Keystone (archivio)
SVIZZERA
05.05.21 - 23:000

Flotta svizzera, la sorveglianza è sempre "in alto mare"

Il Controllo federale delle finanze bacchetta i due enti di vigilanza, pur riconoscendo (leggeri) miglioramenti.

La crisi che il settore attraversa dal 2008 è già costata alla Confederazione 350 milioni di franchi.

BERNA - La sorveglianza della flotta svizzera di alto mare è ancora carente. È quanto constata il Controllo federale delle finanze (CDF) in un rapporto pubblicato oggi, pur riconoscendo che ci sono stati miglioramenti. La crisi che il settore attraversa dal 2008 è già costata alla Confederazione 350 milioni di franchi.

Sono due gli organi responsabili della vigilanza: l'Ufficio svizzero della navigazione marittima (USNM) e quello per l'approvvigionamento economico del paese (UFAE). Quest'ultimo ha acquisito le competenze finanziarie necessarie per effettuare una supervisione più professionale, ammette il CDF, aggiungendo però che manca di fermezza nei confronti degli armatori. Tollera ad esempio il fatto che i rapporti di revisione dei conti o quelli trimestrali delle compagnie di navigazione gli vengano consegnati con diversi mesi di ritardo.

In un periodo in cui il ruolo della flotta d'alto mare sta diventando meno importante per l'approvvigionamento economico del paese e il bisogno di risorse dell'UFAC sta diminuendo, il CDF raccomanda di esaminare in dettaglio se sia possibile trasferire dei compiti a società esterne o ad altri organi amministrativi.

Pur riconoscendo la necessità d'intervenire, il Dipartimento federale dell'economia (DEFR), fa da parte sua notare che queste soluzioni, e in particolare il trasferimento a privati, possono sollevare questioni di competenza.

L'USNM ha invece la responsabilità di controllare il rispetto delle disposizioni di legge, e in particolare di verificare che la società proprietaria di una nave abbia fondi propri pari ad almeno il 20% del valore contabile della nave. Molte imbarcazioni non hanno rispettato questo requisito per diversi anni. Tuttavia, a causa delle garanzie concesse, l'USNM non ha di fatto la possibilità di sanzionare le aziende colpevoli.

Il CDF lo aveva già sottolineato nei suoi precedenti rapporti. Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) intende avviare una revisione della legge federale sulla navigazione sotto bandiera svizzera.

La flotta elvetica di alto mare è in crisi dal 2008. La Confederazione ha iniettato nel settore diverse centinaia di milioni di franchi dal 2016. La débâcle è stata aspramente criticata in Parlamento, ma il Consiglio nazionale ha rifiutato in marzo d'istituire una commissione parlamentare d'inchiesta.

Lo scorso novembre, 19 navi operavano ancora sotto bandiera svizzera. Diciotto di queste beneficiano di prestiti garantiti dalla Confederazione per un importo di 332 milioni di franchi. Quattro devono essere vendute al più presto. Il Consiglio federale esaminerà gli scenari per il futuro della flotta entro l'estate.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 4 mesi fa su tio
🤐🤐🤐🤐🤐🤐
Amir 4 mesi fa su tio
Alle banche quando sono in perdita il governo foraggia soldi...alle ferrovie idem...ora anche al settore marittimo...ma basta non se ne può più...che poi siamo sempre noi a pagare questa gente incompetente...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Reddito di base, ci riprovano
Dopo la bocciatura del 2016, un comitato referendario torna alla carica proponendo tasse più alte su finanza e hi-tech
SVIZZERA
3 ore
Turismo degli acquisti presto più caro?
Chi si reca oltre confine dovrebbe pagare l'IVA a partire dai 50 franchi di acquisti al posto degli attuali 300.
SVIZZERA
5 ore
Su questo treno si sale solo con certificato Covid
Sul treno panoramico Glacier Express si viaggia solo se in possesso di un Covid-pass. Ma si può stare senza mascherina.
SVIZZERA
7 ore
Cosa fare quando vedi una scena simile?
Apriamo gli occhi sulla violenza all'interno di una coppia. Partecipa al sondaggio.
LUCERNA
13 ore
Le sottrasse diversi milioni, condannata una guaritrice
Una 66enne di Glarona è stata ritenuta colpevole di una lunga serie di reati, tra cui l'appropriazione indebita.
SVIZZERA
14 ore
La percentuale dei non vaccinati in cure intense? Molto alta
Tra il 19 luglio e il 15 agosto erano l'89% del totale. C'è preoccupazione per i tanti giovani malati
SVIZZERA
15 ore
Verso l'estensione oltre i sei mesi del certificato Covid per chi è guarito
«Faremo certamente degli aggiustamenti» affermano dall'Ufficio federale della sanità pubblica
ZURIGO
19 ore
Nessun controllo dei certificati, piscina chiusa dalla polizia
All'ingresso della struttura coperta erano affissi dei cartelli indicanti che non vi sarebbe stato alcun controllo.
BERNA
21 ore
Berna ne ha abbastanza dei No-Vax
La Città federale ha deciso di vietare qualsiasi manifestazione contro le misure anti-Covid-19.
SVIZZERA
22 ore
«No alle pellicce ottenute con la sofferenza degli animali»
Il Parlamento ha ricevuto una petizione che chiede di vietare l'importazione di prodotti ottenuti in modo crudele.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile