Keystone
SVIZZERA
17.05.21 - 11:530

Orientamento sessuale: un'aggressione ogni settimana

Sono 61 le violenze, tra fisiche e verbali, registrate lo scorso anno in Svizzera.

Il Canton Zurigo detiene il triste record di casi. Oltre la metà delle vittime riscontra conseguenze psicologiche.

BERNA - L'anno scorso sono state registrate in Svizzera 61 aggressioni basate sull'orientamento sessuale. Nonostante le misure di contenimento contro la diffusione della pandemia, questa cifra è rimasta stabile.

Aggressioni verbali e fisiche - Si è trattato in maggioranza di violenza verbale, con offese e insulti, stando al rapporto pubblicato oggi da diverse organizzazioni svizzere LGBTQ+ in occasione della Giornata internazionale contro l'omofobia e la transfobia. La violenza fisica riguardava circa il 18% dei casi, in calo rispetto al 2019, quando costituiva un terzo delle 66 aggressioni segnalate. Questa diminuzione è probabilmente legata alle misure di contenimento legate al Coronavirus.

Molti casi a Zurigo - La maggior parte delle aggressioni ha avuto luogo in spazi pubblici e la stragrande maggioranza è stata riportata nel cantone di Zurigo. Più della metà delle vittime ha riferito di avere subito conseguenze psicologiche e solo il 20% di questi attacchi sono stati seguiti da una denuncia, nota il rapporto.

Più prevenzione - Sulla base di questi risultati, le organizzazioni chiedono misure per prevenire i crimini d'odio contro le persone LGBTQ+. Accettando nel febbraio 2020 l'estensione della norma penale anti-discriminazione, la popolazione ha inviato un forte segnale in questa direzione, ma le misure necessarie affinché questa legge abbia un effetto concreto sono «finora totalmente assenti», si rammarica il rapporto.

Svizzera in ritardo - Il Consiglio federale ha perso diverse occasioni per agire e questo «fa sì che la Svizzera resti indietro rispetto ad altri paesi europei in termini di protezione e uguaglianza per le persone LGBTQ+». Spetta ora ai cantoni intervenire.

Le associazioni in prima linea - L'Organizzazione svizzera delle lesbiche e Pink Cross hanno quindi coordinato la presentazione di 16 interpellanze cantonali da Sciaffusa a Berna a Ginevra (non in Ticino) per sostenere e proteggere le persone colpite dalla violenza e l'adozione di misure preventive. Ai governi cantonali si chiede non solo di formare gli agenti di polizia e accompagnare le vittime, ma anche di prevenire e sensibilizzare contro i crimini d'odio. «È il momento di essere proattivi e di migliorare la vita quotidiana di migliaia di persone in Svizzera», ha detto Julien Eggenberger, membro socialista del Gran Consiglio vodese, citato in un comunicato congiunto delle due associazioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
6 ore
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
9 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
10 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
11 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
12 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
12 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
13 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
14 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
17 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
17 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile