Archivio Keystone
Un test rapido fai-da-te per il coronavirus.
SVIZZERA
13.05.21 - 15:450
Aggiornamento : 14.05.21 - 00:05

Quindi da giugno si torna tutti in ufficio, come funzionerà con i test?

Home office obbligatorio addio, ma per rientrare bisognerà farsi testare regolarmente. Tutto quello che c'è da sapere

Fonte 20 Minuten/Leo Hurni
elaborata da Filippo Zanoli
Giornalista

ZURIGO - Lavoro da casa durante il lockdown, durante la prima ondata, e poi una seconda volta nel 2021 dopo l'imposizione dell'obbligo - dove fosse possibile - da parte del Consiglio Federale.

Imposizione che, come annunciato ieri in conferenza stampa, finirà per tramutarsi in raccomandazione.  Da giugno, quindi, chi lavorava in ufficio potrà ritornarci a patto di essere testati regolarmente: «Ci rendiamo conto che si tratta di un onere per le aziende», ha confermato Alain Berset.

Ma tutta questa faccenda (test compresi), come funzionerà? Tentiamo di capirlo assieme.

Chi potrà tornare in ufficio
Tutte le aziende che lo riterranno necessario potranno richiamare in sede i propri dipendenti. Varranno ancora gli obblighi di distanziamento e tutti i protocolli di sicurezza, così come l'obbligo di mascherina dove necessario.

Quante volte bisognerà testarsi
Stando all'UFSP le aziende dovranno testare i dipendenti almeno una volta alla settimana.

Chi pagherà i test
La Confederazione, che pagherà non solo i tamponi ma anche i test di gruppo tramite il cosiddetto pooling.

Con questo sistema si prendono campioni collettivi (saliva o strisci) e si analizzano tutti assieme, in caso di esito negativo si può evitare lo spreco dei singoli tamponi.

Bisognerà arrivare prima al lavoro per farsi testare?
Il tempo necessario per avere un esito da un test rapido è di 15-30 minuti. Se sarà necessario effettuarlo prima, o al momento di timbrare l'entrata, questo spetterà al datore deciderlo.

Cosa ne pensano le associazioni di categoria
C'è chi è entusiasta e chi lo è un po' meno. Da una parte per Economiesuisse «è un'ottima cosa per quelle aziende per cui il lavoro in remoto era difficoltoso, anche considerando gli sforzi già fatti per garantire i protocolli di sicurezza». 

Dall'altra però c'è chi, come l'Unione Svizzera delle arti e dei mestieri (USAM) all'entusiasmo per il ritorno alla normalità unisce la preoccupazione per il peso eccessivo di questo testing a tappeto, soprattutto sulle piccole imprese con un numero esiguo di dipendenti: «Per alcune sarà un ostacolo importante», conferma l'Unione.

Cosa ne pensa l'epidemiologo
Che, sostanzialmente, è una cosa che possiamo permetterci: «Per quanto riguarda il tasso di mortalità siamo fra i più bassi in Europa», spiega Antoine Flahault dell'Institute of Global Health dell'Università di Ginevra, «c'è quindi un certo margine di manovra per allentare le misure».

L'unico problema riguarderebbe i test che non sono sinonimo di stop alla circolazione del virus: «Non vi sono studi che confermano il loro impatto positivo in questo senso, di sicuro non hanno un impatto positivo come l'home office».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Gli svizzeri hanno voglia di mare
La domanda di viaggi nelle località balneari è più alta rispetto al periodo pre pandemia.
LUCERNA
1 ora
Pantaloni lunghi 70 metri alla ricerca del record
La cerniera è lunga 16 metri e potrebbero essere indossati da una persona alta 180 metri
ZURIGO
2 ore
Cittadinanza per chiunque abbia vissuto quattro anni in Svizzera
È quanto propone l'associazione senza scopo di lucro Aktion Vierviertel.
SVIZZERA
5 ore
Variante Delta: «In Svizzera non dobbiamo essere preoccupati»
Per il presidente della Commissione federale per le vaccinazioni, i preparati di Moderna e Pfizer sono efficaci al 90%.
SVIZZERA
6 ore
Cassis non esclude un nuovo accordo quadro con l'UE
I presupposti dovrebbero essere molto più espliciti di quanto siano stati nei negoziati precedenti.
GIURA
6 ore
Ritrovato il ciclista scomparso
Il 68enne, scomparso ieri durante una gita in bici, è stato recuperato dalla Rega
ZURIGO
7 ore
Arrestata una "truffatrice romantica"
La 33enne potrebbe aver sottratto con l'inganno ben 160mila franchi a un uomo di 78 anni.
SVIZZERA
17 ore
Asilo nido d'oro e congedi scarsi, Svizzera fra gli ultimi per la cura dei bimbi
Stando all'Unicef la Confederazione è terzultima su 41 paesi al mondo: «Ci meritiamo di più»
SVIZZERA
19 ore
GISO: «Nessuno deve possedere più di 100 milioni di franchi»
Il progetto dell'iniziativa si chiama "Make the rich pay for climate change".
FRIBURGO
20 ore
Ricevono sull'email della scuola l'invito ad una manifestazione per il clima, avviata un'indagine
Si indaga per determinare se siano stati commessi reati quali la violazione del segreto d'ufficio o il furto di dati.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile