Keystone
BASILEA CITTÀ
01.05.21 - 18:100

Priorità per la vaccinazione: a Basilea si va sulla «fiducia» e non mancano i problemi

Per i contatti stretti di persone a rischio non è previsto un certificato: «Crediamo all'onestà delle persone».

Non mancano, però, i casi di chi sbaglia a registrarsi, anche in buona fede. E sarà vaccinato prima comunque. In Ticino non sarebbe possibile.

BASILEA - È una situazione un po' paradossale e che sta creando una certa confusione quella che si registra in questi giorni a Basilea Città per quanto riguarda le vaccinazioni anti Covid. Il Cantone ha infatti da poco aperto la possibilità di annunciarsi alle persone, anche giovani, che siano «a stretto contatto» con persone a rischio, ma, a differenza di quanto avviene per queste ultime, non chiede loro un certificato medico. Ha quindi già riscontrato alcuni casi di giovani che hanno ottenuto un appuntamento per l'immunizzazione pur non avendone tecnicamente diritto. Tuttavia, credendo nella buona fede di tutti, non manderà indietro «nessuno».

Come confermato via Twitter da una portavoce, il Dipartimento della sanità cantonale ha verificato su richiesta dei diretti interessati che alcuni giovani e giovanissimi hanno ottenuto senza problemi un appuntamento pur non avendone propriamente titolo. Ciò, tuttavia, non è dovuto a un errore della piattaforma di registrazione, assicura Anne Tschudin: «Queste persone hanno risposto "sì" alla domanda» se fossero a stretto contatto o meno con persone a rischio.

E lo hanno fatto in buona fede, almeno secondo lei. «Chi per esempio vive nella stessa economia domestica con qualcuno che sia immunodepresso o sia partner di una donna incinta è giusto - spiega -. Non si intendeva invece chi ogni tanto vede i genitori che hanno la pressione alta o va a trovare la nonna». Questi ultimi, però, non saranno rimandati a casa quando si presenteranno all'appuntamento, conferma Tschudin a 20 Minuten: «Non lo faremo - assicura -. Crediamo all'onestà delle persone».

Cosa fare quindi se si è ottenuto un appuntamento per errore? A rispondere è di nuovo la portavoce stessa su Twitter: «Chi ora si fa scrupoli e vuole lasciare l'appuntamento per esempio agli ultra 50enni può annullare l'appuntamento ed è pregato di registrarsi nuovamente», afferma. Non dovrà comunque attendere molto perché arrivi il suo turno. 

Stando alle indicazioni pubblicate online dal Cantone Basilea Città e al piano vaccinale di quest'ultimo, non sembra effettivamente essere previsto alcun certificato per i contatti stretti delle persone ad alto rischio. Anche la portavoce del Dipartimento della sanità conferma del resto che questa categoria non ha modo di dimostrare la propria condizione quando si presenta al centro vaccinale. Per questo si va sulla fiducia.

In Ticino una simile situazione non sarebbe possibile. Al momento della vaccinazione anche le persone a stretto contatto con persone a rischio devono infatti produrre un certificato medico ufficiale firmato e timbrato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVITTO
54 min
Auto nel pendio, un morto
Grave incidente ieri pomeriggio a Muotathal. Due feriti e un decesso
SVIZZERA
6 ore
Noto attivista Corona-scettico finisce in cure intense con il virus
Il 66enne François de Siebenthal si è opposto pubblicamente alle disposizioni sanitarie decise dal Governo federale.
FOTO
SVIZZERA
9 ore
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
9 ore
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SVIZZERA
11 ore
Licenziati cinque militari no-vax
Facevano parte del Comando forze speciali e senza vaccino non avrebbero potuto effettuare missioni all'estero.
FOTO
ARGOVIA
11 ore
Con il 2.6 per mille combina un disastro
Ieri sera a Mellingen, una 37enne si è messa alla guida della sua automobile completamente ubriaca. Pessima idea.
SVIZZERA
12 ore
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
15 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
1 gior
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
1 gior
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile