Keystone
SVIZZERA
25.05.21 - 12:420
Aggiornamento : 15:48

Lavoro ridotto per 11 miliardi nell'anno della pandemia

Solo ad aprile 2020 le casse di disoccupazione hanno versato un importo complessivo di ben due miliardi.

Tra i settori che ne hanno usufruito maggiormente, ristorazione e industrie legate ai servizi.

BERNA - Nel primo anno della pandemia, le casse di disoccupazione hanno versato circa 11 miliardi di franchi alle imprese per il lavoro ridotto. Lo indica una statistica compilata dalla Segreteria di Stato dell'economia (Seco), diffusa oggi da radio SRF.

Ristorazione in primis - Circa un quinto del denaro è andato al settore della ristorazione, uno dei più toccati dalla crisi a causa delle restrizioni adottate dalle autorità: ristoranti, caffè e bar hanno ricevuto più di due miliardi.

Legami tra settori - Anche le imprese del settore della trasformazione hanno ottenuto più di due miliardi, ha confermato la Seco. I produttori di bevande, per esempio, con i loro forti legami con l'industria della ristorazione, sono stati colpiti in misura superiore alla media dal lavoro a orario ridotto. Altri esempi: l'industria dell'abbigliamento, che ha sofferto per la chiusura dei negozi e l'interruzione delle catene di approvvigionamento, così come le tipografie e l'industria orologiera. Secondo la Seco, quest'ultima è stata particolarmente colpita durante la prima ondata la scorsa primavera.

Dove è andata meglio - Altri settori hanno sofferto di meno le conseguenze della pandemia e hanno perciò ricevuto molti meno aiuti per il lavoro ridotto. Il rapporto cita l'agricoltura, la pubblica amministrazione, le banche e le assicurazioni.

La prima ondata - La maggior parte dei fondi destinati al lavoro ridotto è stata versata nel corso della prima ondata pandemica: ben due miliardi solo nell'aprile 2020, e altri 1,75 miliardi in maggio, i due mesi caldi che hanno visto ridursi considerevolmente l'attività lavorativa a causa del semi confinamento deciso dal Consiglio federale.

La seconda ondata - In seguito, le cifre sono scese, prima di risalire con la seconda ondata che ha investito la Svizzera in autunno. Nel febbraio 2021, il mese più recente coperto dalla statistica, quasi 800 milioni sono stati impegnati a favore delle imprese in difficoltà a causa delle chiusura entrate in vigore in dicembre.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
5 ore
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
9 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
9 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
11 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
12 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
12 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
13 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
14 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
16 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
17 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile