Immobili
Veicoli
keystone
BERNA
12.05.21 - 10:540
Aggiornamento : 13:09

Tassa militare anche per le Guardie svizzere

L'eventuale deroga, secondo il Consiglio federale, sarebbe discriminatoria per i non cattolici

La proposta di esonero è contenuta in un disegno di legge approvato dalla Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale

BERNA - I membri della Guardia svizzera pontificia non vanno esentati dall'obbligo di pagare la tassa militare per il periodo in cui prestano servizio a Roma.

L'eventuale deroga sarebbe infatti discriminatoria per i non cattolici e violerebbe la parità di trattamento, senza contare che le loro mansioni non vanno a beneficio della popolazione elvetica. È quanto sostiene il Consiglio federale in una presa di posizione.

La proposta di esonerare i militi della Guardia svizzera dalla tassa militare è contenuta in un disegno di legge approvato dalla Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale, che trae spunto da un'iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Jean-Luc Addor (UDC/VS).

Nella sua presa di posizione destinata alle Camere, l'esecutivo riconosce sì il fatto che le Guardie svizzere "prestano un impiego particolare e prezioso per la reputazione della Svizzera all'estero"; ciononostante respinge l'introduzione di una disposizione derogatoria "perché all'estero queste non prestano un servizio militare, bensì un servizio di polizia per uno Stato estero". Le Guardie svizzere, inoltre, "non svolgono attività indispensabili a favore della popolazione svizzera, che giustificherebbero l'esenzione dalla tassa".

Con una deroga sancita a livello di legge, si violerebbe poi il divieto di discriminazione nei confronti di persone di altre confessioni: soltanto i cittadini svizzeri di fede cattolica romana possono infatti diventare membri della Guardia svizzera pontificia. Tale deroga violerebbe anche il principio della parità di trattamento di tutti gli assoggettati alla tassa.

Per tutti questi motivi, il Consiglio federale "non accetta" che le guardie svizzere vengano esentate dall'obbligo di pagare la tassa militare per la durata del loro servizio nella Città del Vaticano. La palla passa ora nelle mani del Consiglio nazionale.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Moga 1 anno fa su tio
Cosa fai nella vita? La statuina in Vaticano
pillola rossa 1 anno fa su tio
@Moga Col pigiama della lidl
Anna 74 1 anno fa su tio
è una vergogna
pillola rossa 1 anno fa su tio
Oregiatones pagano come gli altri, ci mancherebbe...
Meck1970 1 anno fa su tio
facendo così...chi va ancora a fare la guardia per il papa? Inoltre trovo scandaloso che per il risanamento delle strutture delle guardie, lo dobbiamo pagare noi. Con tutti i miliardi che ha il vaticano.
marco17 1 anno fa su tio
MI scuso: ho letto male. In realtà l'iniziativa UDC chiedeva l'esonero dalla tassa e va quindi respinta per ragione di equità.
marco17 1 anno fa su tio
Per una volta sono d'accordo con un'iniziativa UDC. Le guardie del Papa sono al servizio di uno Stato estero quali mercenari. Se un cittadino svizzero presta servizio militare per un altro Paese, viene addirittura sanzionato penalmente. Che le guardie paghino la tassa militare mi sembra il minimo di giustizia ed equità.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VAUD
5 ore
Cade dalla finestra del suo alloggio sociale
Lo sventurato è stato trovato in gravi condizioni dopo un volo di una decina di metri
FOTO
VALLESE
6 ore
In diecimila per i mondiali del monopattino elettrico
La seconda manche dell'evento ha avuto luogo in questi giorni in Vallese
VALLESE
9 ore
Un aliante si schianta in Vallese
È successo oggi nella regione di Sanetsch. Non è noto se vi siano vittime o feriti
SVIZZERA
11 ore
Primati di calore e ora la minaccia di «effetti fatali»
Da marzo a maggio le temperature sono state di circa 2,5 gradi superiori alla norma
BERNA
15 ore
Vacanze estive, pochissimi resteranno in Svizzera
Un terzo di coloro che resteranno in patria, intendono trascorrere le ferie in Ticino.
GINEVRA
15 ore
Contro l'omofobia c'è chi si radicalizza
Irruzione di un collettivo durante la presentazione di un libro a Ginevra. Le associazioni Lgbtiq prendono posizione
SAN GALLO
18 ore
«Farò una strage a scuola», ma scherzava
La bravata di un dodicenne per diventare virale su TikTok ha messo in allerta la polizia
TURGOVIA
18 ore
In due sullo scooter, perdono il controllo
Due adolescenti sono rimasti feriti ieri sera a seguito di un'incidente con uno scooter
BERNA
20 ore
Un disperso illustre nell'Aar
Emmeril Mumtadz, figlio di un candidato alla presidenza dell'Indonesia, è stato travolto dalla corrente con due amiche
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
1 gior
Tre voli per portare Cassis al WEF
La partecipazione del presidente della Confederazione al Forum ha prodotto molto CO2. Ecco com'è andata
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile