keystone
VAUD
03.05.21 - 12:260

Molestie alla RTS: la votazione "No Billag" non è annullata

Il Tribunale federale ha deciso di respingere il ricorso di un ginevrino.

Questi affermava che la metà dei voti contrari all'iniziativa si sarebbero aggiunti a quelli favorevoli se la Radiotelevisione svizzera non avesse «nascosto delle informazioni».

LOSANNA - La votazione del 4 marzo 2018 sull'iniziativa "No Billag" (Sì all'abolizione del canone radiotelevisivo") non è annullata. Il Tribunale federale (TF) respinge il ricorso di un cittadino ginevrino che invocava le rivelazioni del giornale "Le Temps" sulle disfunzioni in seno alla RTS.

Condizioni non soddisfatte - In una sentenza pubblicata oggi il Tribunale federale ricorda che devono essere soddisfatte condizioni molto severe per ottenere il controllo della regolarità di una votazione federale sulla sola base della Costituzione. Deve essere condotta una ponderazione degli interessi che tenga conto della differenza di voti, dell'influenza delle irregolarità sul risultato del voto e della sicurezza del diritto.

Nel caso specifico, la prima Corte di diritto pubblico constata che l'iniziativa popolare "Sì all'abolizione del canone radiotelevisivo" è stata respinta da una larga maggioranza dei votanti (71,6%) e da tutti i cantoni. La situazione è quindi molto diversa da quella che ha portato nel 2019 all'annullamento da parte del Tribunale federale della votazione del 28 febbraio 2016 sull'iniziativa popolare "Per il matrimonio e la famiglia" a causa di informazioni errate del Consiglio federale. Il testo era stato respinto dal 50,8% dei cittadini e accettato dalla maggioranza dei cantoni.

Argomentazione insufficiente - Secondo i giudici, l'argomentazione del ricorrente non è sufficiente a dimostrare che la conoscenza da parte del pubblico delle disfunzioni rivelate successivamente da "Le Temps" avrebbe potuto avere un'influenza determinante sulla votazione "No Billag", il cui risultato era molto chiaro. Il ginevrino affermava che la metà dei voti contrari all'iniziativa si sarebbero aggiunti a quelli favorevoli se la Radiotelevisione svizzera non avesse «nascosto delle informazioni».

Il 31 ottobre 2020, il quotidiano "Le Temps" ha pubblicato un'ampia inchiesta che denunciava molestie sessuali, gesti inappropriati e abusi di potere alla RTS. Diversi dipendenti erano messi in discussione. Un'indagine interna ha confermato una parte dei fatti denunciati.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
CONFINE
56 min
Vaccinati o no? Al via i controlli al confine
Chi valica la frontiera in entrata, da oggi dovrà essere in possesso di "pass", e compilare un modulo
SVIZZERA
1 ora
«I vaccinati dovrebbero togliere la mascherina»
Secondo il primario Andreas Widmer ora c'è il rischio che gli ospedali si riempiano a causa dei malati di influenza.
SVIZZERA
1 ora
Un "Rendez-Vous" su Bundesplatz
Dal 16 ottobre al 20 novembre la facciata tornerà a illuminarsi per combattere il cambiamento climatico.
FOTO
CANTONE / SVIZZERA
10 ore
Tra lo smartphone e una maxi grattugia, i ticinesi del Flugtag
L'evento Red Bull ha avuto luogo oggi a Losanna. Quaranta i gruppi che hanno partecipato, nessuno ha raggiunto il record
SAN GALLO
16 ore
Il malore, lo schianto e la morte sull'A3
È morto sul posto il 78enne belga protagonista dell'incidente avvenuto nel pomeriggio a Berschis.
SONDAGGIO
SVIZZERA
18 ore
I non vaccinati in attesa di Johnson & Johnson
La Confederazione sta negoziando l'acquisto di dosi. Nel frattempo cittadini impazienti contattano Swissmedic
SOLETTA
19 ore
Auto senza targa sull'A1, la polizia la insegue senza successo
Il veicolo, rubato a Zurigo, è stato successivamente ritrovato in un parcheggio a Derendingen.
SCIAFFUSA
20 ore
«Nulla a che fare con l'incidente a Paradies»
I sommozzatori della polizia erano impegnati nella ricerca dei due nuotatori scomparsi, quando hanno rinvenuto un corpo.
SVIZZERA
21 ore
In limousine dall'amante
Il Ministro nell'occhio del ciclone per aver utilizzato l'automobile di rappresentanza per un viaggio privato.
ZURIGO
21 ore
Un uomo trovato morto per strada
Le forze dell'ordine zurighesi presumono si tratti di omicidio e cercano testimoni.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile