Unsplash
SVIZZERA
03.05.21 - 00:000
Aggiornamento : 06:39

«Nella vasca da bagno l'elettricità è particolarmente pericolosa»

Parla l'esperto UPI dopo l'incidente in cui una ventiduenne è rimasta folgorata a causa dello smartphone in carica

Si tratta di episodi che si possono evitare con l'installazione di un interruttore salvavita

GOSSAU - «Tragedie come queste sono molto rare. Tuttavia, in media in Svizzera ogni anno tre persone muoiono fulminate». È quanto afferma Nicolas Kessler, portavoce dell'Ufficio prevenzione infortuni (UPI) a seguito dell'incidente letale che si è verificato giovedì sera a Gossau (SG): una 22enne ha perso la vita nella vasca da bagno a causa dello smartphone in carica caduto in acqua.

Kessler spiega per quale motivo è pericoloso utilizzare dispositivi collegati alla presa elettrica mentre ci si trova in bagno: «Quando la corrente elettrica fluisce da un apparecchio alla terra passando da un corpo umano, si rischia sempre la vita. Si tratta di una situazione particolarmente pericolosa nella vasca da bagno, in quanto il dispositivo non è adeguatamente isolato dall'acqua. E allo stesso tempo con la presenza dell'acqua, il corpo è ben collegato alla terra».

In una situazione del genere, un quantitativo importante di elettricità può quindi passare attraverso il corpo. «Qualsiasi apparecchio che è collegato a una presa elettrica non si deve trovare nelle vicinanze di una vasca da bagno». Quando cade invece in acqua un dispositivo a batteria, potrebbe verificarsi un corto circuito di quest'ultima. La batteria si potrebbe surriscaldare e prendere fuoco. Non è chiaro cosa sia effettivamente accaduto nel caso di Gossau: spetta all'Ispettorato federale per gli impianti a corrente forte (ESTI) stabilire se è caduto in acqua lo smartphone con tanto di cavo di alimentazione.

L'interruttore che può salvare la vita - Quale misura preventiva, Kessler raccomanda l'installazione di un interruttore FI: «Si tratta di un interruttore differenziale di corrente che protegge dalla folgorazione. Quando qualcuno tocca un apparecchio non adeguatamente isolato, la corrente scorre attraverso il suo corpo. L'interruttore interrompe immediatamente questo flusso. E può salvare la vita».

Gli edifici nuovi sono già equipaggiati con tale interruttore. «Ma per quanto riguarda quelli più vecchi, consigliamo di verificarne la presenza». Secondo l'esperto, soprattutto il bagno va munito d'interruttore FI. In generale, quando ci si immerge in acqua, andrebbero utilizzati soltanto dispositivi che sono previsti per tale situazione.

Uccisa dall'asciugacapelli - Una pubblicazione dell'ESTI riporta un incidente letale che si è verificato nel 2014: si tratta di una donna che alle cinque del mattino si voleva asciugare i capelli facendo il bagno. «Riempiendo la vasca, si è messa un casco asciugacapelli elettrico. E poi è entrata in acqua, tenendo in testa l'apparecchio collegato alla presa elettrica con una prolunga» si evince dal rapporto.

L'apparecchio, «un modello proveniente dall'estero», funzionava direttamente con una tensione di rete a 230 volt e non era previsto per l'utilizzo in acqua. La fodera interna si è scaldata con l'umidità. E la tensione elettrica è entrata in contatto direttamente con la testa. «La corrente elettrica è entrata nella testa ed è uscita dal ginocchio sinistro» spiega l'ESTI. Se ci fosse stato un interruttore differenziale, entro un massimo di 0,03 secondi l'elettricità si sarebbe interrotta. E quindi secondo gli esperti la donna «se la sarebbe molto probabilmente cavata con uno spavento».

Undicenne morta nella vasca - Nel febbraio del 2020 nel Vorarlberg, in Austria, si è invece verificato un incidente mortale nella vasca da bagno che ha visto come protagonista un bambina di undici anni. Anche lei stava utilizzando uno smartphone collegato alla presa elettrica. Quando i familiari si erano resi conto che la bimba non rispondeva, hanno sfondato la porta. Ma era ormai troppo tardi: l'undicenne aveva riportato delle gravissime ustioni. All'epoca un esperto interpellato da Die Presse aveva affermato che è improbabile che un cellulare causi un simile incidente, a meno che la batteria non abbia un difetto.

UPI
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Quarantena senza salario per i non vaccinati? «Sì, ma...»
In Germania il provvedimento scatterà il prossimo 1. novembre. Ecco cosa ne pensano i politici del nostro paese
BERNA
3 ore
Come Mitholz si prepara a dire addio all'ex deposito di munizioni
Chi abita nelle vicinanze dell'impianto dovrà trasferirsi in un luogo sicuro
SONDAGGIO TAMEDIA
4 ore
Tutti alle urne: come avete votato?
Domenica saremo chiamati a esprimerci sul Matrimonio per tutti e sull'Iniziativa 99%. Partecipate al nostro sondaggio
FOTO
LUCERNA
12 ore
Niente manifestazione a Willisau
60 persone sono state controllate dalla polizia e poi allontanate
BERNA
13 ore
Gli scettici sui vaccini pubblicano file non censurati dei pazienti
In particolare, su Telegram, è comparsa la cartella clinica di una donna finita in ospedale dopo il vaccino.
FOTO
GINEVRA
14 ore
Manifestazione in semi lockdown: assoluzione quasi generale
La corte ha stabilito che la polizia avrebbe dovuto agire con più moderazione
BERNA
15 ore
Barricate, proiettili di gomma e idranti nel cuore di Berna
Transenne e molti agenti oggi su Piazza federale per scongiurare lo svolgimento di nuove proteste anti-covid
FRIBORGO
16 ore
Prende a pugni due donne nel centro di Friborgo, arrestato un 32enne
L'aggressione, senza motivo, risale allo scorso sabato. L'uomo è stato posto in detenzione preventiva.
SVIZZERA
18 ore
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
ZURIGO
20 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile