Immobili
Veicoli
Keystone
GRIGIONI
04.05.21 - 20:530

Implenia ristruttura, a rischio 150 posti di lavoro

Coira, Davos, Zernez, St. Moritz e Sils: questi i siti di produzione grigionesi che chiuderanno entro la fine del 2021.

I sindacati però non ci stanno e promettono battaglia: «Questi posti vengono sacrificati a causa delle decisioni sbagliate della direzione».

COIRA - Implenia ha annunciato questa sera una ristrutturazione con pesanti ripercussioni nei Grigioni. Chiuderanno le unità di produzione locali in cinque siti sparsi sul cantone: sono a rischio fino a 150 impieghi.

Entro la fine dell'anno, il colosso edile zurighese intende ritirarsi dai settori della costruzione stradale, dell'ingegneria civile e dell'edilizia nel cantone retico, indica un comunicato diramato in serata.

Implenia, da qui a fine dicembre, prevede di chiudere completamente i suoi siti di Davos, Zernez, St. Moritz e Sils, ovvero quasi tutti quelli presenti nel cantone. Si abbasseranno gran parte delle serrande pure a Coira. Nel capoluogo retico, viene precisato, l'azienda «continuerà a operare come fornitore di servizi completi e appaltatore chiavi in mano per la costruzione di edifici nella regione».

L'attività di costruzione di strade, ingegneria civile ed edilizia nel cantone è altamente localizzata e generalmente coinvolge progetti molto piccoli, spiega l'azienda, precisando che nel settore - estremamente stagionale e con un orientamento molto locale nei Grigioni - c'è anche un eccesso di capacità e ciò crea una forte pressione concorrenziale. Per questi motivi, Implenia si ritira da queste aree di business.

In futuro, il gruppo intende concentrarsi sullo sviluppo, la pianificazione e la realizzazione di grandi e complessi progetti immobiliari e infrastrutturali. Per realizzare questi progetti, viene sottolineato, si affiderà sempre più a subappaltatori e partner locali.

A rischio fino a 150 posti di lavoro - In totale potrebbero essere fino a 150 i dipendenti colpiti, in particolare operai edili, magazzinieri e anche impiegati d'ufficio. Implenia - che ha avvisato oggi i suoi collaboratori - ha avviato le consultazioni e prevede eventualmente anche l'elaborazione di un piano sociale. L'obiettivo del gruppo edile è di riuscire a trovare soluzioni all'interno del gruppo oppure tramite trasferimenti ad altri datori di lavoro.

In un tempestivo comunicato, i sindacati Syna e Unia hanno duramente criticato la strategia di Implenia. Nonostante un portafoglio ordini ben riempito, il gruppo cancella fino a 150 posti di lavoro. «Circa 120 di questi posti di lavoro e altri 30 nell'area tecnica/commerciale vengono sacrificati a causa delle decisioni sbagliate della direzione di Implenia, motivate dal prezzo delle azioni», affermano i sindacati. Syna e Unia chiedono inoltre un piano sociale e la garanzia che a tutti i lavoratori colpiti da queste misure sia trovato un nuovo lavoro.

Lo scorso ottobre, Implenia aveva annunciato la ristrutturazione con l'obiettivo di separarsi da comparti non redditizi e riorganizzarsi profondamente. In questo contesto intende tagliare fino a 2'000 posti di lavoro a tempo pieno entro il 2023: sono previsti circa 750 licenziamenti, 250 dei quali in Svizzera.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
M70 8 mesi fa su tio
se si muovono i sindacati è solo personale non residente..ma nessun problema.tanto lo perdono oggi e lo ritrovano domani..perchè loro sono qualificati...
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
27 min
Cadavere nella grotta, i genitori dell'omicida: «Resta sempre nostro figlio»
Il 22enne, che rischia oltre 16 anni di carcere, sta già scontando anticipatamente la pena.
VAUD
2 ore
«Fosse stato bianco sarebbe ancora vivo»
Circa sei mesi fa un uomo è stato ucciso da un poliziotto a Morges
SVIZZERA
3 ore
La gestione del lupo è efficace
Secondo uno studio, l'abbattimento di singoli esemplari ha permesso di ridurre le uccisioni di bestiame
SVIZZERA
3 ore
Una falla di sicurezza nel portale clienti di AutoPostale
Tra maggio 2021 e gennaio 2022 oltre 1'700 dati non erano protetti. Ora il problema è stato risolto
SVIZZERA
5 ore
Nel 2021 la terra ha tremato oltre mille volte
Tre sismi su suolo elvetico hanno avuto una magnitudo pari o superiore a 4.0: «Un numero più alto del solito».
SVIZZERA
6 ore
Lavoro ridotto, Berna proroga le misure fino a marzo
Il Consiglio federale ha adeguato l'ordinanza Covid-19 a sostegno delle imprese
SVIZZERA
8 ore
Record assoluto di casi in Svizzera: oltre 43mila in 24 ore
In discesa, con il 24,9%, il tasso di occupazione dei pazienti Covid in terapia intensiva.
ZURIGO
9 ore
Nessuna settimana dei "super contagi": «Le misure vanno revocate»
La Task Force aveva previsto una «settimana di super infezioni» per la fine di gennaio.
BASILEA CITTÀ
11 ore
Il mistero dei “cubi” arancioni
Si tratta di geofoni per la localizzazione di fonti di acqua termale per la realizzazione di un impianto geotermico
ZURIGO
22 ore
Cresce la paura della guerra: la Svizzera deve mediare?
Si fa sempre più tesa la situazione tra Ucraina e Russia. L'occidente teme ormai un'invasione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile