Immobili
Veicoli
Imago
SVIZZERA
24.05.21 - 23:020

Uno svizzero su dieci fa uso di sonniferi

È quanto emerge da uno studio dell'Università di Zurigo, che mette luce sul problema

Un uso regolare di benzodiazepine può creare dipendenza, e le conseguenze non vanno sottovalutate

ZURIGO - Tra difficoltà a dormire e attacchi d'ansia, gli svizzeri continuano a consumare troppi sonniferi e farmaci affini.

Lo indica uno studio svolto dall'Università di Zurigo, pubblicato sulla rivista "Neuropsychiatric Disease and Treatment" e riportato dal domenicale "Le Matin Dimanche".

Nel corso del 2018, secondo la ricerca, il 10,5% degli adulti del nostro paese ha ricevuto almeno una prescrizione medica per una benzodiazepina (i farmaci come Xanax, Temesta o Seresta) o un altro sonnifero di tipo Z. Una percentuale che rappresenta uno svizzero su dieci, colpito da ciò che gli autori dell'indagine descrivono come un importante «problema di salute pubblica». Di questi, il 30% ha ricevuto più di cinque prescrizioni in un anno.

Una forte dipendenza
Secondo i ricercatori, le conseguenze di un uso frequente di tali farmaci possono essere gravi: coloro che consumano regolarmente benzodiazepine hanno il 40% di probabilità in più di finire ricoverati (per traumi, ma anche per altri motivi), in un istituto riabilitativo o in una casa di cura.

Questo perché le benzodiazepine creano dipendenza, ed è molto difficile per i pazienti ridurne le dosi. Un uso eccessivo di tali medicamenti può portare poi a disturbi cognitivi e ad episodi di confusione che, nel caso dei pazienti anziani (che sono i più colpiti), possono portare a cadute e fratture. 

Per questo motivo, secondo Christophe Büla, capo del dipartimento geriatrico al CHUV di Losanna, questi trattamenti non dovrebbero essere prescritti per più di due o tre settimane. Negli ultimi anni, le società mediche hanno provato a frenare il problema emettendo una serie di avvertimenti, ma il consumo è rimasto stabile ad un livello elevato.

Motivi organizzativi e scorciatoie
In confronto con altri Paesi, la Svizzera mostra un consumo pro capite elevato: «La proporzione è attorno al 5-7% negli Stati Uniti, come anche in Germania e nel Regno Unito», ha confermato al settimanale Carola Huber, del Dipartimento di ricerca di Helsana, i cui assicurati hanno preso parte allo studio.

Secondo Huber, bisogna fare attenzione agli eccessi, anche perché non ci sono dei dati centralizzati, e i consumatori possono andare da diversi medici e in diverse farmacie. Sulla scelta di prendere benzodiazepine, è anche possibile che i pazienti optino per una soluzione rapida piuttosto che intraprendere un processo lungo e più complicato, come la psicoterapia, secondo l'esperto, che auspica che le nuove generazioni di medici «consapevoli di questo problema» diminuiscano la distribuzione di tali farmaci.

Per quanto concerne la tipologia di persone che maggiormente necessita i sonniferi, gli autori della ricerca hanno indicato che si tratta principalmente di donne, perlopiù anziane e che vivono in città. Circa due terzi delle prescrizioni sono risultate indirizzate a persone facenti parte di questa categoria.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Purtroppo sono tra quelli che da anni ne devo fare uso. Ho tentato gradualmente di ridurre il dosaggio ma è stato un incubo durato parecchie notti. Quindi sono tornato alla dose prescritta ma almeno la notte ho un pochino di pace; basta già il giorno a rendermi la vita uno schifo !!!!!!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Vaiolo delle scimmie: terzo caso in Svizzera
Lo ha indicato l'Ufficio federale della sanità pubblica
SVIZZERA
6 ore
Pipistrelli, ratti, scimmie e... cammelli: cosa dobbiamo aspettarci dalle zoonosi del futuro
Ce lo spiega l'epidemiologo dell'Uni di Berna Christian Althaus: «Animali che contagiano l'uomo? Non è una novità»
FOTO
SOLETTA
12 ore
Colpita da una pianta a bordo fiume, grave una donna
L'incidente è avvenuto poco prima di mezzogiorno a Olten, sulle rive dell'Aare.
APPENZELLO ESTERNO
12 ore
Scivola sulla neve, cade e perde la vita
Il corpo del 44enne è stato trovato per caso da alcuni escursionisti sul massiccio dell'Alpstein
SVIZZERA
13 ore
Tanta Ucraina, pochissimo clima e un po' di Bruxelles al WEF
Dopo una pausa di due anni dovuta alla pandemia, è stato un vertice praticamente monotematico quello di Davos.
GRIGIONI
15 ore
In trenta alla manifestazione per il clima
Scarsissima partecipazione all'azione organizzata a margine del Forum economico mondiale.
SVIZZERA
16 ore
Ultimo sprint dopo una maratona durata cinque anni
A Davos, Ignazio Cassis ha promosso «in modo mirato» la candidatura svizzera al Consiglio di sicurezza dell'Onu.
URI
18 ore
A ripulire il monumento ci hanno pensato alcuni cittadini
Il restauro dell'opera presente nelle Gole della Schöllenen rischiava di diventare un vero e proprio caso diplomatico.
SVIZZERA
19 ore
Come ti aggiro le sanzioni
Gli operatori di viaggio della Federazione Russa continuano a offrire vacanze in Europa occidentale, Svizzera compresa.
VAUD
19 ore
Non rispetta la precedenza, deceduto un ciclista
Incidente fatale nel canton Vaud. L'intervento immediato dei soccorsi non ha potuto evitare il peggio.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile