Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA / UE
26.05.21 - 17:000

Un «colpo durissimo» per la tecnologia medica

Con la rottamazione dell'Accordo quadro, l'industria svizzera del settore ha perso il libero accesso al mercato europeo.

D'ora in poi le imprese elvetiche dovranno rispettare requisiti più severi per l'esportazione dei loro dispositivi sanitari verso l'Unione europea.

BERNA - Con l'odierna decisione del Consiglio federale di non firmare la bozza di accordo istituzionale con l'UE, l'industria svizzera della tecnologia medica ha perso il libero accesso al mercato interno europeo. La Confederazione è infatti relegata al ruolo di Stato terzo con l'entrata in vigore del nuovo regolamento sui dispositivi medici.

«A causa dell'assenza di un accordo quadro tra la Svizzera e l'Unione europea (UE), quest'ultima non ha aggiornato l'Accordo sul reciproco riconoscimento in materia di valutazione della conformità (MRA)», ha constatato l'associazione di categoria Swiss Medtech. D'ora in poi, le imprese elvetiche dovranno rispettare requisiti più severi per l'esportazione dei loro dispositivi medici verso l'UE.

Dovranno inoltre far fronte a costi supplementari e a oneri amministrativi più pesanti. Tali aziende dovranno d'ora in poi designare un rappresentante in un Paese dell'UE ed etichettare i loro prodotti conformemente alla regolamentazione dei 27 Paesi comunitari.

Decine di milioni di franchi - L'associazione di categoria stima in 114 milioni di franchi le spese amministrative puntuali delle imprese elvetiche per gli adeguamenti e a 75 milioni i costi annuali ricorrenti, il che corrisponde rispettivamente al 2% o all'1,4% del volume di esportazioni (5,2 miliardi di franchi) dalla Svizzera verso l'UE. »«Se si considera l'insieme del settore svizzero delle tecnologie mediche, i costi puramente amministrativi sono sopportabili», ha commentato il presidente di Swiss Medtech Beat Vonlanthen, citato in una nota.

Perdita d'attrattiva - «Siamo molto più preoccupati per la perdita di attrattiva del sito e le conseguenze negative che ne derivano. Per esempio, per le aziende europee che auspicano stabilirsi in Europa, la Svizzera perde notevolmente in termini di attrattiva per gli investimenti rispetto ai Paesi dell'UE a causa della burocrazia legata al suo statuto di Stato terzo», ha spiegato Vonlanthen.

Le speranze che la Confederazione, come altri Paesi terzi, possa beneficiare di un periodo transitorio sino al 2024 per i prodotti della tecnologia medica già certificati e quindi approvati dall'UE sono andate deluse.

Berna e Bruxelles avevano condotto discussioni a questo proposito, ma stando a Swiss Medtech, nessun accordo è stato trovato finora. La Segreteria di Stato dell'economia (SECO) ha confermato oggi all'agenzia Keystone-ATS che non è stata raggiunta alcuna soluzione, ma ha assicurato che «le discussioni proseguono».

Misure svizzere - Nel caso in cui l'accordo non fosse stato aggiornato in tempo, il Consiglio federale ha deciso una settimana fa di prendere misure che sono entrate in vigore oggi. Concretamente i fabbricanti dell'UE devono designare un rappresentante autorizzato in Svizzera ed etichettare i loro prodotti con i suoi dati.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Monello59 7 mesi fa su tio
Ottima decisione del CF ..bravi ..il resto sono tutte bal....!!!
seo56 7 mesi fa su tio
Ma va!!!! E chi se ne frega!!
Mat78 7 mesi fa su tio
Un po' di sano terrorismo ci vuole sempre...
Mat78 7 mesi fa su tio
Cose che succedono quando con certi interlocutori non si cede ai RICATTI
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
10 min
Swissmedic: «Non c'è motivo di nascondere nulla»
Continuano a circolare segnalazioni circa gli effetti collaterali delle vaccinazioni.
ZUGO
24 min
In polizia per un interrogatorio, si presenta sotto l'effetto di droga
È quanto accaduto martedì a Zugo. Si tratta di un ventenne, che era giunto al volante della sua auto
SVIZZERA
1 ora
La soddisfazione dei Cantoni
Secondo i direttori della sanità, il Consiglio federale ha tenuto conto della consultazione
SAN GALLO
2 ore
Video pedo-pornografici sui profili (hackerati) di Facebook e Instagram
La polizia di San Gallo denuncia diversi casi e avverte: «Anche i proprietari rischiano di subire azioni legali».
BERNA
3 ore
Quarantena e obbligo del telelavoro fino a fine febbraio
Gli altri provvedimenti provvisoriamente fino a fine marzo
SVIZZERA
3 ore
Nuovo record di contagi e 25 decessi in Svizzera
Scendono i pazienti ospedalizzati a causa del virus, che occupano ora il 7,9% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
4 ore
Una miocardite che è già un caso
La velocista vodese Sarah Atcho al centro delle polemiche dopo aver raccontato di essersi ammalata dopo il vaccino
SVIZZERA
5 ore
«Come un jackpot a Las Vegas»
Il giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann è molto critico sugli aiuti che voteremo il prossimo 13 febbraio
SVIZZERA
7 ore
Salute compromessa dopo il vaccino: «Sono solo stato sfortunato»
Il granconsigliere argoviese Martin Wernli soffre di problemi di salute da quando ha ricevuto la prima dose.
ZURIGO
7 ore
Il Consiglio federale si asterrà probabilmente da ulteriori misure
Il numero dei contagi è ancora alto, ma gli ospedali stanno reggendo il colpo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile