20min/François Melillo (immagine illustrativa)
SVIZZERA
23.05.21 - 08:190
Aggiornamento : 11:46

«Sì ai grandi eventi, ma con prudenza»

Secondo Christoph Berger dovranno essere aperti esclusivamente a vaccinati e persone con test negativo

Il presidente della Commissione per le vaccinazioni ricorda che l'immunizzazione è al momento la via per un ritorno alla normalità

BERNA - I grandi eventi con oltre 10'000 persone potrebbero tornare a partire dal prossimo settembre. Ma ci vuole comunque prudenza. Questo è quanto afferma Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni: «Per un po' di tempo manifestazioni di questo genere potrebbero spingere la diffusione del virus» afferma in un'intervista a tutto tondo alla SonntagsZeitung.

Per questo motivo Berger si dice favorevole ai privilegi per i vaccinati e per le persone in possesso di un test negativo. Ed è a queste persone che dovrebbero essere riservati i grandi eventi, perlomeno per un po' di tempo. Inoltre, sempre a suo dire, l'introduzione dei privilegi dovrebbe anche indurre le persone a immunizzarsi.

In molti cantoni, la campagna di vaccinazione è già aperta a tutti gli over 16. Ma secondo Berger ci sarebbero ancora troppe persone appartenenti ai gruppi a rischio che non si sono ancora vaccinate. Si parla in particolare della fascia d'età tra i 60 e gli 80 anni, dove in determinati cantoni il 25-35% non è ancora immunizzato. Il presidente della Commissione per le vaccinazioni suggerisce pertanto di puntare sulla comunicazione indirizzata proprio alle persone anziane.

Nell'intervista Berger sottolinea, inoltre, che il vaccino è al momento l'unica via per il ritorno alla normalità. «Non possiamo passare da un lockdown all'altro, e anche la strategia dei test e del contact tracing aiuta soltanto in modo limitato».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
34 min
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
46 min
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
1 ora
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
SVIZZERA
9 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
11 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
15 ore
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
19 ore
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
SVIZZERA
21 ore
Unia: «Si riduca l'orario di lavoro per tutti, referendum se aumenta l'età pensionabile»
Ecco cosa è emerso dall'assemblea dei delegati del sindacato, oggi a Berna
SVIZZERA
22 ore
«Misure tardive, andiamo verso una catastrofe»
L'infettivologo Andreas Widmer, presidente di Swissnoso: «Servono più restrizioni per i non vaccinati»
SVIZZERA
1 gior
«Senza una proposta della Svizzera, non ci sarà mai un piano B»
Un pacchetto bilaterale con l'Ue? Parla l'esperto Nicolas Levrat: «Berna sa che esistono alternative all'accordo quadro»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile