Keystone
BERNA
06.05.21 - 10:340

Il delicato lavoro del laboratorio di Berna

I ricercatori vogliono saperne di più sulle reazioni infiammatorie del sistema cardiocircolatorio provocate dal Covid.

Per farlo, infettano volutamente delle cellule umane. Le misure di protezione e di sicurezza devono però essere massime.

BERNA - Con rigide misure di sicurezza, ricercatori di un laboratorio bernese infettano cellule umane con il coronavirus. Vogliono scoprire i segreti delle reazioni infiammatorie del sistema cardiocircolatorio provocate dal Sars-CoV-2.

Muniti di tute protettive, aria filtrata e vere e proprie chiuse con due porte, gli scienziati lavorano in un laboratorio dal livello di biosicurezza 3, con sede nel centro di medicina traslazionale chiamato sitem-Insel.

Nel contesto del programma di ricerca nazionale "Covid-19", ricercatori sotto la guida di Yvonne Döring, dell'Università di Berna e dell'Inselspital, cercano di scovare reazioni specifiche delle cellule al coronavirus. «I casi più gravi di Covid-19 possono causare danni ai polmoni», ha spiegato Döring a Keystone-ATS nel corso di una visita al laboratorio. «Sappiamo pure che la malattia può far soffrire anche altri organi».

Quali cellule di preciso vengano infettate dal virus e in che modo questo si ripercuota sulle conseguenze a lungo termine, non è ancora totalmente chiaro. Per questo i ricercatori analizzano le cellule dei vasi sanguigni, della barriera emato-encefalica e dei muscoli cardiaci.

Massima sicurezza - Tutto ciò, come già detto, viene svolto con le massime misure di protezione, per evitare "fughe" del virus: «Bisogna immaginarsi il laboratorio di biosicurezza come una cipolla composta da vari strati», ha spiegato la direttrice del centro per le malattie infettive dell'Università di Berna Kathrin Summermatter.

Oltre ai differenti "strati", sono a disposizione telecamere e sistemi d'allarme. L'aria del laboratorio, pressurizzata, viene filtrata. Quando i ricercatori escono, vengono disinfettati assieme ai vestiti da lavoro. Oltre a ciò, i rifiuti vengono decontaminati. La possibilità che il virus trovi la strada verso la città è quindi assai remota, secondo Summermatter.

Il progetto, finanziato dal Fondo nazionale svizzero con due milioni di franchi, è previsto per una durata di due anni. I primi risultati sono però previsti già per la fine di quest'anno. Per un'applicazione concreta, bisognerà però aspettare diverso tempo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
3 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
5 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
SVIZZERA
7 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
8 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
8 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
GINEVRA
11 ore
Sferrò un calcio all'avversario, finirà in carcere
È stato condannato l'uomo che nel 2018 tirò un calcio in faccia a un avversario durante una partita di Quarta Lega.
SVIZZERA
11 ore
Legge Netflix: «Una truffa ai danni di consumatori e giovani»
Il comitato che intende lanciare un referendum contro la Legge ha presentato le sue argomentazioni.
BERNA
12 ore
Protesta contro le misure Covid, allontanate 510 persone
Manifestazione ieri sera nella capitale. Denunciati una decina di partecipanti. Operazioni durate fino a stamattina
FOTO
ITALIA / SVIZZERA
12 ore
Esplosione in un albergo dell'Alto Adige, nove feriti
Uno è grave. È successo all'ultimo piano dell'hotel Mirabell di Avelengo. Fra i ricoverati anche dei cittadini svizzeri.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile