deposit
SVIZZERA
30.04.21 - 14:200

Violenza domestica, un numero d'emergenza per le vittime

Confederazione, Cantoni e organizzazioni civili uniscono le loro forze per prevenire e contrastare la violenza domestica

Firmata una tabella di marcia che stabilisce misure mirate e coordinate

BERNA - La lotta contro la violenza domestica va intensificata. A tale scopo, la Confederazione e i cantoni hanno firmato oggi una tabella di marcia che stabilisce misure concrete, come l'introduzione di un numero telefonico centrale per le vittime.

La violenza domestica è un problema serio, secondo quanto indica una nota odierna del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP). Nel 2020 sono stati registrati circa 20'000 reati di violenza domestica. E 28 persone hanno perso la vita. La maggior parte delle vittime erano donne.

La Confederazione e i cantoni ritengono che la violenza domestica debba essere combattuta con provvedimenti mirati e coordinati. Dopo una riunione con tutti gli attori importanti del settore è stata quindi adottato una tabella di marcia e isolati dieci aree prioritarie di azione.

L'accesso alla consulenza, che ha ricevuto ulteriore impulso nel corso della pandemia, è uno di questi. Sono già stati elaborati scenari per la creazione di un numero telefonico centrale raggiungibile 24 ore su 24. Nell'ambito di un progetto pilota, i cantoni esamineranno anche la possibilità di mettere a disposizione delle vittime, su base volontaria, un pulsante di allarme.

Altre aree di azione identificate sono la prevenzione dalla violenza, l'assistenza alle vittime, la protezione dei bambini, il monitoraggio degli autori di violenze, la formazione continua e il coordinamento tra i vari attori.

La tabella di marcia pone le basi per l'attuazione della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (convenzione di Istanbul), che la Svizzera ha ratificato nel 2018, osserva il DFGP. La sua attuazione sarà parte integrante del piano d'azione nazionale deciso dal Parlamento nel programma legislativo 2019-2023 volto a concretizzare questa la convenzione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
LUCERNA
6 ore
Niente manifestazione a Willisau
60 persone sono state controllate dalla polizia e poi allontanate
BERNA
7 ore
Gli scettici sui vaccini pubblicano file non censurati dei pazienti
In particolare, su Telegram, è comparsa la cartella clinica di una donna finita in ospedale dopo il vaccino.
FOTO
GINEVRA
8 ore
Manifestazione in semi lockdown: assoluzione quasi generale
La corte ha stabilito che la polizia avrebbe dovuto agire con più moderazione
BERNA
9 ore
Barricate, proiettili di gomma e idranti nel cuore di Berna
Transenne e molti agenti oggi su Piazza federale per scongiurare lo svolgimento di nuove proteste anti-covid
FRIBORGO
10 ore
Prende a pugni due donne nel centro di Friborgo, arrestato un 32enne
L'aggressione, senza motivo, risale allo scorso sabato. L'uomo è stato posto in detenzione preventiva.
SVIZZERA
12 ore
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
ZURIGO
14 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
SVIZZERA
14 ore
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
15 ore
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
15 ore
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile