20min/François Melillo (immagine illustrativa)
SVIZZERA
23.05.21 - 08:190
Aggiornamento : 11:46

«Sì ai grandi eventi, ma con prudenza»

Secondo Christoph Berger dovranno essere aperti esclusivamente a vaccinati e persone con test negativo

Il presidente della Commissione per le vaccinazioni ricorda che l'immunizzazione è al momento la via per un ritorno alla normalità

BERNA - I grandi eventi con oltre 10'000 persone potrebbero tornare a partire dal prossimo settembre. Ma ci vuole comunque prudenza. Questo è quanto afferma Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni: «Per un po' di tempo manifestazioni di questo genere potrebbero spingere la diffusione del virus» afferma in un'intervista a tutto tondo alla SonntagsZeitung.

Per questo motivo Berger si dice favorevole ai privilegi per i vaccinati e per le persone in possesso di un test negativo. Ed è a queste persone che dovrebbero essere riservati i grandi eventi, perlomeno per un po' di tempo. Inoltre, sempre a suo dire, l'introduzione dei privilegi dovrebbe anche indurre le persone a immunizzarsi.

In molti cantoni, la campagna di vaccinazione è già aperta a tutti gli over 16. Ma secondo Berger ci sarebbero ancora troppe persone appartenenti ai gruppi a rischio che non si sono ancora vaccinate. Si parla in particolare della fascia d'età tra i 60 e gli 80 anni, dove in determinati cantoni il 25-35% non è ancora immunizzato. Il presidente della Commissione per le vaccinazioni suggerisce pertanto di puntare sulla comunicazione indirizzata proprio alle persone anziane.

Nell'intervista Berger sottolinea, inoltre, che il vaccino è al momento l'unica via per il ritorno alla normalità. «Non possiamo passare da un lockdown all'altro, e anche la strategia dei test e del contact tracing aiuta soltanto in modo limitato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
16 min
Il trasporto pubblico non aumenta i prezzi
L'obiettivo: riconquistare gli utenti persi durante i mesi della pandemia
SVIZZERA
28 min
Carlos legato al letto, tre psichiatri alla sbarra
Il detenuto ha portato davanti al giudice i medici per un trattamento subito quando aveva 15 anni
SVIZZERA
2 ore
«I vaccinati rompano il silenzio»
Più voci ritengono che la minoranza non possa più dettare il ritmo della crisi sanitaria
BERNA 
2 ore
Più caro, ma ci dura oltre 4 anni
Stiamo parlando dello smartphone. L'iPhone rimane l'apparecchio più impiegato, davanti a quelli di Samsung.
SVIZZERA
4 ore
Obbligo di Certificato Covid al lavoro? Per ora in Svizzera è un unanime «anche no»
Datori, dipendenti, politica ed esperti elvetici non entusiasti per una misura che in Europa inizia a far parlare
ZURIGO
4 ore
Non sei vaccinato? Il tuo bonus sarà più basso
Una società di sicurezza ha deciso di concedere premi maggiori a chi si è immunizzato.
SONDAGGIO TAMEDIA
6 ore
Dalla pandemia alla giustizia: come voterai il prossimo 28 novembre?
Mancano poche settimane alle votazioni federali. Partecipa al sondaggio di 20 minuti e Tamedia
ZURIGO
16 ore
«Non siamo degli “sboroni dell'auto” senza rispetto»
Nel weekend la polizia zurighese aveva interrotto un raduno di bolidi. Ora prende la parola una co-organizzatrice
FOTO
SVIZZERA / GERMANIA
21 ore
Auto strapiena di marijuana
I doganieri tedeschi hanno intercettato una vettura elvetica su cui erano presenti 53 chili di sostanza stupefacente
SVIZZERA / BRASILE
21 ore
Svizzero rapito e ucciso in Brasile
L'omicidio, avvenuto a Goianésia, sarebbe legato a un debito di circa 2'000 franchi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile