Keystone
GRIGIONI
12.05.21 - 10:180

Proteggere il bestiame anche con nuove razze di cani

Il Governo retico ha deciso di promuovere anche i cani non riconosciuti ufficialmente dalla Confederazione.

COIRA - Il Governo dei Grigioni ha deciso di promuovere i cani per la protezione degli animali da reddito indipendentemente dalla loro razza. La Confederazione promuove infatti soltanto l'uso dei cani pastore dei Pirenei e quelli maremmani-abruzzesi.

Il Cantone dei Grigioni ha emanato delle nuove direttive che riguardano la protezione del bestiame e il programma che regola l'uso dei cani da protezione degli animali da reddito. Le nuove regole permettono di riconoscere e di promuovere cani idonei a prescindere dalla loro razza. La decisione deriva dal fatto che la Confederazione promuove soltanto i cani pastore dei Pirenei (Montagne des Pyrénées) e quelli di razza Maremmano-Abruzzese

Nel suo comunicato odierno il Governo retico ricorda che sul suo territorio si riscontra la maggior densità di lupi a livello nazionale e che il numero dei branchi stabili è in continuo aumento.

Grazie a questa decisione, ora i gestori di animali da reddito potranno godere dei medesimi sostegni come quelli garantiti a coloro che impiegano cani da protezione riconosciuti dalla Confederazione. Per poter far capo ad un sostegno cantonale, così spiega l'Amministrazione cantonale dei Grigioni, è necessaria la creazione di una strategia per la protezione del bestiame condivisa e supportata dal servizio di consulenza presso la Scuola agraria del Plantahof a Landquart (GR).

Il Cantone dei Grigioni finanzia l'attuazione del programma cantonale dei cani pastore con 2,495 milioni di franchi, per il periodo fra il 2021 e il 2026. La Confederazione partecipa a questo investimento con una quota di 1,052 milioni di franchi. Malgrado queste misure, il Cantone dei Grigioni ritiene che per un'efficace protezione del bestiame serva anche la possibilità di regolare l'effettivo di lupi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
Epidemia di femminicidi in Svizzera: «I numeri parlano da soli»
I casi registrati nel 2021 sono ormai saliti a 23, in crescita significativa rispetto allo scorso anno.
SVIZZERA
2 ore
Migranti maltrattati: «Siamo intervenuti»
Sospesi 14 addetti alla sicurezza dei centri per richiedenti asilo. Ma per la Sem «sono casi circoscritti»
SAN GALLO
4 ore
Uccide la figlia e si toglie la vita
Un 54enne e una dodicenne sono stati trovati morti in un'abitazione di Rapperswil-Jona
SVIZZERA
4 ore
«Le accuse di tortura sono false e ingiustificate»
Secondo un'indagine esterna, i diritti dei richiedenti l'asilo nei centri federali vengono generalmente rispettati.
FOTO
BERNA
5 ore
«Un brivido mi scorre lungo la schiena»
Nella notte due bambini sono morti a Leuzigen a causa di un incendio.
SVIZZERA
5 ore
Nel weekend meno di 800 casi al giorno
Sono stati effettuati 63'205 tamponi. Il 3,7% è risultato positivo al coronavirus
SVIZZERA
6 ore
Pass o no? Sciatori nella nebbia
Certificato sì o no? Berna non ha ancora deciso. E gli operatori sciistici si infervorano
SAN GALLO
7 ore
«Il Consiglio federale ha tradito il paese»
Sotto la lente delle autorità le affermazioni che un granconsigliere UDC svittese ha fatto sabato a Rapperswil-Jona
GLARONA
9 ore
Omicidio di Netstal, il 27enne ha confessato
L'uomo si era consegnato alla polizia già ieri. Avrebbe ucciso una 30enne sparandole in un parcheggio.
BERNA
10 ore
Drammatico incendio a Leuzigen, morti due bambini
È successo nella notte. Le fiamme sono divampate in un'abitazione. Altre quattro persone sono riuscite a salvarsi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile