Deposit (immagine illustrativa)
SVIZZERA
27.05.21 - 16:590

Le vittime del nazismo potrebbero avere il loro memoriale in Svizzera

Per il Consiglio federale è fondamentale «mantenere viva la memoria» su questo periodo nerissimo della storia.

Centinaia di cittadini rossocrociati persero la vita sotto il giogo nazionalsocialista.

BERNA - Anche la Svizzera potrebbe avere il proprio memoriale per le vittime del nazionalsocialismo al fine di aumentare la consapevolezza dell'importanza della democrazia e dello Stato di diritto, soprattutto tra i giovani.

Un progetto in tal senso verrà elaborato assieme ai Cantoni, ha spiegato oggi il Consiglio federale che raccomanda al parlamento di adottare due mozioni identiche sul tema inoltrate da Alfred Heer (UDC/ZH) e Daniel Jositsch (PS/ZH).

Anche il governo, si legge nella risposta pubblicata oggi alle mozioni dei sue parlamentari, è consapevole dell'importanza di sensibilizzare la popolazione alle drammatiche conseguenze del nazionalsocialismo, in particolare dell'Olocausto e del tragico destino di tutte le sue vittime, di cui intende mantenere viva la memoria. Ciò vale in particolare per le giovani generazioni.

Pertanto è favorevole alla creazione di «un memoriale svizzero». Il Dipartimento federale degli affari esteri, in collaborazione con gli altri dipartimenti interessati - in particolare quello dell'economia, della formazione e della ricerca e dell'interno - e con la partecipazione dei Cantoni coinvolti presenterà al Consiglio federale alcune opzioni per la realizzazione di un simile memoriale in Svizzera, proponendo anche forme di comunicazione adeguate.

Il 25 maggio scorso, in una petizione indirizzata al Consiglio federale, circa 150 personalità, tra cui l'ex consigliera federale socialista Ruth Dreifuss - prima persona di religione ebraica eletta in governo - e circa 30 organizzazioni, avevano chiesto l'erezione di un memoriale per le vittime, tra cui centinaia di svizzeri, del nazionalsocialismo.

La creazione artistica, sostenuta dall'Amitié judéo-chrétienne en Suisse, dall'Organizzazione degli Svizzeri all'estero, dalla Federazione svizzera delle comunità israelite, dal Centro per gli studi ebraici dell'Università di Basilea e dall'Archivio per la storia contemporanea del Politecnico federale di Zurigo, vuole onorare le vittime del nazismo, ma anche coloro che si adoperarono per aiutare i perseguitati e che per questo ebbero problemi con la giustizia.

Tra le vittime del nazismo perite nei campi di concentramento si contano anche numerose persone, specie donne, che per matrimonio persero la nazionalità svizzera. Di recente, la casa editrice NZZ Libro ha dato alle stampe il volume, dal titolo emblematico, "Die Schweizer KZ-Häftlinge. Vergessene Opfer des Dritten Reichs", in cui si fa stato di centinaia di persone - donne, uomini, bambini, ebrei, socialisti, omosessuali, testimoni di Geova, membri della resistenza o esponenti delle minoranze etniche romanì come i Sinti e i Roma - rinchiuse nei campi di concentramento. Il sostegno da parte delle autorità elvetiche dell'epoca fu sovente timido, se non assente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Ro 3 mesi fa su tio
Perché no ? Solo che si poteva fare molto prima.
pillola rossa 3 mesi fa su tio
La stampa statunitense scriveva dell'olocausto di 6 milioni di ebrei molto prima dell'avvento di Hitler. Di questo è meglio non parlarne.
seo56 3 mesi fa su tio
🤐🤐🤐
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
1 ora
«Volevano uccidermi perché non ho messo una canzone»
Tredici giovani ne hanno aggredito un altro per futili motivi durante la festa del digiuno ginevrino.
SVIZZERA
1 ora
La fine della pandemia? «La prossima primavera»
Gli esperti si dicono d'accordo sul fatto che la stagione invernale sarà difficile. Dipende tutto dalle vaccinazioni
SVIZZERA
8 ore
Ingresso in Svizzera solo con test (o certificato)?
Ecco cosa potrebbe decidere il Consiglio federale nella sua seduta di domani
SVIZZERA
9 ore
Aumentano i vaccinati "riluttanti"
Nei Cantoni rurali il tasso di vaccinazione è più basso. Ma sembra che l'obbligo del pass nei bar stia cambiando le cose
BERNA
10 ore
No Pass: migliaia in piazza a Berna e Bienne
Ancora manifestazioni questa sera contro le nuove misure introdotte dal Consiglio Federale
SVIZZERA
14 ore
La terza dose sotto la lente di Swissmedic
L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sta valutando i dati clinici, «in termini di sicurezza ed efficacia»
ARGOVIA
15 ore
La 26enne ha ucciso il fratello, poi si è tolta la vita
La Polizia cantonale ha fornito nuovi dettagli sui due corpi trovati martedì mattina a Frick.
SVIZZERA
16 ore
Siamo il paese più caro d'Europa
Il nostro costo della vita è del 51% superiore a quello della Germania.
SVIZZERA
17 ore
I test potrebbero rimanere gratuiti
Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.
SVIZZERA
17 ore
Nessun decesso nelle ultime ventiquattro ore
Altre 61 persone hanno dovuto ricorrere a un ricovero. Le cure intense accolgono ora il 30,9% di pazienti Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile