Deposit (archivio)
SVIZZERA
20.05.21 - 11:280

Quando la giornata delle api funge da pretesto per lo scontro politico

Favorevoli e contrari alle iniziative agrarie si sono scontrati in nome di questo operoso insetto.

Gli apicoltori attaccano: «Situazione allarmante. L'agricoltura intensiva è un pericolo per metà degli insetti in Svizzera». I contadini ribattono: «Iniziative controproducenti e il testo sull'acqua potabile metterebbe a rischio le stesse api».

BERNA - La Giornata mondiale delle api, che ha luogo oggi, è stata sfruttata in Svizzera da favorevoli e contrari alle iniziative agrarie, in votazione il 13 giugno. I contadini si descrivono come protettori di questi insetti, mentre gli apicoltori lanciano l'allarme.

Un comitato di apicoltori, nel corso di una manifestazione odierna sulla Piazza federale a Berna, ha descritto la situazione delle api come allarmante: l'agricoltura intensiva uccide gli insetti impollinatori.

La metà di tutti gli insetti in Svizzera - non solo le api quindi - sarebbe minacciata. Sotto accusa sono in particolare sostanze come i neonicotinoidi, ma anche i fungicidi e gli erbicidi, che finiscono nell'acqua. Per tutti questi motivi il comitato degli apicoltori invita la popolazione ad approvare sia l'iniziativa "Acqua potabile pulita" che quella sui pesticidi.

Un doppio "no" dai contadini - Opposta la posizione dell'Unione svizzera dei contadini, che attraverso un comunicato stampa si oppone a entrambe le iniziative, considerate controproducenti.

Proprio il testo sull'acqua potabile metterebbe infatti in pericolo le api: attualmente - spiegano gli agricoltori - attraverso le sovvenzioni vengono messe a disposizione apposite aree per questi insetti, ma se l'iniziativa venisse approvata, tali finanziamenti sarebbero messi in discussione e quindi anche gli spazi per le api.

Anche api selvatiche - In occasione della Giornata mondiale, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) sottolineano che non ci sono solo le api da miele, ma anche quelle selvatiche, che svolgono un ruolo insostituibile come impollinatori di piante coltivate e spontanee. In Svizzera se ne contano più di 600 specie, ma con popolazioni in netto calo.

Sul territorio elvetico - continua l'UFAM - oltre un terzo delle specie di api presenti è strettamente legato a specifiche piante. La progressiva presenza di edifici, infrastrutture e terreni annessi, oltre che l'agricoltura intensiva, rendono difficile la sopravvivenza di queste api.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Nicola1987 5 mesi fa su tio
Senza Api, non ci sarà più nulla, se invece mangio i prodotti agricoli di stagione, senza sovraccaricare i raccolti, possiamo vivere comunque. Secondo me, c’è da pensare
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
24 min
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
1 ora
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
1 ora
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
3 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
4 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
SVIZZERA
5 ore
La terza dose è sempre più vicina
Swissmedic dovrebbe approvarla entro la fine di ottobre. Rudolf Hauri: «Meglio non aspettare troppo».
FOTO
SAN GALLO
15 ore
«Uccidere la propria figlia, come si può arrivare a questo?»
È un quartiere sotto choc quello che questo pomeriggio ha appreso del delitto compiuto da un padre di 54 anni.
VAUD / FRANCIA
15 ore
Uccise una prostituta, ora ha deciso di ricorrere
L'uomo era stato condannato a 30 anni di prigione per il brutale omicidio di una giovane rumena a Sullens.
SVIZZERA
20 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
20 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile