20min/Matthias Spicher
SVIZZERA
09.05.21 - 11:030
Aggiornamento : 13:35

«Il 5G per evitare il collasso della rete»

La crescente trasmissione di dati, richiede una tecnologia più performante. Lo mostra uno studio Sotomo

La deputata Marionna Schlatter (Verdi): «Piuttosto si investa maggiormente nello sviluppo del cavo»

Internet

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

BERNA - Nel 2019 la tecnologia 5G è ufficialmente sbarcata anche in Svizzera con l'attivazione delle prime antenne. Nel frattempo su tutto il territorio nazionale se ne contano più di cinquemila. Ma non sono ancora sufficienti per fare fronte alla crescente trasmissione di dati. Per evitare un collasso della rete, ne servono molte di più. Ma non sono poche le difficoltà con cui si devono confrontare gli operatori. Basti pensare che attualmente in tutta la Svizzera ci sarebbero circa 2'500 impianti bloccati da ricorsi, come scrive oggi la SonntagsZeitung.

Già oggi la tecnologia 4G sta arrivando al limite della propria capacità. E non è raro che in luoghi affollati anche soltanto per l'invio di un messaggio WhatsApp si riscontrino difficoltà di connessione. «Soltanto con una nuova generazione di telefonia mobile si può evitare il collasso» afferma l'esperto Michael Hermann di Sotomo, sulla base di uno studio realizzato su incarico dei liberali e del movimento Succèsuisse. Uno studio i cui risultati oggi vengono illustrati dal domenicale d'oltre San Gottardo.

I dati analizzati da Sotomo confermano, in sostanza, che la capacità di rete sta giungendo a un limite. Oggi almeno il 90% della popolazione elvetica utilizza uno smartphone. E rispetto al 2010, il volume di dati trasmesso attraverso la rete mobile è aumentato di duecento volte. E raddoppia ogni due anni.

La situazione in campagna - E l'utilizzo della rete dati non si fa sentire soltanto nelle città, ma anche e soprattutto in campagna. Si tratta delle aree in cui internet via cavo non è sufficientemente sviluppato. Attualmente viene impiegata in particolare la rete 4G, che è però una tecnologia risalente ormai a un'epoca in cui gli utenti trasmettevano un quantitativo di dati molto inferiore a oggi.

Col virus, solo una tregua - La pandemia di coronavirus ha dato un po' di tregua alla precaria situazione della rete. L'aumento del telelavoro e il passaggio dal trasporto pubblico a quello privato ha interrotto i picchi dei pendolari e ridotto i picchi di carico nelle aree metropolitane. Di conseguenza, l'utilizzo dei dati è stato distribuito meglio durante il giorno con minori congestioni di dati. La situazione diventerà più difficile con l’allentamento delle misure pandemiche: «La quantità di dati mobili è anche aumentata durante la pandemia. Quando il traffico dei pendolari tornerà alla normalità, vedremo nuovi picchi di dati e di conseguenza dei blackout. Dobbiamo quindi agire ora», afferma Ruedi Noser, membro del comitato direttivo di succèSuisse e consigliere agli Stati PLR.

La politica ritiene dunque che gli ostacoli posti allo sviluppo della rete 5G siano inammissibili. Così per esempio il consigliere agli Stati Hans Wicki (PLR): «Non possiamo permettere oltre che i contrari al 5G, che sono una minoranza, ci lascino nell'incertezza». Per il consigliere nazionale Lorenz Hess (Centro), è fondamentale che lo studio di Sotomo fornisca dati e fatti convincenti al dibattito.

Non ci sta invece la deputata Marionna Schlatter (Verdi), secondo cui per evitare il collasso della rete mobile bisogna investire nel cavo. E lo fa - come si legge ancora sulla SonntagsZeitung - criticando proprio gli operatori: «Preferiscono costruire nuova antenne piuttosto che la fibra ottica, che è più costosa».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Il telelavoro rende obsoleto l'abbonamento per i mezzi pubblici
Per molti impiegati il rientro in ufficio sarà parziale. Varrà ancora la pena acquistare un titolo mensile o annuale?
SVIZZERA
9 ore
I giovani non si vaccinano: «È colpa dell'Ufficio federale della sanità»
Critiche piovono all'indirizzo dell'UFSP da parte di alcuni esperti: «La comunicazione versi i giovani va migliorata»
SVIZZERA
13 ore
Quasi 3000 casi di effetti indesiderati a causa del vaccino
Si tratta essenzialmente di casi definiti "non seri". Le persone colpite superavano i 60 anni.
SVIZZERA
15 ore
La Svizzera punta ancora di più sull'energia rinnovabile
Il Consiglio federale adotta il messaggio sulla legge federale per un approvvigionamento elettrico sicuro
SVIZZERA
15 ore
In Svizzera sempre meno contagi: 173 nelle ultime ventiquattro ore
Sono stati effettuati 26'573 test Covid, con un tasso di positività dello 0,7%
SVIZZERA
17 ore
Indennità per altri sei mesi
Il Consiglio federale ha deciso di prorogare fino al 31 dicembre il diritto all'Ipg
SVIZZERA
17 ore
«La Svizzera è il paese più ipocrita del mondo»
L'artista Ai Weiwei è il più noto tra gli oppositori di Pechino. Lo abbiamo intervistato
SVITTO
19 ore
Motociclista 26enne muore in un incidente
È successo nel Canton Svitto. Il giovane ha perso il controllo del mezzo
FOTO
ARGOVIA
21 ore
Precipita un velivolo turistico: un ferito grave
A bordo dell'aereo c'era soltanto il pilota. L'incidente si è verificato nel Canton Argovia
SOLETTA
22 ore
Falso allarme bomba a bordo di un treno
Un convoglio che circolava tra Berna e Zurigo è stato fermato a Däniken e perquisito. In manette un 49enne
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile