Tipress
SAN GALLO
25.05.21 - 12:020

Non pagava gli alimenti, niente naturalizzazione agevolata

L'uomo ha taciuto 40mila franchi di debito sul pagamento degli alimenti alla prima moglie, che ha informato le autorità.

SAN GALLO - Un uomo di origini algerine ha perso la sua naturalizzazione agevolata dopo che l'ex moglie lo ha denunciato per alimenti non pagati. Secondo il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha agito in maniera fraudolenta nascondendo il debito.

Due matrimoni - L'uomo si era sposato una prima volta con una cittadina svizzera, con cui ha avuto una figlia nel 1989. Dopo il divorzio, si è risposato nel 2000, di nuovo con una svizzera, con la quale ha avuto due figlie nel 2003 e nel 2012.

La denuncia della prima moglie - L'algerino ha ottenuto la naturalizzazione facilitata nel maggio 2018. Un mese più tardi, la sua prima moglie ha espresso la sua indignazione presso la Segreteria di Stato della migrazione (SEM), sottolineando i problemi con la giustizia ginevrina e vodese avuti dall'ex marito, in particolare per il mancato pagamento degli alimenti.

Debito di 40'000 franchi - La SEM ha quindi annullato la naturalizzazione. L'interessato, nel febbraio 2018, aveva ricevuto un ordine di pagamento di 40'000 franchi arretrati nei confronti della sua ex moglie. Due mesi dopo, aveva firmato i documenti della procedura di naturalizzazione tacendo il debito.

Naturalizzazione annullata - Il Tribunale Amministrativo Federale, in seguito al ricorso dell'uomo, conferma ora l'annullamento della naturalizzazione. Si tratta infatti di una procedura strettamente legata al rispetto dell'ordine giuridico svizzero.

Mancata trasparenza - Secondo i giudici di San Gallo, pesa inoltre il fatto che l'uomo abbia dichiarato il falso nel corso delle procedure di naturalizzazione: era infatti perfettamente al corrente dell'ordine di pagamento di 40'000 franchi, ma non l'ha segnalato. Non si tratta, ha aggiunto la corte, di un dettaglio trascurabile, ma di una somma importante che è obbligato a pagare. La decisione del TAF non è definitiva e può essere ancora impugnata davanti al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
5 ore
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
8 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
9 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
10 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
11 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
11 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
12 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
13 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
16 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
16 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile