gmür, consigliere nazionale e membro di Gastrosuisse. Ma anche produttore di birra: «Le ordinazioni sono nuovamente aumentate».

Un segnale positivo, come conferma: «Mi aspetto che presto torneremo ai livelli del 2019». E non solo: Gmür osserva anche che ora molti avventori bevono anche un bicchiere in più oppure sono più generosi nelle mance. Lo stesso vale per lui: «Quando devo pagare otto franchi, do una banconota da dieci. Prima avrei arrotondato a nove».

Non solo ristorazione - Entro le vacanze estive è previsto un ulteriore pacchetto di allentamenti. E con il certificato Covid, anche le partenze estive dovrebbero avvenire senza grandi difficoltà. I ricercatori di economia congiunturale del Politecnico di Zurigo prevedono quindi una normalizzazione nelle spese dei consumatori che avverrà nel corso del secondo e del terzo trimestre dell'anno. Si constata una grande richiesta di beni come scarpe o abbigliamento, ma anche nel settore della ristorazione i consumi sono in aumento. Come già avvenuto la scorsa estate, «ci si aspetta una ripresa rapida».

Nel corso del 2021 i consumi privati aumenteranno di tre punti percentuali. E nel 2022 anche del 5,7%. Secondo Jan-Egbert Sturm, professore di ricerca economica al Politecnico di Zurigo e membro della task force, il consumo privato starebbe dando un contributo significativo alla «ripresa economica». «All'inizio, quando ci sono nuove aperture, si sente la necessità di recuperare» spiega a 20 Minuten. La maggior parte dei consumatori avrebbe inoltre risparmiato soldi che ora intende spendere.

Comunque Sturm si attende poi una stabilizzazione dei consumi. «La maggior parte della gente non recupererà una cena al ristorante che avrebbe voluto fare a febbraio, ma tornerà semplicemente alla solita routine». E non manca poi chi si è abituato a spendere meno. L'esperto ritiene che comunque anche questi ultimi torneranno poi al proprio livello di consumi pre-crisi.

Dal punto di vista economico, c'è motivo di essere ottimisti, secondo Sturm: «Le aperture e i consumi interni creano posti di lavoro. E anche la Svizzera potrà beneficiare dell'imminente turismo estivo nazionale ed europeo». Ma se da una parte si parla di un boom dei consumi, dall'altra bisognerà fare i conti con una possibile ondata di fallimenti dovuta alla fine del lavoro ridotto. Insomma, secondo il centro di ricerca del Politecnico di Zurigo (KOF), sul mercato del lavoro la situazione resterà tesa fino alla fine del 2021.

Il rischio d'indebitamento - Pascal Pfister dell'associazione contro l'indebitamento “Schuldenberatung Schweiz” consiglia di farsi delle concessioni, ma anche di rivedere il proprio budget in vista della nuova normalità. «Anche chi lavora in un'azienda di medie dimensioni, all'acquisto di qualcosa di nuovo si dovrebbe chiedere: durante le chiusure per cosa mi servivano i soldi? E ora dove voglio mettere le mie priorità». C'è chi durante il lockdown ha risparmiato, e quindi ora può spendere i propri risparmi. Ma altri non hanno messo da parte nulla, hanno semplicemente speso diversamente il proprio denaro. Per questi ultimi c'è il rischio di finire nelle cifre rosse, afferma Pfister.

L'esperto sottolinea che in particolare chi fa parte della fascia di reddito bassa durante lo scorso anno non ha potuto risparmiare nulla. «Il lavoro ridotto lascia un segno alla fine del mese». Ma non è la normalizzazione dei consumi la possibile causa dell'indebitamento, bensì il fisco e le casse malati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
18 min
Ecco le firme contro l'acquisto degli F-35
L'alleanza "Stop F-35" fa sapere di aver raccolto le 100'000 sottoscrizioni necessarie per la sua iniziativa
SVIZZERA
10 ore
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
10 ore
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
FOTO
SOLETTA
15 ore
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
16 ore
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA
16 ore
Tanta Ucraina, pochissimo clima e un po' di Bruxelles al WEF
Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, è stato un vertice praticamente monotematico quello di Davos.
GRIGIONI
18 ore
In trenta alla manifestazione per il clima
Scarsissima partecipazione all'azione organizzata a margine del Forum economico mondiale.
SVIZZERA
20 ore
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
URI
21 ore
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
22 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile