keystone
GINEVRA
28.05.21 - 11:410

Il comico preferisce la tournée al tribunale

Dieudonné, accusato di discriminazione razziale, non si è presentato in aula oggi a Ginevra

GINEVRA - Il processo del controverso comico e polemista Dieudonné, che doveva tenersi oggi a Ginevra, è stato rinviato al 5 luglio. Il 55enne francese, accusato di discriminazione razziale, si trova in tournée in patria e non si è presentato davanti al Tribunale di polizia.

La presidente Sabina Mascotto si è rifiutata di giudicare l'imputato in contumacia, nonostante la pressione del Ministero pubblico. Il primo procuratore Stéphane Grodecki ha chiesto in effetti di tenere comunque il processo, malgrado l'assenza di Dieudonné.

La posizione dell'accusa era sostenuta anche da Philippe Grumbach, avvocato del Coordinamento intercomunitario contro l'antisemitismo e la diffamazione (Cicad), l'associazione che ha sporto denuncia. Secondo il legale e il procuratore, il comico ha scelto consapevolmente di non presentarsi e, anzi, si sta facendo beffe della giustizia, ha affermato Grumbach.

Dal canto suo, il difensore di Dieudonné Pascal Junod ha fatto riferimento alla situazione straordinaria legata alla pandemia. La Francia ha subito uno stretto confinamento e il comico non ha potuto lavorare per un anno. Ora dunque, si è giustificato l'avvocato, sta approfittando della piccola apertura concessa agli artisti.

Mascotto ha quindi spostato l'udienza in estate anche perché, il 4 luglio, è in programma uno spettacolo di Dieudonné proprio a Ginevra. Secondo l'atto d'accusa, l'uomo, durante show svolti nella città di Calvino e a Nyon (VD), ha fatto dire a un personaggio che «le camere a gas non sono mai esistite». In Francia, il polemista è già stato più volte condannato per le sue esternazioni incitanti all'odio e antisemite.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 min
Covid, 1'894 casi e 5 decessi in Svizzera
I pazienti affetti dal virus occupano ora il 26,9% dei reparti di terapia intensiva a livello nazionale.
SVIZZERA
3 ore
«300 franchi a chi fa il vaccino, multa di 100 a chi non lo fa»
L'ex presidente del PS Peter Bodenmann è convinto che i no-vax "duri e puri" siano solo il 10-15% della popolazione.
GINEVRA
4 ore
«Il problema, in Svizzera, è il lassismo»
Stéphane Koch, esperto di sicurezza online, giudica «drammatico» il fatto di poter trovare dati personali sul darkweb
ARGOVIA
4 ore
Incendio a scuola, tre bambini ricoverati per intossicazione
Il fumo è fuoriuscito dal sistema di aspirazione presente nel seminterrato dell'edificio.
SVIZZERA / STATI UNITI
13 ore
«Al lavoro per un mondo più resiliente e più giusto»
Il presidente della Confederazione ha parlato alla 76esima Assemblea generale dell'Onu
FOTO
VAUD
15 ore
2000 in piazza a Losanna contro il certificato Covid all'università
La manifestazione non era autorizzata ma si è svolta senza problemi
FOTO
SVIZZERA
16 ore
I raduni per protestare contro la violenza della polizia
I raduni sono avvenuti su appello del collettivo "Exit Racism Now"
ZURIGO
16 ore
Parmelin vuole giornate lavorative di 15 ore e più lavoro domenicale
Il ministro dell'Economia ha presentato un “compromesso” relativo alla legge sull'orario di lavoro.
SVIZZERA
18 ore
La cultura vuole ancora i test gratuiti
Secondo gli esponenti del settore si è ancora lontani dalla normalità e dal 1° ottobre potrebbe esserci un peggioramento.
SVIZZERA
19 ore
GastroSuisse pretende l'indennizzo
I presidenti delle 26 sezioni cantonali auspicano inoltre un rapido piano di uscita dalla pandemia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile