Keystone
SVIZZERA
20.05.21 - 13:230
Aggiornamento : 13:40

Schianto aereo di Flims, nessuna carenza nella vigilanza

Le attività svolte dall'Ufficio federale dell'aviazione civile avrebbero rispettato gli standard di qualità.

Furono 20 i decessi totali avvenuti nel tragico incidente. L'aereo era partito da Magadino.

FLIMS - Risale al 4 agosto 2018 l'incidente aereo che uccise 20 persone sulle Alpi Glaronesi. Il vecchio aereo trimotore, decollato dall'aereodromo di Locarno Magadino, si schiantò presso il Piz Segnas, sopra Flims (GR). E si è chiusa solo ora l'indagine che voleva chiarire una volta per tutte le dinamiche dell'incidente, e le eventuali responsabilità dell'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC). L'UFAC era sospettato di non aver saputo riconoscere numerosi problemi legati alla sicurezza del velivolo. L'inchiesta era stata aperta in seguito al rapporto sull'incidente pubblicato a gennaio dal Servizio d'inchiesta svizzero sulla sicurezza (SISI). 

Il verdetto - Nelle attività di vigilanza esercitate dall'Ufficio federale dell'aviazione civile sull'aviazione civile svizzera non ci sono carenze sistemiche. Lo afferma un rapporto dell'Istituto olandese per l'aviazione civile e lo spazio (NLR) commissionato dal Dipartimento federale dei trasporti (DATEC) dopo l'incidente. 

Partito da Locarno - Il velivolo utilizzato, sul quale viaggiavano tre membri dell'equipaggio e 17 passeggeri, tutti deceduti, era un Ju-52 del 1939, modello noto con il nome di "Tante Ju" (Zia Ju), immatricolato HB-HOT. L'aereo era decollato da Locarno ed era diretto a Dübendorf (ZH).

Il rapporto del SISI: un errore umano - Secondo l'analisi del SISI, pubblicata in gennaio, lo schianto del Ju-52 fu causato da un errore del pilota. Per il SISI, la società che gestisce il servizio di voli turistici Ju-Air non aveva inoltre tenuto conto dei significativi rischi che voli di questo genere comportano e da tempo non soddisfaceva i requisiti per garantire operazioni condotte in sicurezza. Dal canto suo l'Ufficio federale dell'aviazione civile (UFAC), in qualità di autorità di sorveglianza, non aveva saputo riconoscere i numerosi problemi legati alla sicurezza. Tra le altre cose infatti, l'aereo precipitato non era tecnicamente adeguato, anche se ciò non ha influito sull'incidente.

Standard elevati - Secondo il rapporto pubblicato oggi dalla Segreteria generale del DATEC, i periti dell'NLR sono giunti alla conclusione che le attività di vigilanza svolte dall'UFAC non rivelano carenze o rischi sistemici tali da richiedere provvedimenti correttivi immediati. Nel confronto internazionale, viene inoltre precisato, l'Ufficio federale «soddisfa elevati standard di qualità» e ai suoi ispettori viene «attestata una grande competenza professionale».

Qualche suggerimento - I periti dell'NLR hanno tuttavia emanato una serie di raccomandazioni volte a ottimizzare le attività di vigilanza dell'UFAC. Viene ad esempio proposto un più efficace coordinamento tra la vigilanza tecnica e quella operativa e la presa in considerazione di fattori "soft", quali ad esempio la cultura di sicurezza delle imprese poste sotto la sua vigilanza.

Vicinanza tra controllati e controllori - Il rapporto dell'istituto olandese punta anche il dito sulla problematica vicinanza tra l'UFAC, in quanto autorità preposta alla vigilanza, e le imprese svizzere oggetto di tale sorveglianza. Questi legami potrebbero infatti incidere negativamente su un'attività di vigilanza critica e indipendente. Per eliminare simili rischi, viene pertanto raccomandato di instaurare un sistema di "Check and Balance" (controllo e bilanciamento reciproco). Nel comunicato la Segreteria generale del DATEC afferma che l'UFAC ha già avviato l'attuazione delle raccomandazioni dell'NLR.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
6 ore
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
9 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
10 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
11 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
12 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
12 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
13 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
14 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
17 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
17 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile