Tipress
SAN GALLO
25.05.21 - 12:020

Non pagava gli alimenti, niente naturalizzazione agevolata

L'uomo ha taciuto 40mila franchi di debito sul pagamento degli alimenti alla prima moglie, che ha informato le autorità.

SAN GALLO - Un uomo di origini algerine ha perso la sua naturalizzazione agevolata dopo che l'ex moglie lo ha denunciato per alimenti non pagati. Secondo il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha agito in maniera fraudolenta nascondendo il debito.

Due matrimoni - L'uomo si era sposato una prima volta con una cittadina svizzera, con cui ha avuto una figlia nel 1989. Dopo il divorzio, si è risposato nel 2000, di nuovo con una svizzera, con la quale ha avuto due figlie nel 2003 e nel 2012.

La denuncia della prima moglie - L'algerino ha ottenuto la naturalizzazione facilitata nel maggio 2018. Un mese più tardi, la sua prima moglie ha espresso la sua indignazione presso la Segreteria di Stato della migrazione (SEM), sottolineando i problemi con la giustizia ginevrina e vodese avuti dall'ex marito, in particolare per il mancato pagamento degli alimenti.

Debito di 40'000 franchi - La SEM ha quindi annullato la naturalizzazione. L'interessato, nel febbraio 2018, aveva ricevuto un ordine di pagamento di 40'000 franchi arretrati nei confronti della sua ex moglie. Due mesi dopo, aveva firmato i documenti della procedura di naturalizzazione tacendo il debito.

Naturalizzazione annullata - Il Tribunale Amministrativo Federale, in seguito al ricorso dell'uomo, conferma ora l'annullamento della naturalizzazione. Si tratta infatti di una procedura strettamente legata al rispetto dell'ordine giuridico svizzero.

Mancata trasparenza - Secondo i giudici di San Gallo, pesa inoltre il fatto che l'uomo abbia dichiarato il falso nel corso delle procedure di naturalizzazione: era infatti perfettamente al corrente dell'ordine di pagamento di 40'000 franchi, ma non l'ha segnalato. Non si tratta, ha aggiunto la corte, di un dettaglio trascurabile, ma di una somma importante che è obbligato a pagare. La decisione del TAF non è definitiva e può essere ancora impugnata davanti al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ZURIGO
1 ora
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
2 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
3 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
4 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
4 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
5 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
5 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
6 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
SVIZZERA
7 ore
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
SVIZZERA
8 ore
Alimentari online? Mancano informazioni su allergeni e ingredienti
L'allarme dei chimici cantonali: trecento controlli e nel 78% dei casi è stata riscontrata una carenza d'informazioni
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile