keystone
SVIZZERA
26.05.21 - 08:090

Una catena svizzera per i paesi fragili

L'appello solidale: donazioni per fornire vaccini in Asia e America Latina

BERNA - Il coronavirus si sta diffondendo molto rapidamente, in particolare in alcune zone dell'Asia meridionale e dell'America Latina. Lo afferma la Catena della solidarietà che lancia un appello alle donazioni per poter continuare a sostenere la prevenzione e gli aiuti per far fronte alle conseguenze della pandemia nei Paesi più fragili.

«La crisi legata al coronavirus non si ferma alle frontiere», ricorda in una nota l'organizzazione precisando che «solo uniti possiamo combattere questo flagello mondiale». Tuttavia, se la situazione in Svizzera si sta lentamente normalizzando, anche grazie all'aumento costante della copertura vaccinale, in molti Paesi la pandemia è fuori controllo.

Orbene, «questa crisi globale può essere debellata soltanto attraverso la solidarietà internazionale», afferma il presidente della Conferenza delle direttrici e dei direttori cantonali della sanità (CDS) Lukas Engelberger citato nella nota. Per questo motivo occorre «garantire l'assistenza sanitaria, la prevenzione e l'approvvigionamento di base nei Paesi più colpiti da questa fase di pandemia acuta».

«Anche se Paesi quali l'India o il Brasile dispongono di sistemi sanitari relativamente buoni, gli strati della popolazione più poveri non hanno accesso all'assistenza medica», aggiunge il direttore della Catena della Solidarietà Roland Thomann.

La pandemia colpisce con maggiore violenza le persone più vulnerabili, aggravando ulteriormente la povertà, sottolinea Thomann. Dato che i nove milioni raccolti finora sono stati quasi interamente impiegati, la Catena della Solidarietà lancia un appello alla solidarietà della popolazione svizzera.

Gli aiuti si concentrano sul potenziamento dei sistemi sanitari locali, la prevenzione sanitaria, la distribuzione di dispositivi di protezione quali mascherine e disinfettanti, nonché le campagne di sensibilizzazione. Le ONG partner possono altresì fornire aiuti ponte in denaro contante o sotto forma di beni materiali. Possono beneficiare di questo sostegno anche le piccole imprese e i produttori locali.

La Catena della Solidarietà sostiene anche le persone più duramente colpite dalla pandemia in Svizzera. Da marzo sono stati distribuiti 40 milioni di franchi a 1,7 milioni di persone.

Le donazioni per gli aiuti legati al coronavirus, precisa ancora la nota, possono essere effettuate online su www.catena-della-solidarieta.ch o sul conto postale 10-15'000-6 (menzione "Coronavirus Internazionale").

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Gli 007 elvetici vogliono lavorare da casa
Telelavoro offlimits in seno all'intelligence elvetica, anche durante il lockdown. Ma ora i dipendenti lo chiedono
SVIZZERA
5 ore
«Con agosto si passa alla fase tre»
Secondo diversi epidemiologi, i tempi sono maturi per la normalizzazione. «Ma bisogna procedere passo per passo».
SVIZZERA
11 ore
Il Grütli delle donne
Viola Amherd ha rilanciato l'impegno per la parità fra i sessi, nel discorso per il Primo d'Agosto
ZURIGO
11 ore
Meno mascherine in ufficio, e salgono i contagi a Zurigo
Aumentano anche le persone che contraggono il virus sui mezzi pubblici.
SVIZZERA / THAILANDIA
14 ore
Primo agosto: Cassis celebra la diversità della Svizzera da Bangkok
Il ministro degli esteri celebra la festa nazionale durante il suo viaggio ufficiale in Thailandia
SVIZZERA
14 ore
«Procedere insieme nella diversità»
Il discorso del Primo agosto tenuto dalla consigliera federale Karin Keller-Sutter
SONDAGGIO
SVIZZERA
14 ore
Uccidere i lupi? Meglio organizzare dei “safari”
È quanto propone il presidente di Graubünden Ferien per promuovere il turismo in Svizzera
SVIZZERA
16 ore
D'estate si batte la fiacca
Uno studio dimostra che la produttività in Svizzera cala del 20 per cento nei mesi caldi
SVIZZERA
17 ore
Happy birthday Svizzera!
Auguri da Biden, da Facebook, da Google, nel 730esimo compleanno della Confederazione
SVIZZERA
1 gior
Chi pagherà i test covid quando termineranno le vaccinazioni?
«Il contribuente? Non ne sono sicuro» ha dichiarato Guy Parmelin
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile