Keystone
ZURIGO
26.05.21 - 21:240

Bocciata la liberazione immediata di "Carlos"

Uno dei suoi legali aveva chiesto il rilascio immediato in quanto detenuto «in condizioni da tortura».

Il Tribunale cantonale di Zurigo ha però risposto picche: il regime d'isolamento in cui si trova "Carlos" è proporzionato.

ZURIGO - Il Tribunale cantonale di Zurigo oggi ha respinto la richiesta di liberazione del giovane delinquente zurighese conosciuto con il soprannome di "Carlos", avanzata da uno dei legali in apertura di un ennesimo processo nei suoi confronti.

L'immediato rilascio dell'imputato era stato sollecitato perché questi è incarcerato in «condizioni di detenzione da tortura», che per "Carlos" sono «pesanti e insopportabili». La corte ha però bocciato la domanda, ritenendo che una liberazione sarebbe sbagliata e che il regime d'isolamento in cui si trova "Carlos" è proporzionato, perché il giovane costituisce ancora un grande pericolo. I suoi difensori comunque non si sono arresi e hanno successivamente presentato una nuova richiesta, dai contenuti uguali.

Secondo i legali, la detenzione in isolamento continuo è crudele e inumana: da 900 giorni in custodia di sicurezza, le uniche figure di riferimento per "Carlos" sono le guardie che - a suo dire - lo provocano, lo insultano e lo hanno anche aggredito fisicamente. Gli avvocati hanno anche annunciato che il relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura interverrà presso il ministro degli esteri svizzero.

Al centro dell'esame odierno del tribunale c'era però la richiesta di prima istanza di sottoporre il 25enne - che nel frattempo preferisce farsi chiamare con il suo vero nome, Brian, e non era presente in aula - a una terapia in detenzione. Tuttavia, la sentenza in merito, per limiti di tempo, non è stata presa oggi. Verrà emessa in un secondo momento: fra circa tre settimane, ma non c'è ancora una data precisa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Test gratuiti, i costi superano i quattro milioni al giorno
Parlamento e Consiglio federale sono in disaccordo rispetto alla revoca della gratuità dei tamponi.
FOTO
SAN GALLO
3 ore
Terribile frontale in galleria, morto un automobilista
L'incidente è avvenuto questa notte tra Walenstadt e Murg nei pressi di un cantiere sull'A3.
SVIZZERA
12 ore
E se il 12 settembre diventasse festa nazionale?
Non solo il Primo d'agosto. In Svizzera bisognerebbe introdurre un nuovo giorno festivo. La proposta al governo
FOTO
ZURIGO
14 ore
Pompieri in azione a Zurigo
Intervento in Langstrasse per un incendio sviluppatosi in una cantina
SVIZZERA
14 ore
I dipendenti Swiss non vaccinati saranno lasciati a casa
Gli equipaggi dovranno essere vaccinati. Agli indecisi sarà concesso un periodo di riflessione di sei mesi
SVIZZERA
16 ore
La tappa svizzera del “treno europeo”
Si tratta dell'iniziativa “Connecting Europe Express” volto a promuovere la ferrovia nel continente
SVIZZERA
16 ore
Nessuno dovrebbe avere più di cento milioni di franchi in banca
Dopo la sconfitta dell'Iniziativa 99%, la Gioventù socialista si prepara a lanciare una nuova iniziativa
SVIZZERA
17 ore
Collegialità violata, il Governo opta per il "no comment"
Il presidente Guy Parmelin non ha preso posizione sulle asserzioni del suo collega (anche di partito) Ueli Maurer.
SVIZZERA
18 ore
Strage di Zugo, un minuto di silenzio
Era il 27 settembre di 20 anni fa. Un forsennato armato di un fucile d'assalto uccise 14 politici cantonali
SVIZZERA / FRANCIA
19 ore
Giudice malato, verdetto UBS posticipato
Continua a tenere banco il contenzioso fiscale tra la grande banca elvetica e la Francia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile