Ti-Press
Le donne restano le principali vittime, ma ci sono anche trans e uomini.
SVIZZERA
17.05.21 - 12:170

Tratta di essere umani da record in Svizzera

I numeri del 2020 hanno superato il precedente primato fatto registrare nel 2019: i casi sono più di 300.

Le vittime provengono da una sessantina di Paesi e la maggior parte di loro sono donne. «Per coloro che avevano poco, la pandemia ha preso tutto: diritti, dignità, riparo».

BERNA - In Svizzera non si sono mai verificati così tanti casi di tratta di esseri umani come nel 2020. Già nel 2019, con 255 casi noti, si era superato un triste record ma nell'anno della pandemia il dato è schizzato al di sopra delle 300 unità. È l'allarme lanciato oggi dal Servizio specializzato in materia di tratta e migrazione delle donne (FIZ), che oggi ha pubblicato il suo rapporto annuale.

Le vittime note - in totale 303 - provengono da una sessantina di Paesi diversi e sono in grandissima parte donne, ma ci sono anche trans e uomini, indica oggi il FIZ in un comunicato.

La maggior parte delle vittime proviene da Nigeria, Romania, Ungheria, Bulgaria, Camerun, Congo e Serbia. Dai dati registrati dal FIZ, emerge che esse venivano sfruttate in 16 cantoni, in particolare a Zurigo, Berna e Argovia. Questi tre, sottolinea l'organizzazione, si stanno focalizzando attivamente su questo ambito e riescono a identificare un «numero significativamente maggiore di vittime». Il Ticino non figura sulla lista, mentre nei Grigioni si contano due casi nel 2020.

Il Servizio gestisce principalmente due servizi, che lo scorso anno hanno sostenuto in totale oltre 1000 persone: il programma specializzato di protezione delle vittime di tratta e la consulenza per donne migranti.

Per quanto riguarda le donne migranti, a causa del coronavirus le clienti del centro di consulenza sono passate da 377 a 705. Circa il 60% di esse erano lavoratrici del sesso, perlopiù provenienti dall'America latina o dall'Europa dell'est. Non avendo entrate, la maggior parte di loro non era più in grado di pagare i contributi della cassa malattia, né l'affitto e in alcuni casi nemmeno il cibo.

A causa della crisi del coronavirus e delle relative restrizioni, molte persone si sono trovate isolate socialmente: niente corsi di lingua e opportunità lavorative, nonché contatti sociali ridotti al minimo e nessuna possibilità di frequentare strutture diurne. «Per coloro che avevano poco, la pandemia ha preso tutto: diritti, dignità, riparo», denuncia Lelia Hunziker, direttrice generale del FIZ, citata nel comunicato. Nel 2020 il FIZ ha aumentato il numero di letti nei suoi rifugi e ha organizzato alloggi supplementari per cercare di evitare contagi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
dan007 4 mesi fa su tio
Scandaloso. Che alle nostre latitudini si accetta la tratta delle donne che in realtà è prostituzione gestita dalle mafie la colpa è dei clienti che frequentano questi postriboli. Nella nostra epoca si può avere una relazione senza pagare. il sesso alla base si può solo esprimere attraverso sentimenti emozioni affetti come si fa a pagare per 5 minuti di sesso
seo56 4 mesi fa su tio
Con la sinistra e le varie ONG indirettamente “complici”
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
1 ora
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
2 ore
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
BERNA
3 ore
1'235 nuovi positivi e quattro vittime
Continua a calare la pressione sugli ospedali e anche nelle unità di terapia intensiva.
SVIZZERA
4 ore
Reddito di base, ci riprovano
Dopo la bocciatura del 2016, un comitato referendario torna alla carica proponendo tasse più alte su finanza e hi-tech
SVIZZERA
6 ore
Turismo degli acquisti presto più caro?
Chi si reca oltre confine dovrebbe pagare l'IVA a partire dai 50 franchi di acquisti al posto degli attuali 300.
SVIZZERA
8 ore
Su questo treno si sale solo con certificato Covid
Sul treno panoramico Glacier Express si viaggia solo se in possesso di un Covid-pass. Ma si può stare senza mascherina.
SVIZZERA
10 ore
Cosa fare quando vedi una scena simile?
Apriamo gli occhi sulla violenza all'interno di una coppia. Partecipa al sondaggio.
LUCERNA
16 ore
Le sottrasse diversi milioni, condannata una guaritrice
Una 66enne di Glarona è stata ritenuta colpevole di una lunga serie di reati, tra cui l'appropriazione indebita.
SVIZZERA
17 ore
La percentuale dei non vaccinati in cure intense? Molto alta
Tra il 19 luglio e il 15 agosto erano l'89% del totale. C'è preoccupazione per i tanti giovani malati
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile