tipress
BERNA
03.05.21 - 14:150

Legge Covid-19, tutti i partiti dicono sì tranne UDC

Intanto l'"Associazione degli amici della Costituzione" ha lanciato un referendum contro la legge

Gli oppositori sostengono che le competenze in materia di diritto di necessità del Consiglio federale non dovrebbero essere legittimati retroattivamente durante la pandemia

BERNA - Un comitato interpartitico ha messo in guardia oggi da un "no" alla Legge COVID-19: se venisse respinta, non è assolutamente chiaro se gli aiuti finanziari potranno essere rapidamente ristabiliti.

Il 13 giugno il popolo sarà chiamato a esprimersi sulla Legge federale sulle basi legali delle ordinanze del Consiglio federale volte a far fronte all'epidemia di COVID-19 (Legge COVID-19). Partito socialista, Partito liberale radicale, Alleanza del Centro (ex PPD), Verdi, Verdi liberali e Partito evangelico, sostengono insieme la campagna per un sì a questa legge, mentre l'UDC ha deciso di lasciare libertà di voto.

«Lottiamo da oltre un anno contro la più grande sfida degli ultimi decenni», ha detto il presidente di Alleanza del Centro e consigliere nazionale Gerhard Pfister (ZG) in una conferenza stampa oggi a Berna. La Legge COVID-19 è «elemento centrale» per affrontare la crisi.

«Fine degli aiuti finanziari» - La legge ha permesso di aiutare «il più rapidamente possibile» imprese, dipendenti e lavoratori autonomi. Essa è «efficace» e «essenziale» per assicurare la sopravvivenza di molti. «Senza la legge, non c'è più aiuto ai casi di rigore e nessuna indennità per lavoro ridotto«, ha detto Pfister. Se e come questi aiuti possano essere ripresi non è assolutamente chiaro, ha detto.

La copresidente del PS e consigliera nazionale Mattea Meyer (ZH) ha ricordato che il Consiglio federale ha promesso che «nessuno sarebbe stato lasciato solo» nella crisi del coronavirus. Con la legge, questa promessa viene mantenuta. «Le misure di ammortizzazione economica sono al centro della legge COVID-19», ha detto. Non si tratta di dove debba essere indossata una mascherina - e dove no, ha detto.

Malcontento tra la popolazione - «Ciò che mi preoccupa di più è il fatto che il malcontento e la frustrazione stiano aumentando tra la popolazione», ha detto il capogruppo del PLR alle Camere federali e consigliere nazionale Beat Walti (ZH). «Penso che sia pericoloso». Ma un no alla legge COVID-19 non significa che le restrizioni saranno eliminate, ha aggiunto.

La consigliera nazionale Regula Rytz (Verdi/BE) ha avvertito che senza la legge COVID-19, decine di migliaia di persone andrebbero in assistenza sociale.

La consigliera nazionale PEV Lilian Studer (BE) ha ricordato l'importanza della legge per il settore culturale. Si tratta di molte persone con bassi stipendi che vivrebbero di stenti, ha detto. Nello sport, senza sostegno finanziario, la promozione dei giovani talenti e delle donne sarebbe probabilmente la prima cosa ad essere messa in pericolo.

Anche la «difficoltà di coloro che lavorano nei media» sarebbe aggravata senza aiuti finanziari, ha detto la consigliera nazionale Melanie Mettler (Verdi liberali/BE). I media stanno lottando con problemi strutturali da anni.

Diritto di necessità e legge sulle epidemie - Per mitigare le conseguenze della crisi del coronavirus, il Consiglio federale ha adottato una serie di misure. Poiché la legge sulle epidemie non fornisce una base giuridica per tutte le misure adottate, il Consiglio federale ha dovuto ricorrere al diritto di necessità. Questo è previsto dalla Costituzione.

Tuttavia, tale diritto di necessità è limitato a sei mesi. Per poter proseguire le misure, il Consiglio federale e il Parlamento hanno elaborato la legge COVID-19. Il Parlamento ha approvato la legge con procedura urgente alla fine di settembre ed è entrata in vigore immediatamente. Scade alla fine di quest'anno.

L'"Associazione degli amici della Costituzione" ha lanciato un referendum contro la legge. Gli oppositori sostengono che le competenze in materia di diritto di necessità del Consiglio federale non dovrebbero essere legittimati retroattivamente durante la pandemia. Criticano anche la rapida approvazione di nuovi farmaci e l'appello alla vaccinazione.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
In Svizzera 3'297 contagi in settantadue ore
Nel corso del weekend si è reso necessario il ricovero per 49 pazienti Covid. Sono stati registrati quindici decessi
SVIZZERA
1 ora
Chi ha detto che gli over 55 se la passano male?
Il tasso di occupazione aumenta. E anche il riconoscimento professionale. Lo dice uno studio di Swisslife.
SVIZZERA
2 ore
«Il Tribunale federale non è un casinò»
Un comitato partitico prende la parola contro l'Iniziativa sulla giustizia in votazione il prossimo 28 novembre
SVIZZERA
3 ore
La pandemia aggrava la situazione economica dei media
La pubblicità è in calo anche nell'online, per la prima volta dal 2014
SVIZZERA
3 ore
La luce in fondo al Covid? Ci sono cinque "se"
Il capo della Conferenza dei direttori sanitari Engelberger è ottimista. Ma restano dei punti di domanda
SVIZZERA
5 ore
Quattro aziende su cinque hanno lo stesso problema
In Svizzera la crisi delle materie prime è già "pandemica", secondo Economiesuisse. «I prezzi aumenteranno»
VALLESE
5 ore
Collisione fatale sul passo della Novena
Questo sabato un centauro 26enne ha perso la vita dopo che un'auto ha sconfinato nella sua carreggiata, colpendolo
SVIZZERA
7 ore
La manifestazione no-Pass di Berna, due giorni dopo
Tre cose degne di nota dalla moto di piazza di sabato, fra chi (e quanti) c'erano e una polemica che riguarda la polizia
SVIZZERA
17 ore
«Il contact tracing è nel caos»
Col calo delle temperature, i contagi tornano ad aumentare. Ora è fondamentale individuare i luoghi di contagio
GINEVRA
21 ore
Tagli all'aeroporto di Ginevra
Salta una ventina di posti di lavoro a causa delle difficoltà finanziarie dovute alla pandemia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile