Tipress
SVIZZERA
07.05.21 - 15:200

Pandemia: finanze comunali allo stremo

Il 40% delle città svizzere non esclude un aumento delle imposte.

BERNA - La pandemia di Coronavirus ha conseguenze sulle finanze delle realtà urbane elvetiche, secondo l'Unione delle città svizzere. Il tutto potrebbe sfociare in restrizioni dei budget o aumenti delle imposte.

Il sondaggio - Il fatto emerge con chiarezza, si legge in un comunicato, da un sondaggio effettuato dalla società PwC che ha coinvolto 77 città e comuni svizzeri fra il 3 marzo e il 9 aprile. Queste realtà hanno sofferto soprattutto del calo delle entrate fiscali, diminuite del 4% nel 2020. Per l'anno in corso, la contrazione potrebbe arrivare al 17% rispetto al 2019.

Aiuti ai residenti - A incidere sui bilanci ci sono ovviamente anche le misure di aiuto prese dalle autorità locali, come quelle destinate ai locatari commerciali o il sostegno ai lavoratori indipendenti, per fare due esempi. A mancare sono stati poi pure gli incassi di attrazioni come musei, piscine o teatri.

Cresce il debito - La situazione non sembra destinata a cambiare velocemente. Il budget 2022 e quelli per gli anni successivi rappresenteranno una sfida per quasi tutti i partecipanti al sondaggio (96%). Il debito dovrebbe aumentare fino al 2023. Sarà quindi necessario annullare o rinviare certi investimenti e un aumento delle imposte non è escluso per il 40% delle città.

L'impatto della riforma fiscale - Il tutto si aggiunge alla già difficile situazione, continua la nota, dovuta in gran parte alla riforma fiscale e finanziamento dell'AVS (RFFA). L'Unione delle città svizzere chiede quindi che la questione delle ripartizioni future delle spese venga regolata assieme a Confederazione e Cantoni. Anche le città dovrebbero infatti poter approfittare dell'aumento dei versamenti da parte della Banca nazionale svizzera (BNS).

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
4 ore
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
8 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
8 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
10 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
11 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
11 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
12 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
13 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
15 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
16 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile