Keystone
SVIZZERA
07.05.21 - 00:010

Sospendere i brevetti? La Svizzera è contraria

Per la SECO la sospensione non garantirà un accesso «equo e rapido» a vaccini e ad altre tecnologie contro la pandemia.

Da parte sua Guy Parmelin difende i brevetti: «Sono necessari e permettono l'innovazione». Gli fa eco l'ambasciatore svizzero presso l'OMC: «Le aziende farmaceutiche non dovrebbero essere scoraggiate a investire nella ricerca».

BERNA - Per la Svizzera sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini non è la soluzione giusta. Tuttavia, in seguito all'apertura sul tema da parte degli Stati Uniti, la Confederazione valuterà «la nuova posizione» di Washington. Aumenta infatti la pressione all'interno dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC).

Nessuna garanzia - In una dichiarazione trasmessa all'agenzia Keystone-ATS, la Segreteria di Stato dell'economia (SECO) ritiene «significativo» l'annuncio di ieri della rappresentante Usa per il commercio Katherine Tai, la quale ha reso noto che gli Stati Uniti sono a favore della revoca delle protezioni della proprietà intellettuale per i vaccini anti-Covid, per accelerare la produzione e la distribuzione delle dosi nel mondo. Per la SECO, tuttavia, questa sospensione temporanea non garantirà un accesso «equo, economico e rapido» ai vaccini e ad altre tecnologie contro la pandemia. Per la Confederazione non esiste infatti una soluzione semplice, poiché ci sono numerosi elementi da considerare.

Brevetti necessari per l'innovazione - Il presidente della Confederazione Guy Parmelin, intervistato oggi alla SRF, ha difeso le protezioni sui brevetti. Secondo il capo del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR), ciò è «necessario» per l'innovazione. Didier Chambovey, ambasciatore elvetico presso l'OMC, ha dal canto suo ribadito a più riprese che le aziende farmaceutiche non dovrebbero essere dissuase o scoraggiate dall'investire nell'innovazione e nella ricerca di nuovi farmaci. La decisione potrebbe anche portare a problemi in future pandemie, ha avvisato invece Felix Addor, sostituto direttore dell'Istituto Federale della Proprietà Intellettuale (IPI). È infatti da chiedersi quale possa essere il contributo di alcuni attori in gioco se poi le regole vengono sospese in corsa.

Berna criticata - La Svizzera - che sulla questione ha ricevuto critiche a livello nazionale e internazionale - si è tuttavia detta «pronta» a continuare le discussioni avviate all'interno dell'OMC. La Confederazione si è poi difesa ricordando il sostegno di Berna a diverse iniziative volte ad aumentare le capacità di produzione dei vaccini e una loro equa distribuzione. Citando il programma Covax e i milioni di franchi - in totale 700 - destinati a varie iniziative internazionali (fra le quali, con 300 milioni, l'"Access to COVID-19 Tools Accelerator") per frenare la pandemia, le autorità elvetiche hanno segnalato diversi problemi riscontrati a livello globale che vanno dalla fornitura di dosi all'attuazione delle campagne di vaccinazione nei vari Paesi.

Contrarie (ovviamente) le case farmaceutiche - La tematica della rimozione dei brevetti sta incontrando consensi crescenti tra i leader politici, ma non piace per nulla alle aziende che sarebbero interessate dal provvedimento. L'amministratore delegato di Pfizer ha espresso tutta la sua contrarietà dicendosi «per nulla» favorevole a questa idea. Da BioNTech, il laboratorio tedesco che ha elaborato il vaccino insieme al colosso statunitense, hanno invece spiegato che non sono i brevetti «il fattore limitante della produzione e dell'approvvigionamento del nostro vaccino». Tra i contrari troviamo anche la Germania, una delle poche voci fuori dal coro della politica europea. «La protezione della proprietà intellettuale - precisa la Cancelliera Angela Merkel - è una fonte d'innovazione e deve rimanere tale anche in futuro».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
11 min
Paesi a rischio, anche Albania e Serbia sulla lista nera
Dentro anche Armenia, Azerbaigian, Brunei e Giappone. Fuori invece l'Uruguay.
SVIZZERA
18 min
Test gratuiti solo per chi attende la seconda dose
Questa è la proposta emersa dall'odierna seduta di Consiglio federale che verrà ora messa in consultazione.
SVIZZERA
57 min
Coronavirus in Svizzera: altri 1'502 contagi e quindici decessi in ventiquattro ore
Per 59 persone si è reso necessario un ricovero. Nelle cure intense il 23,9% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
1 ora
Lotteria pro vaccino, 33enne premiata con diecimila franchi
Olivia, una 33enne zurighese, si è portata a casa una vincita di 10mila franchi.
SVIZZERA / CANTONE
1 ora
Donne incinte assalite dai dubbi: «Vaccino sì o no?»
Berna consiglia il vaccino a tutte le donne in dolce attesa a partire dalla dodicesima settimana di gravidanza.
ZURIGO
3 ore
Violento frontale, in gravi condizioni entrambi i conducenti
Per motivi ancora da chiarire, il giovane ha invaso la corsia opposta.
FOTO
BERNA
3 ore
Ad Aegerten è spuntata un'anfora di duemila anni
La scoperta risale alla scorsa primavera. Il contenitore era impiegato per il trasporto di olio d'oliva
ZURIGO
4 ore
Certificato Covid, qui anche per tagliarsi i capelli
«Lavoriamo talmente vicino al cliente che un'eccezione non ha senso», così il gerente del salone, Pedro Sanchez.
SVIZZERA
6 ore
Quarantena senza salario per i non vaccinati? «Sì, ma...»
In Germania il provvedimento scatterà il prossimo 1. novembre. Ecco cosa ne pensano i politici del nostro paese
BERNA
7 ore
Come Mitholz si prepara a dire addio all'ex deposito di munizioni
Chi abita nelle vicinanze dell'impianto dovrà trasferirsi in un luogo sicuro
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile