Keystone
Una manifestazione questa mattina a Basilea
BERNA
01.05.21 - 11:000
Aggiornamento : 14:08

1. maggio: l'Unione sindacale svizzera chiede una «ripartenza sociale»

La pandemia ha fatto emergere le disuguaglianze. In centinaia di migliaia temono per il proprio impiego.

BERNA - In occasione del Primo Maggio, l'Unione sindacale svizzera (USS) ha sottolineato come «le vite dei lavoratori valgano più dei profitti». L'organizzazione sindacale, con azioni in tutta la Svizzera, ha chiesto «una ripartenza sociale» per far fronte alle diseguaglianze evidenziate dalla pandemia. Inviti alla solidarietà sono giunti anche dai due consiglieri federali socialisti Alain Berset e Simonetta Sommaruga.

Centinaia di migliaia di lavoratori sono stati licenziati o devono temere per il loro lavoro, ha indicato l'USS. Le persone meno pagate sono quelle che soffrono di più le conseguenze della crisi del coronavirus.

Disuguaglianze - Da una parte l'orario ridotto e la disoccupazione che hanno ridotto sensibilmente i salari. Dall'altra, le persone che guadagnano di più che sono state in grado di aumentare la loro ricchezza. I sindacati si battono per la piena occupazione, migliori salari e pensioni più sociali. E per questo Primo maggio hanno lanciato lo slogan "Le nostre vite valgono più dei loro profitti!".

A differenza di un anno fa, quando tutte le manifestazioni pubbliche erano state annullate, quest'anno si sono svolte in varie città azioni decentralizzate, organizzate nel rispetto delle restrizioni sanitarie. Le tradizionali feste del Primo Maggio sono invece state annullate nella maggior parte dei cantoni. A partire dalle 13, l'USS ha trasmesso in streaming un programma dal suo studio di Zurigo con istantanee delle azioni previste nelle varie regioni del Paese.

Quadro piuttosto deprimente - Il presidente dell'USS Pierre-Yves Maillard ha stilato un quadro piuttosto deprimente della situazione dei salariati. La pandemia ha accresciuto le disparità. Il mondo del lavoro ha pagato un pesante tributo: calo dei redditi, disoccupazione massiccia e insicurezza economica generalizzata. Ma, a suo avviso, occorre guardare verso il futuro. «Dopo la lotta contro il virus, è giunto il momento di riprendere la lotta sociale, per migliori salari, impieghi dignitosi e sicuri e buone pensioni».

Dal canto suo, la presidente di Unia Vania Alleva ha ricordato come la situazione nei settori a bassa retribuzione sia peggiorata durante la crisi sanitaria. Gli orari di lavoro eccessivamente flessibili, i mini-tempi parziali e il lavoro su chiamata si moltiplicano: «La lotta per salari decenti e condizioni di lavoro sicure diventa sempre più importante», secondo la responsabile sindacale.

Constatando un aggravamento delle disparità sociali che rischiano di generare una profonda divisione sociale, il sindacato Unia ha rivendicato atti concreti: si tratta di procedere a una redistribuzione dei redditi con un aumento delle indennità per il lavoro ridotto al 100% per i salari netti fino a 5'000 franchi, ovvero più di quanto ha fissato il Parlamento.

Secondo Unia, nuovi contratti collettivi di settore vincolanti sono necessari nelle professioni «essenziali» ancora poco regolamentate nel settore dei servizi. Infine, le imprese che hanno dovuto chiudere a causa della pandemia devono essere esentate dal pagamento dell'affitto.

Berset e Sommaruga invitano alla solidarietà - Invitati dall'Unione sindacale svizzera, anche i consiglieri federali Simonetta Sommaruga e Alain Berset hanno lanciato un appello alla solidarietà in occasione del Primo Maggio.

Berset ha dichiarato in un discorso su twitter che la crisi del coronavirus ha un punto in comune con altre crisi: «I più deboli soffrono di più, non soltanto per le conseguenze sanitarie ma anche per quelle economiche».

«Le disparità continuano ad aumentare e i posti di lavoro a bassa remunerazione sono particolarmente minacciati. La crisi tocca soprattutto le donne», ha aggiunto il consigliere federale socialista. «Molte hanno perso il loro impiego, in particolare le donne in professioni in cui il telelavoro non è possibile, per esempio nella vendita, negli ospedali o nelle cure. Per questo motivo la solidarietà è necessaria ora, ma anche dopo la pandemia».

Simonetta Sommaruga aveva già rivolto ieri, alla vigilia del Primo maggio, un messaggio di solidarietà ai dipendenti di una libreria e di un centro commerciale di Losanna.

La consigliera federale svolge regolarmente visite simili nell'ambito della Festa dei lavoratori. Quest'anno si è concentrata sul commercio al dettaglio, settore che impiega 300'000 persone in Svizzera e che è stato particolarmente colpito dalla crisi del coronavirus.

Solidarietà con i sindacati europei - Dal canto suo, l'ex presidente dell'USS e consigliere agli Stati, Paul Rechsteiner (PS/SG) ha sottolineato che la solidarietà con i sindacati europei è necessaria. Lo smantellamento della protezione salariale minaccia i dipendenti, indipendentemente dal colore del proprio passaporto".

«I salari svizzeri devono essere pagati in Svizzera», ha aggiunto. Inoltre, controlli salariali efficaci sono necessari e un salario minimo è indispensabile.

Manifestazioni in tutta la Svizzera - Come detto, decine di manifestazioni erano previste oggi in tutta la Svizzera. A Basilea, stamane oltre un migliaio di persone si sono riunite nonostante una meteo capricciosa per una manifestazione autorizzata. Nonostante alcune piccole scaramucce con la polizia, l'evento si è svolto in modo pacifico.

La rivendicazione principale di questa manifestazione: un salario minimo prescritto dallo Stato di 23 franchi all'ora. Un'iniziativa popolare dei sindacati sul tema sarà oggetto di una votazione cantonale il prossimo 13 giugno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA/AUSTRIA
4 ore
La Lamborghini finisce nel lago (e la polizia ride)
Un automobilista elvetico protagonista di una manovra rocambolesca in Austria.
FOTO
ZURIGO
8 ore
Berset contestato fuori dall'Uni
Questa sera a Zurigo diverse persone hanno manifestato contro l'obbligo di certificato per accedere alle lezioni.
VALLESE
9 ore
Due morti sul Cervino
Le vittime sono un 24enne e un 25enne, che ieri sono precipitati mentre scalavano la parete nord
SVIZZERA
10 ore
I partiti plaudono e criticano
I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».
SVIZZERA
11 ore
Che salasso andare al museo
In certi casi per un'escursione familiare bisogna spendere anche 92 franchi
SVIZZERA
11 ore
Per i guariti certificato Covid esteso a un anno
La Confederazione vuole così introdurre una nuova versione del Covid-pass: il «certificato Covid svizzero».
ZURIGO
12 ore
Investito da un tram, morto un pedone
L'incidente si è verificato nel primo pomeriggio di oggi a Zurigo, nelle vicinanze della fermata Bad Allenmoos
FRIBURGO
12 ore
Bimbo di 8 anni investito da un mezzo agricolo
È successo ieri a La Roche. Coinvolto nell'incidente anche il padre del bambino
SVIZZERA
13 ore
Giovani con il coltello in tasca: «Si sentono potenti e virili»
Si verificano con sempre più frequenza fatti di sangue in cui i giovani brandiscono un coltello.
SVIZZERA
14 ore
Aumentano ancora le infezioni, oggi sono 1'442
Le persone ospedalizzate nelle ultime 24 ore a causa del coronavirus sono 34. Cinque i decessi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile