Archivio Keystone
Foto illustrativa.
SVIZZERA
08.05.21 - 22:120

Un funzionario ha falsificato per nove anni dei moduli per gli aiuti statali

Oltre 1 milione di franchi è finito in modo ingiustificato a delle imprese private

Tuttavia, non si tratta di corruzione: non lo ha fatto per arricchirsi o per favorire le aziende

BERNA - Un impiegato dell'Ufficio federale dei trasporti (UFT), ora in pensione, ha manipolato per ben 38 volte i moduli di controlli per l'erogazione delle sovvenzioni statali, permettendo ad aziende private di accedere ad aiuti ingiustificati.

Lo ha riferito il Tages Anzeiger, che ha riassunto quanto è accaduto negli ultimi 9 anni.

Il 66enne, che ha lavorato per quasi vent'anni presso l'UFT, aveva un compito chiaro: controllare che le condizioni per i sussidi fossero rispettate. Tuttavia, per quasi quaranta volte negli ultimi nove anni, il funzionario ha fatto esattamente il contrario, manipolando la banca dati per far sì che le imprese private potessero trattenere ingiustificatamente più di un milione di franchi di aiuti finanziari.

Per diversi lunghi anni l'Ufficio federale dei trasporti non si è accorto di nulla, finché scosso dagli scandali delle sovvenzioni di Autopostale e BLS, ha deciso di controllare il tutto più da vicino, scoperchiando un piccolo vaso di pandora. 

In particolare, gli aiuti finanziari indebiti sono finiti a determinate imprese che hanno realizzato degli impianti privati per i vagoni merci. «Promuovendo gli impianti privati per il trasporto di merci, la Confederazione contribuisce fattivamente allo sviluppo sostenibile del traffico merci su rotaia», si legge sul sito dell'UFP. Tutto regolare, insomma, se non fosse che nel caso la quantità di merci trasportate precedentemente concordata non venisse raggiunta, la Confederazione richiederebbe una parte del denaro indietro.

L'impiegato, però, correggeva al ribasso la quantità stabilita, in modo da farla coincidere con la cifra reale di merci trasportate, ed evitando così l'avvio della procedura di rimborso, che poteva portare da 500 fino a 400mila franchi nelle casse statali. In totale, nel corso dei nove anni, si sono accumulati 1,1 milioni di franchi di entrate mancate.

È un caso particolare, in quanto le indagini del Ministero pubblico della Confederazione hanno concluso che non si è trattato di corruzione. Il funzionario dell'UFT non ambiva infatti ad arricchirsi o a favorire le imprese industriali. Durante l'interrogatorio, il pensionato ha dichiarato che è stato un mix tra «convenienza, incapacità e richieste eccessive» a portarlo a falsificare i moduli, e quindi a non avviare quelle che considerava «procedure complesse e lunghe». 

L'UFT ha ora intrapreso delle misure per evitare che una sola persona potesse causare milioni di perdite senza che nessuno se ne accorga, applicando delle linee guida più rigorose con un controllo sempre a quattr'occhi.

Il pensionato, dal canto suo, è stato condannato per falsità in atti formati da pubblici ufficiali o funzionari e amministrazione infedele, ma vista la piena confessione e il «sincero rimorso» mostrati, se l'è cavata con poco: dovrà pagare una multa di 3'600 franchi e rimborsare una parte del denaro ingiustamente sottratto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 2 mesi fa su tio
le indagini del Ministero pubblico della Confederazione hanno concluso che non si è trattato di corruzione... è stato un mix tra «convenienza, incapacità e richieste eccessive» genio...
Ro 2 mesi fa su tio
Dimenticavo: E chissà con la scusa del Covid quanti che si abbufferanno.
Ro 2 mesi fa su tio
E chissà quanti altri che non si sa. Ben ci sta, tanto alla fine non paga mai nessuno.
volabas56 2 mesi fa su tio
Semplicemente pazzesco.
Gus 2 mesi fa su tio
Eccoli i probi funzionari svizzero -tedeschi! Fosse stato un Ticinese i giornali d'oltre Gottardo si sarebbero scatenati
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
In molti lo temono, in pochi sono disposti a rinunciarci
Il 5G è un argomento sempre caldo, ma il popolo non sembra pronto a separarsi dalla tecnologia di cui fa uso ogni giorno
FRIBURGO
9 ore
Test PCR davanti a una telecamera
Friburgo sta valutando la possibilità di effettuare la procedura tramite videosorveglianza.
BERNA
10 ore
Quest'uomo fa entrare in casa sua solo persone non vaccinate
Solo inquilini "no vax" nell'appartamento di un bernese
NEUCHÂTEL
14 ore
Porta i soldi trovati in Polizia e in cambio non chiede (quasi) nulla
La Polizia neocastellana ha reso noto su Facebook il gesto «da sottolineare» di un cittadino.
SVIZZERA
15 ore
Il costo dei non vaccinati? Venti milioni di franchi al mese
Soltanto durante il mese di luglio, in tutta la Svizzera sono stati effettuati 420'000 test
BERNA
16 ore
Un neonato lasciato all'apposito sportello
Oggi esistono otto installazioni di questo genere, una di queste in Ticino.
SVIZZERA
17 ore
I dipendenti della Confederazione? Sempre di più e meglio pagati
I salari sono ormai in linea con quelli del settore bancario, secondo un'inchiesta della NZZ
SVIZZERA / BELLINZONA
19 ore
Chiesti 4 anni per l'ex quadro della SECO
L'uomo è accusato di corruzione passiva.
SVIZZERA
19 ore
Si rimane sopra i mille contagi
L'UFSP ha registrato due nuovi decessi dovuti al coronavirus (le infezioni sono 1'033). I nuovi ricoveri sono 35.
GINEVRA
22 ore
Infermieri non vaccinati: presto i test saranno obbligatori
La misura è stata annunciata dal responsabile della sanità cantonale ginevrina Mauro Poggia.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile